Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La stanza al buio

Di

Editore: Longanesi & C.

3.4
(52)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 428 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8830420875 | Isbn-13: 9788830420878 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Annamaria Biavasco , Valentina Guani

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Crime , Mystery & Thrillers , Non-fiction

Ti piace La stanza al buio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    Libri omaggio.

    Mi vorrei disfare di alcuni libri:sono quelli che partono da "La stanza al buio" e arrivano a "Mar morto".Se a qualcuno interessano e può passare a prenderseli è il benvenuto.Mandatemi un msg e ci si mette d'accordo.I volumi sono gratis.

    ha scritto il 

  • 4

    Voto 8 e mezzo

    Una signora del giallo, questa Minette Walters che non conoscevo. Ultimamente tenermi avvinta con un giallo non è facile, mi imbatto sempre in trame banalissime e soprattutto lente. Questo romanzo, invece, è una sorta di giallo psicologico, niente di originale per carità ma è ben condotto e l'aut ...continua

    Una signora del giallo, questa Minette Walters che non conoscevo. Ultimamente tenermi avvinta con un giallo non è facile, mi imbatto sempre in trame banalissime e soprattutto lente. Questo romanzo, invece, è una sorta di giallo psicologico, niente di originale per carità ma è ben condotto e l'autrice è abile a mischiare le carte. Aiutandosi con un espediente narrativo dejà vu, cioè una amnesia transitoria della protagonista. Ma insomma, il suo scopo è intrattenere e lo fa bene.

    ha scritto il 

  • 3

    Anche in questo caso devo rettificare! In realtà sarebbero 3 e mezzo! La trama del romanzo era abbastanza avvincente ma mi ha lasciato un non so che di insoddisfatto! Comunque nel complesso è un bel thriller(anche se io col mio acume avevo già captato l'assassino! :)))

    ha scritto il 

  • 4

    Mi è piaciuto....E' stato il primo libro di Minette Walters che ho letto e quello che mi ha spinto a comprare poi tutti gli altri. L'intreccio è misterioso e scorrevole allo stesso tempo.

    ha scritto il 

  • 0

    la stanza al buio

    Jane, Jinx per gli amici, in seguito a un terribile incidente d’auto perde la memoria recente.
    Nella stanza buia della mente tenta disperatamente di far affiorare i suoi ricordi.
    L’incidente è stata una fatalità, un tentativo di suicidio o qualcosa di peggio? Suo marito è stato barbar ...continua

    Jane, Jinx per gli amici, in seguito a un terribile incidente d’auto perde la memoria recente.
    Nella stanza buia della mente tenta disperatamente di far affiorare i suoi ricordi.
    L’incidente è stata una fatalità, un tentativo di suicidio o qualcosa di peggio? Suo marito è stato barbaramente ucciso, potrebbe essere quel padre che tanto l’adora ad aver commesso l’orrendo crimine? Jane tenta di ricordare disperatamente, ma più tenta di farlo più la paura diventa forte
    Un thriller psicologico che terrà incollati fino all’ultima pagina, quando finalmente si scioglieranno tutti i nodi, da leggere assolutamente
    pubblicato anche su http://www.braviautori.com/libri.php

    ha scritto il 

  • 3

    Prima di tutto è sempre bello ricevere un libro in regalo! e poi viene dal Canada e mi ha fatto davvero piacere.
    Jinx Kingley: personaggio centrale veramente interessante e complicato. Trama che alla fine del libro rimane un pò intricata con qualche punto lasciato in sospeso. Un giallo ben c ...continua

    Prima di tutto è sempre bello ricevere un libro in regalo! e poi viene dal Canada e mi ha fatto davvero piacere.
    Jinx Kingley: personaggio centrale veramente interessante e complicato. Trama che alla fine del libro rimane un pò intricata con qualche punto lasciato in sospeso. Un giallo ben costruito ma non ti tiene incollato al libro se non proprio alla fine.

    ha scritto il