Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La spiaggia

By Cesare Pavese

(409)

| Paperback | 9788806158934

Like La spiaggia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il terzo romanzo di Pavese a vedere la luce nel 1943 è strettamente legato,nei temi e nello stile, agli esordi di "Il carcere" e "Paesi tuoi". Chiracconta la storia è un professore sulla trentina che rincontra a Torinol'amico Doro da tempo trasferito Continue

Il terzo romanzo di Pavese a vedere la luce nel 1943 è strettamente legato,nei temi e nello stile, agli esordi di "Il carcere" e "Paesi tuoi". Chiracconta la storia è un professore sulla trentina che rincontra a Torinol'amico Doro da tempo trasferitosi a Genova e ora desideroso di tornare alpaese dove l'io narrante lo accompagnerà. La scorza taciturna di un drammaprivato, le amare baldorie paesane, le donne tratteggiate come vibrazioni sonoquelle del miglior Pavese.

40 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il buon Cesare la pensa come mio padre: tu speri di andare al mare per svagarti, e ritrovi invece sotto gli ombrelloni gli stessi ritmi e le stesse ipocrisie che speravi di lasciare in città...

    Un Pavese che si allontana dalle colline piemontesi ed approda al mare... Insolito ma sempre piacevolissimo. E questa Clelia... bella e pestifera...

    Is this helpful?

    Libricciola e gatto Camillo (micio on the rocks) said on Aug 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una vacanza estiva sulla riviera ligure.
    Vecchi amici e nuovi conoscenti, lente giornate passate in spiaggia e serate mondane tra cene e feste danzanti.

    Il protagonista viene invitato dall'amico Doro e la moglie Clelia a passare una vacanza presso l ...(continue)

    Una vacanza estiva sulla riviera ligure.
    Vecchi amici e nuovi conoscenti, lente giornate passate in spiaggia e serate mondane tra cene e feste danzanti.

    Il protagonista viene invitato dall'amico Doro e la moglie Clelia a passare una vacanza presso la loro casa al mare.
    L'allontanamento dei due amici, Doro ha lasciato Torino e si è trasferito a Genova con Clelia, ha creato un distacco tra i due, una rottura dell'inimità difficilmente riparabile.
    La vacanza diventa un rincontrarsi per tornare a conoscersi, rincorrere ricordi, esperienze, sentimenti, per riguadagnare la confidenza persa nella nuova quotidianità di entrambi.
    Ma la solitudine rinchiusa in ognuno di noi impedisce la riconquista di legami passati, momenti nei quali eravamo profondamente in sintonia con un'altra persona, momenti che non sono recuperabili.

    Romanzo breve sull'amicizia e il bisogno di compagnia.
    Scritto in prima persona con evidente nota autobiografica, ha una narrazione leggera velata di tristezza che richiama il sapore di oziosi pomeriggi al mare.

    Is this helpful?

    Franco Leggo said on May 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    TERRA - fuoco lento

    denso di superficiale profondità.
    una superba padronanza di linguaggio.
    una collezione di individualismi che fanno gruppo.
    non posso non continuare ad amare Pavese che trasporta nella sintesi un groviglio complesso perenne di verità. realisticamente ...(continue)

    denso di superficiale profondità.
    una superba padronanza di linguaggio.
    una collezione di individualismi che fanno gruppo.
    non posso non continuare ad amare Pavese che trasporta nella sintesi un groviglio complesso perenne di verità. realisticamente disincantata.

    Is this helpful?

    Valeria Pizza said on Mar 3, 2014 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    “La spiaggia” fu pubblicato nel ’42 e fu scritto da Pavese nello stesso periodo in cui scrisse “La bella estate” il primo dei tre “romanzi”, raccolti e pubblicati nel ’49, sotto l’omonimo titolo de “La bella estate”, che valse a Pavese nel ’50 la vit ...(continue)

    “La spiaggia” fu pubblicato nel ’42 e fu scritto da Pavese nello stesso periodo in cui scrisse “La bella estate” il primo dei tre “romanzi”, raccolti e pubblicati nel ’49, sotto l’omonimo titolo de “La bella estate”, che valse a Pavese nel ’50 la vittoria del Premio Strega.
    L’interesse e l’importanza de “La spiaggia” sta quindi, in primo luogo, nell’essere coevo nonché vicino per ispirazione e stile ad una delle opere tra le più importanti di Pavese, quel “La bella estate” che se pur pubblicato molti anni dopo in realtà risale appunto ai primi anni ’40.
    Questa comunanza ha indotto a collocare a pieno titolo “La spiaggia” in uno dei filoni fondamentali della poetica di Pavese, rappresentandone anzi un significativo punto di partenza.
    In tal senso volendo cogliere ne “La spiaggia” un comune denominatore che rimanda al “mondo” di Pavese possiamo trovarlo nel modo, tipico di Pavese, di porre la questione della solitudine.
    Non nel senso “elementare” di una condizione di isolata e ripiegata individualità ma anzi proprio come condizione che si genera nella pienezza della vita vissuta e praticata all’interno di reti e rapporti, sociali e relazionali, significativi. Ma è proprio l’essere parte di tali contesti che rivela, in modo ancor più evidente, l’impossibilità dei protagonisti di viversi fino in fondo per ciò che essi sono e vorrebbero essere, mostrandoci una sostanziale loro inadeguatezza fra sé e la vita. E’ in questo scarto e in questa distanza che si genera la solitudine, come irresolubile possibilità di condividere questa inadeguatezza che resta, in tal senso, un vissuto e un ‘esperienza inevitabilmente solitaria.
    E’, in altre parole, una questione di asimmetrie che Pavese introduce sottilmente ma, al tempo stesso lucidamente in tutti i personaggi, condannandoli, pur nell’apparente socialità e reciproca intimità con cui sono raccontati, a portarsi dentro questa irresolutezza di parti di sé che resteranno sempre scisse e separate, sia rispetto a se stessi, sia rispetto agli altri per quanto intimi essi siano.
    L’azione ne “La spiaggia” si svolge in un contesto espressione di una società borghese opulenta, occupata a divertirsi su quelle spiagge della Riviera ligure in cui “La spiaggia” è ambientato.
    Nelle vite dei personaggi nulla produce reali difficoltà o incrinature, tutto si svolge in modo leggero, quasi come fosse in fondo solo un gioco, in uno scorrere indolente tra spiaggia, mare, uscite in macchina, bevute, passeggiate, reciproche visite, chiacchere, tante chiacchere, ma nelle quali il non detto è assai più di quello che viene effettivamente detto. Perché finchè si tratta di giocare a fingere e a rappresentarsi, ad alimentare il proprio personaggio, ad indurre piccole gelosie e supposti tradimenti, ad evocare l’idea dell’amore tutto scorre placido e indolente, ma quando si legge bene tra le righe si scorge che la realtà, quella vera che ognuno si porta dentro, è ben altra.
    Il personaggio emblema, in questo senso, è quello di Doro, l’amico dell’io narrante il quale, nel racconto, non ha nome ma che rimanda, con tutta evidenza, a Pavese stesso.
    Quest’io narrante che ha, a tutti gli effetti, un ruolo da protagonista ed è il motore dell’azione, memore degli inviti ricevuti in passato da Doro di andare in vacanza al mare presso di lui, ospite nella sua villa in Riviera, venuta l’estate, decide di contattarlo per sapere se quell’invito è ancora valido. Doro gli risponderà ma in un modo inatteso, dicendogli: <<Non muoverti, vengo io>>. Doro infatti, lasciata la villa al mare e la moglie Clelia, una benestante borghese nel cui ambiente Doro si era trapiantato, “O dovrei dire piuttosto ch’era l’ambiente della moglie che aveva riconosciuto in lui il suo uomo” decide di raggiungere il vecchio amico per fare da soli, insieme, una gita per i luoghi della loro adolescenza: “Voglio scappare nei miei paesi” dirà Doro: riferimento da cui, unito al successivo “le colline di Doro”, trapelano le Langhe e le amate colline di Pavese.
    Doro, in altre parole, decide di compiere in compagnia dell’amico di ora e soprattutto di allora un “ritorno” un vero e proprio “nostos” nei luoghi natii. Ma non per farvi rientro e restarvi come Ulisse, ma come fuga nel passato, a sancire la perdita di quel passato che l’attuale vita, integrata e borghese e soprattutto adulta ha ormai determinato.
    “Doro che a Genova si era trovato moglie e azienda tutto insieme” se avesse potuto sarebbe rimasto in quei luoghi a fare il pittore, cosa che in modo solitario e appartato gli vedremo fare anche in vacanza, ultimo cordone ombelicale con quel passato.
    Ma qui siamo già nel pieno di uno dei temi fondamentali dell’opera e della poetica di Pavese, quello mitografico. E cioè l’rrisolto e irresolubile contrasto tra libertà e creatività che appartengono alla dimensione mitica della gioventù e delle origini e l’età adulta con le sue connotazioni sociali e con i suoi vincoli che, estirpando la dimensione mitica, ne decreta la lontananza, la diversità e la nostalgia.
    Ed è in questa ferita e in questo solco che si genera inevitabile e irrimediabile la solitudine con il suo contorno di senso di abbandono e di estraniamento.
    “La spiaggia” nella sua struttura si può quindi leggere come contrasto fra il capitolo in cui si narra della gita-fuga di Doro e dell’io narrante fra le colline della felicità perduta e tutto il resto del racconto dove si narra di quella vita in spiaggia, compulsivamente piena e rutilante eppure, in fondo, così autoreferenziale e anestetizzata. Perché i sentimenti, quelli veri, non si possono dire, perché sono indicibili, essendo solo noi, solitariamente con noi stessi, che sappiamo della loro esistenza.
    E allora anche quel latente e sottile conflitto tra Doro e Clelia che l’io narrante, mentre è loro ospite, cerca di far emergere, subdorando un qualche litigio e che né Doro, né Clelia espliciteranno mai, in realtà non è causato da alcun litigio ma è un ulteriore sintomo dell’impossibilità di appartenersi del tutto e del fatto che ognuno si porta dentro pezzi di sé incondivisibili.
    Perché anche la mondana e borghese Clelia ha la sua dimensione inavvicinabile che rimanda alle origini e ciò in quel suo fare il bagno sempre da sola, senza nessuno vicino, perché per Pavese il fondamento mitico, originario, prescinde da questioni di ambiente e di classe.
    Ma se questa può essere la chiave di lettura strutturale vi è ne “La spiaggia” anche una chiave di lettura in senso narrativo. Ed è quella dell’amore come sconfitta.
    Tutti i personaggi vivono in modo dichiarato o meno, in modo manifesto o meno quella loro vacanza e quel loro condursi, internamente mossi da una tensione e da una attenzione per l’amore e per le cose d’amore che accentra su di sé tutte le energie e le volontà. Ma questa pulsione verso l’amore, motore inesausto in perenne attività, non ha mai soluzione, perché nessuno riesce a trovare davvero l’amore al punto che viene da chiedersi alla fine, ma dov’è l’amore, qual’ è la sua vera natura, o forse che dell’amore, in fondo, quello che resta e si vive sono solo le sue delusioni?
    Una perenne ricerca che anche quando giunge a un suo compiersi è prima o poi destinata a smarrirsi o comunque a diventar altro.
    Pavese, insomma, evidenzia già in questo racconto tutta la sua sensibilità e la sua lucida fermezza nel dare e nel dire il senso della perdita per le cose e per la loro impossibilità a resistere nella nostra esistenza, come quando, nel finale, farà dire all’io narrante: :”nulla è più inabitabile di un luogo dove si è stati felici. Capivo perché Doro un bel giorno aveva preso il treno per tornare fra le colline, e la mattina dopo era tornato al suo destino.”

    Is this helpful?

    Raf said on Jul 16, 2012 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    un modo di scrivere antico, che va a fondo dell'anima e cattura i sentimenti sinceri. Mai volgare ne ambiguo.
    Un'amicizia di giovani che crescono e diventano compiutamente adulti in tempi bui. Ci si accontentava di poco e si coglievano le piccole cos ...(continue)

    un modo di scrivere antico, che va a fondo dell'anima e cattura i sentimenti sinceri. Mai volgare ne ambiguo.
    Un'amicizia di giovani che crescono e diventano compiutamente adulti in tempi bui. Ci si accontentava di poco e si coglievano le piccole cose che la vita concedeva. Classico.

    Is this helpful?

    Maretto61 said on Jun 25, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book