La stanza delle serpi

Una serie di sfortunati eventi, vol. 2

Di

Editore: Salani

3.9
(1094)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 168 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Francese , Tedesco , Spagnolo , Portoghese

Isbn-10: 8877829524 | Isbn-13: 9788877829528 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Valentina Daniele ; Illustratore o Matitista: Brett Helquist

Disponibile anche come: Altri

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace La stanza delle serpi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La vicenda di questo libro può apparire lieta all'inizio, con i ragazzi Baudelaire in compagnia di alcuni rettili molto interessanti e di uno zio svampito, ma non lasciatevi ingannare. Se avete sentito parlare degli sfortunati ragazzi Baudelaire, sapete già che anche eventi gradevoli possono condurre sulla via della sventura. Infatti, nelle pagine seguenti i ragazzi si imbattono in un incidente d'auto, un tanfo acre e pesante, un serpente letale,un lungo coltello, una grande lampada a stelo in ottone e la ricomparsa di una persona che speravano di non rivedere mai più.
Ordina per
  • 4

    I fratelli Baudelaire sembrano aver trovato pace nella casa del dottor Montgomery Montgomery, simpatico e confusionario erpetologo. Ma, come si premura di far sapere fin dall’inizio il narratore, la f ...continua

    I fratelli Baudelaire sembrano aver trovato pace nella casa del dottor Montgomery Montgomery, simpatico e confusionario erpetologo. Ma, come si premura di far sapere fin dall’inizio il narratore, la felicità non è destinata a durare.
    Questo secondo volume della serie mi è piaciuto molto di più: l’autore è riuscito a rendere perfettamente la sensazione di frustrazione che provano i bambini (e i ragazzi) quando non vengono ascoltati dagli adulti, che minimizzano o peggio ridicolizzano dei problemi che per loro sono pressoché insormontabili. Trasmette molto bene l’impotenza dell’infanzia, in cui devi sottostare a regole che non capisci e vivi nell’ignoranza (perché sei troppo “piccolo” per poter sapere).
    Ironia macabra a go-go, lieto fine non pervenuto.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    La vipera incredibilmente letale!!!

    Secondo capitolo delle avventure degli sventurati orfani Baudelaire che in apparenza sembrano arrivati in una casa dove sono ben accolti e amati dallo zio Monty, un esperto e studioso di serpenti. Ama ...continua

    Secondo capitolo delle avventure degli sventurati orfani Baudelaire che in apparenza sembrano arrivati in una casa dove sono ben accolti e amati dallo zio Monty, un esperto e studioso di serpenti. Ama così tanto i serpenti da tenere una stanza solo per loro. Ma poichè l'autore deve ancora scrivere altri 11 libri, la fortuna può durare veramente poco e per rompere le uova nel paniere arriva il cattivissimo conte Olaf travestito da assistente del professor Monty.
    Devo essere sincera mi è piaciuto molto di più del primo, il signor Poe si è dimostrato ancora più deficente del precedente libro, ma non si sa perchè ancora non è stato sollevato da questo delicato compito.
    Praticamente il secondo libro corrisponde alla terza e quarta puntata della serie televisiva. Molto gradevole!

    ha scritto il 

  • 4

    Non si ride delle sfortune altrui.

    Continua lo sfortunato viaggio dei fratelli Baudelaire alla volta di un altro parente che possa far loro da tutore dopo la morte improvvisa dei genitori Baudelaire.
    Dopo la brutta esperienza passata n ...continua

    Continua lo sfortunato viaggio dei fratelli Baudelaire alla volta di un altro parente che possa far loro da tutore dopo la morte improvvisa dei genitori Baudelaire.
    Dopo la brutta esperienza passata nella casa del temibile Conte Olaf, i bambini sperano solo di trovare un parente che sia buono e gentile per sopperire alle malvagità recate da Olaf.
    I fratelli Baudelaire approdano a casa dello zio Monty, un famoso scienziato erpetologo, amante dei serpenti. Presi dalla frenesia e dall'eccitazione, Violet, Klaus e Sunny visitano la Stanza delle Serpi per scoprire un nuovo mondo e nuovi amici.
    Lo zio Monty è una brava e gentile persona ma qualcosa di oscuro deve abbattersi sui Baudelaire perché, come Snicket continua a ricordarci, questa storia è una serie di sfortunati eventi.

    Lo so che questa è una raccolta di volumi per bambini, ma trovo che siano anche molto creepy, tenebrosi e a volte crudelmente reali soprattutto letti da adulti (a volte la buona ingenuità della fanciullezza aiuta).
    Certe recensioni descrivono la lettura come divertente, che fa ridere et similia; secondo la mia opinione queste letture sono sì leggere, giustamente per bambini e adulti ma non le ho trovate così divertenti, da ridere di crepapelle ogni volta che ai fratelli Baudelaire succede qualcosa di inaspettato. Probabilmente ho preso la storia troppo "a cuore".
    Devo dire di aver apprezzato un po' di più questo secondo volume rispetto al primo. Scrittura scorrevole e ricca di suspance e in generale ottima storia.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Cosa accadde nella brillante Stanza delle Serpi...

    "Quello che accade in un certo posto può segnare i nostri sentimenti verso quel luogo, proprio come l'inchiostro macchia un lenzuolo bianco."

    "Ma non è nulla in confronto a quello che farò a voi, orfa ...continua

    "Quello che accade in un certo posto può segnare i nostri sentimenti verso quel luogo, proprio come l'inchiostro macchia un lenzuolo bianco."

    "Ma non è nulla in confronto a quello che farò a voi, orfani. Avete vinto questa mano del gioco, ma tornerò a prendermi la vostra fortuna e la vostra preziosa pelle".

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Ho voglia di una Vipera Incredibilmente Letale nella mia vita

    Ed eccoci qui. Non ho resistito a prendere in mano anche il secondo romanzo di questa bellissima serie (quanto sfortunata).
    Anche nel film, la parte dello Zio Monty è la mia preferita. Per il momento. ...continua

    Ed eccoci qui. Non ho resistito a prendere in mano anche il secondo romanzo di questa bellissima serie (quanto sfortunata).
    Anche nel film, la parte dello Zio Monty è la mia preferita. Per il momento. Non si può odiarlo come personaggio: da quello che so è “quasi” il più normale e finché sa cucinare ottime torte e porta al cinema gli orfani ben venga XD Inoltre ha una casa fantastica e non è di certo un tipo noioso.
    Mi è sempre dispiaciuto moltissimo per il suo assassino, anche se in effetti non riesco mai a capire come fanno gli adulti a non accorgersi del Conte Olaf… Beh, questioni di trama suppongo. Che gusto c’è a non far soffrire gli orfani?
    Ma devo dire che la parte finale mi è piaciuta. Violet s’improvvisa piccola detective con grande maestria, mentre Klaus sfrutta la sua intelligenza. È bello vederli lavorare come una squadra. Ovviamente c’è anche il contributo della piccola Sunny, che per la prima volta ha pronunciato delle parole di senso compiuto! “Vipera” e “Brillante”.
    Perchè c’è lei… La vera star del libro!
    La Vipera Incredibilmente Letale.
    Quanto l’adoro!
    Peccato che non possa stare con gli orfani.
    Chissà, spero di rivederla un giorno.

    ha scritto il 

  • 4

    Allo stesso modo in cui i Baudelaire desideravano che la loro situazione fosse diversa, io desidererei poter cambiare in qualche modo questa vicenda. Anche seduto qui, ben lontano dal Conte Olaf, mi è ...continua

    Allo stesso modo in cui i Baudelaire desideravano che la loro situazione fosse diversa, io desidererei poter cambiare in qualche modo questa vicenda. Anche seduto qui, ben lontano dal Conte Olaf, mi è difficile scrivere una sola parola. Forse sarebbe meglio per voi chiudere questo libro e non leggere mai il seguito di questa storia terrificante.

    Secondo romanzo della saga "Una serie di sfortunati eventi", strutturalmente è molto simile al precedente ma vi si può notare una nota di cupezza in più. Ci sono sempre lo humor (nero), il nonsense, i brevi incisi sul significato di vocaboli o espressioni, ma adesso ci scappa il morto.
    Per il resto vale quanto ho detto per il primo libro e riconfermo le 4 stelline.

    PS: con "vipera" e "brillante" Sunny ha ufficialmente detto le sue prime parole di senso compiuto!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Secondo libro bello quanto il primo!
    Mi è dispiaciuto molto per la sorte e morte dello zio, tutore molto più competente e buono di quel farabutto del Conte Olaf!
    I ragazzi sono stati più "attivi" in q ...continua

    Secondo libro bello quanto il primo!
    Mi è dispiaciuto molto per la sorte e morte dello zio, tutore molto più competente e buono di quel farabutto del Conte Olaf!
    I ragazzi sono stati più "attivi" in questo libro, hanno praticamente riconosciuto quasi subito il pericolo e la vera identità di Stephano.
    Poe, senza ombra di dubbio, è il personaggio più ingenuo del libro. Non riconosce Olaf e Violet deve mostrargli le prove dell'inganno su un piatto d'argento!
    Nonostante il narratore ci abbia avvertito più volte che questa storia non avrà propriamente un lieto fine, spero che il finale dei tre ragazzi sia bello. Lo meritano dopo tutto quello che Olaf gli ha combinato!
    Ah, in questo libro c'è pure una parolaccia. Mi sono stupita!
    Non vedo l'ora di leggere il prossimo libro!

    ha scritto il 

  • 5

    "Sometimes even in the most unfortunate of lives there will occur a moment or two of good fortune."

    Anche questo secondo volume ha saputo catturarmi e tenermi incollata.
    Il mio odio nei confronti del Count Olaf cresce sempre di più (such a terrible man!) e spero che alla fine avrà quello che si meri ...continua

    Anche questo secondo volume ha saputo catturarmi e tenermi incollata.
    Il mio odio nei confronti del Count Olaf cresce sempre di più (such a terrible man!) e spero che alla fine avrà quello che si merita é.è
    In the meantime, mi godo le sfavorevoli vicende di questi poveri ragazzi, che tutto sommato riescono sempre a vedere il lato positivo delle cose, anche quando trovarne uno è davvero impossibile.
    Come on guys, stay strong!

    ha scritto il 

  • 4

    Questo libro introduce la struttura standard delle avventure che capiteranno per un po' ai Baudelaire, e mostra Olaf come antagonista ricorrente e facendo vedere come possa essere pericoloso e pieno d ...continua

    Questo libro introduce la struttura standard delle avventure che capiteranno per un po' ai Baudelaire, e mostra Olaf come antagonista ricorrente e facendo vedere come possa essere pericoloso e pieno di risorse anche avendo dovuto abbandonare la sua casa, e c'è un primo sviluppo per i tre ragazzi che iniziano a essere più attivi rispetto al primo libro.

    ha scritto il 

Ordina per