Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La spiaggia

By Cesare Pavese

(411)

| Paperback | 9788806158934

Like La spiaggia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il terzo romanzo di Pavese a vedere la luce nel 1943 è strettamente legato,nei temi e nello stile, agli esordi di "Il carcere" e "Paesi tuoi". Chiracconta la storia è un professore sulla trentina che rincontra a Torinol'amico Doro da tempo trasferito Continue

Il terzo romanzo di Pavese a vedere la luce nel 1943 è strettamente legato,nei temi e nello stile, agli esordi di "Il carcere" e "Paesi tuoi". Chiracconta la storia è un professore sulla trentina che rincontra a Torinol'amico Doro da tempo trasferitosi a Genova e ora desideroso di tornare alpaese dove l'io narrante lo accompagnerà. La scorza taciturna di un drammaprivato, le amare baldorie paesane, le donne tratteggiate come vibrazioni sonoquelle del miglior Pavese.

42 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Noioso racconto di una vacanza al mare di un uomo e di un suo vecchio amico sposato e di tutta la cerchia di amici e conoscenze, liti, gelosie, futilità, divertimenti che contraddistinguono il soggiorno balneare.

    Is this helpful?

    Canada said on Sep 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Potrei parlare di questo romanzo — uno dei primi di Cesare Pavese, scritto agli inizi della guerra, tra il '40 e il '41 (e pubblicato nel '42), quindi di poco successivo a "La bella estate" (che però verrà pubblicato quasi dieci anni dopo) — dicendo ...(continue)

    Potrei parlare di questo romanzo — uno dei primi di Cesare Pavese, scritto agli inizi della guerra, tra il '40 e il '41 (e pubblicato nel '42), quindi di poco successivo a "La bella estate" (che però verrà pubblicato quasi dieci anni dopo) — dicendo che è una storia sull'amicizia, in cui il protagonista (un professore di cui non viene mai detto il nome, ma facilmente identificabile con lo stesso autore) dopo anni di lontananza riallaccia i rapporti col suo vecchio e più caro amico Doro, un ingegnere trasferitosi a Genova.
    Potrei rispondere alla domanda "ma si riesce a riprendere un'amicizia dal punto esatto in cui la si era lasciata? Si può far tornare tutto come prima, se lo si vuole davvero?" e la risposta sarebbe evidentemente "no". Gli esseri umani cambiano, accumulano esperienze e rivedono le loro priorità. Si sposano, fanno nuove conoscenze e adottano precisi stili di vita. Certo, in genere conservano un dolce ricordo degli amici di un tempo e dei luoghi in cui sono cresciuti, e possono anche decidere di concedersi un tuffo nel passato, ma in breve diventa chiara l'irripetibilità delle antiche sensazioni, e questa scoperta fa male.
    Potrei continuare a cercare di spiegare, banalmente e con argomenti già usati da tanti prima di me, la bellezza di questo libro e la forza ma anche la delicatezza della prosa di Pavese.
    Oppure potrei lasciare che sia lei, quella prosa, a parlare.

    Cominciavo a capire che nulla è più inabitabile di un luogo dove si è stati felici.

    Is this helpful?

    Suni said on Sep 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il buon Cesare la pensa come mio padre: tu speri di andare al mare per svagarti, e ritrovi invece sotto gli ombrelloni gli stessi ritmi e le stesse ipocrisie che speravi di lasciare in città...

    Un Pavese che si allontana dalle colline piemontesi ed approda al mare... Insolito ma sempre piacevolissimo. E questa Clelia... bella e pestifera...

    Is this helpful?

    Libricciola (con gatto Camillo. Siamo in fase no) said on Aug 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una vacanza estiva sulla riviera ligure.
    Vecchi amici e nuovi conoscenti, lente giornate passate in spiaggia e serate mondane tra cene e feste danzanti.

    Il protagonista viene invitato dall'amico Doro e la moglie Clelia a passare una vacanza presso l ...(continue)

    Una vacanza estiva sulla riviera ligure.
    Vecchi amici e nuovi conoscenti, lente giornate passate in spiaggia e serate mondane tra cene e feste danzanti.

    Il protagonista viene invitato dall'amico Doro e la moglie Clelia a passare una vacanza presso la loro casa al mare.
    L'allontanamento dei due amici, Doro ha lasciato Torino e si è trasferito a Genova con Clelia, ha creato un distacco tra i due, una rottura dell'inimità difficilmente riparabile.
    La vacanza diventa un rincontrarsi per tornare a conoscersi, rincorrere ricordi, esperienze, sentimenti, per riguadagnare la confidenza persa nella nuova quotidianità di entrambi.
    Ma la solitudine rinchiusa in ognuno di noi impedisce la riconquista di legami passati, momenti nei quali eravamo profondamente in sintonia con un'altra persona, momenti che non sono recuperabili.

    Romanzo breve sull'amicizia e il bisogno di compagnia.
    Scritto in prima persona con evidente nota autobiografica, ha una narrazione leggera velata di tristezza che richiama il sapore di oziosi pomeriggi al mare.

    Is this helpful?

    Franco Leggo said on May 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    TERRA - fuoco lento

    denso di superficiale profondità.
    una superba padronanza di linguaggio.
    una collezione di individualismi che fanno gruppo.
    non posso non continuare ad amare Pavese che trasporta nella sintesi un groviglio complesso perenne di verità. realisticamente ...(continue)

    denso di superficiale profondità.
    una superba padronanza di linguaggio.
    una collezione di individualismi che fanno gruppo.
    non posso non continuare ad amare Pavese che trasporta nella sintesi un groviglio complesso perenne di verità. realisticamente disincantata.

    Is this helpful?

    Valeria Pizza said on Mar 3, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book