Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La spia perfetta

Di

Editore: A. Mondadori (Oscar bestsellers; 158)

3.5
(321)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 567 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Francese , Spagnolo , Olandese , Tedesco , Portoghese

Isbn-10: 8804334142 | Isbn-13: 9788804334149 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Dida Paggi , Marco Paggi

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Political

Ti piace La spia perfetta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 1

    Terrificante

    Comprai questo libro dodici anni fa e, nonostante fossi allungato in spiaggia, dopo 100 pagine lo lasciai perdere. A dodici anni di distanza mi è ricapitato sotto mano e ci ho riprovato, forse sperando inconsciamente che il tempo l'avesse migliorato. Purtroppo invece non si tratta di vino o di wh ...continua

    Comprai questo libro dodici anni fa e, nonostante fossi allungato in spiaggia, dopo 100 pagine lo lasciai perdere. A dodici anni di distanza mi è ricapitato sotto mano e ci ho riprovato, forse sperando inconsciamente che il tempo l'avesse migliorato. Purtroppo invece non si tratta di vino o di whiskey ed è rimasto quello era 12 anni fa. Un genere di monologo mattone nel quale non capita di imbattersi frequentemente, che mi ha annoiato fino all'ultima pagina. Sono arrivato a sperare che il protagonista morisse improvvisamente e che la trama sì ravvivasse. Una rarità nel suo genere. Il mio primo e ultimo libro di Le Carré.

    ha scritto il 

  • 2

    Che fatica...

    Commento brevissimo: che fatica arrivare alla fine! Sinceramente pensavo di abbandonarlo a meno di 100 pagine, poi ho provato a portarlo in fondo, ma devo dire una faticaccia assurda.
    Se vi piacciono i libri intrisi di descrizioni talvolta anche superflue, fa per voi. Per me è stata una sofferenz ...continua

    Commento brevissimo: che fatica arrivare alla fine! Sinceramente pensavo di abbandonarlo a meno di 100 pagine, poi ho provato a portarlo in fondo, ma devo dire una faticaccia assurda. Se vi piacciono i libri intrisi di descrizioni talvolta anche superflue, fa per voi. Per me è stata una sofferenza atroce!

    ha scritto il 

  • 0

    Roulette russia

    Scrivere male di qualcuno o qualcosa è davvero più semplice, e meno gratificante, che scriverne bene: i difetti o sono evidenti, o si possono fabbricare per snobismo. Mentre per tessere degnamente le lodi della qualità, materia elusiva, (chiedete a Robert Piercing), servono antenne che vibrino al ...continua

    Scrivere male di qualcuno o qualcosa è davvero più semplice, e meno gratificante, che scriverne bene: i difetti o sono evidenti, o si possono fabbricare per snobismo. Mentre per tessere degnamente le lodi della qualità, materia elusiva, (chiedete a Robert Piercing), servono antenne che vibrino all'unisono con quelle dell'artista; o un'artista sufficientemente strategico da creare assonanze anche nel più sciatto e disattento dei lettori. Detto questo, forse il libro più bello di Lecarrè, dove l'autore si permette tutta la densa e intricata umanità di cui è capace. Ad essere rivelata alla fine, e a giustificare la delicatezza ironica del titolo, non è l'identità di una talpa, un complotto internazionale, i piani di Karla, ma la trama esistenziale di una vita troppo intensa, non più trattenuta dalla rigida disciplina del segreto.

    ha scritto il 

  • 4

    Contenta di non averlo mollato

    Continui flashback per poter comprendere la personalità di Magnus, la spia perfetta.Mentre afferri i motivi del suo operato perdi di vista lui, un piacevole tormento, pure perchè lui è un uomo moolto affascinante...


    Manovre lente e meticolose per poterlo ritrovare dopo che sembrava essere ...continua

    Continui flashback per poter comprendere la personalità di Magnus, la spia perfetta.Mentre afferri i motivi del suo operato perdi di vista lui, un piacevole tormento, pure perchè lui è un uomo moolto affascinante...

    Manovre lente e meticolose per poterlo ritrovare dopo che sembrava essere stato inghiottito da un buco nero.

    All'inizio questo romanzo potrebbe sembrare noioso, un consiglio: armatevi di pazienza e non mollate, ne vale la pena.

    ha scritto il 

  • 4

    Ha ragione Goffredo Fofi, Le Carrè è meglio di tanti autori o novità di cui troppo si parla. Le sue trame avvolgenti e i suoi personaggi inafferrabili, lasciano dubbi e domande e sulla trama prevalgono i misteriosi meccanismi che ci fanno agire sulla scena della nostra vita. Un dubbio mi resta: n ...continua

    Ha ragione Goffredo Fofi, Le Carrè è meglio di tanti autori o novità di cui troppo si parla. Le sue trame avvolgenti e i suoi personaggi inafferrabili, lasciano dubbi e domande e sulla trama prevalgono i misteriosi meccanismi che ci fanno agire sulla scena della nostra vita. Un dubbio mi resta: non posso sottrarmi all'impressione di un eccesso di retorica e logorrea, forse frutto di troppa bravura.

    ha scritto il 

  • 5

    Barbara [ http://www.anobii.com/anbra6/books ] makes it sound as if this masterpiece of modern spy literature was written with EFL, teaching of English as Foreign Language in mind [ http://en.wikipedia.org/wiki/English_as_a_foreign_or_se… ].


    Not so – and, as for it being "simpl ...continua

    Barbara [ http://www.anobii.com/anbra6/books ] makes it sound as if this masterpiece of modern spy literature was written with EFL, teaching of English as Foreign Language in mind [ http://en.wikipedia.org/wiki/English_as_a_foreign_or_second_language ].

    Not so – and, as for it being "simple" (=as in simplistic) and "linear" – Barbara doesn't know the meaning of those words. While nominally about the business of spying, the main theme of this book is the process of achieving maturity, the essence, unattainability and price of life-time friendships. Long after all other John Le Carré's works have been forgotten [hope not], this one, and his "Little Drummer Girl"[*] will live on as type-examples of best XXth century biographico-epical-mashup fiction.

    [*] "The best recent novel about terrorism was published in 1983, and its author was John le Carré, better known at the time as a crafter of cautionary tales about the intelligence battles of the cold war." http://www.nybooks.com/articles/archives/2004/aug/12/le-carres-war-on-terror/

    ha scritto il 

  • 4

    一個間諜的完美自白,在撲朔迷離的回憶中浮現,逃離一切虛構的謊言和隱晦不明的黑暗,以文字抹滅一切,帶著一種無法言喻的孤獨存在,既是沉重的感傷也是輕快的自由。

    ha scritto il 

  • 0

    Nei racconti dell genere la storia la fa da padrona e l'approfondimento dei personaggi, quando è più che meramente abbozzato, serve a meglio delinearla e raccontarla. Qui avviene esattamente il contrario: la psicologia dei personaggi è centrale e la storia è ad essa completamente asservita. E la ...continua

    Nei racconti dell genere la storia la fa da padrona e l'approfondimento dei personaggi, quando è più che meramente abbozzato, serve a meglio delinearla e raccontarla. Qui avviene esattamente il contrario: la psicologia dei personaggi è centrale e la storia è ad essa completamente asservita. E la storia parte da lontano, dalla più tenera fanciullezza, dalle paure di un bambino catapultato in un mondo di genitori e adulti dai comportamenti estremi e dagli affetti malati. Le Carrè questa volta non racconta una storia di spionaggio ma la storia personale di una spia, di come ed in risposta a quali bisogni interiori abbia accettato questo "lavoro" o, meglio, abbia recitato questa "parte". Decisamente un bel romanzo, consigliabile!

    ha scritto il