La stanza profonda

Voto medio di 138
| 40 contributi totali di cui 37 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Una piccola città di provincia, un garage. Un gruppo di ragazzi che ogni martedì si incontra per giocare di ruolo. Per vent'anni, mentre fuori la vita va avanti, il mondo cambia, la provincia perde di senso e scopo. Desiderio di fuga o forma di ...Continua
Ha scritto il 13/11/17
Tutti, più o meno, abbiamo una stanza zeppa di ricordi. Che essa sia solo un luogo della mente o fisico, cioè con delle mura, una porta, finestre chiuse e oggetti che nella loro materialità accrescono la possibilità di ricordare, fa una certa ...Continua
  • 11 mi piace
  • 5 commenti
Ha scritto il 12/11/17
Non è un libro memorabile ma è la storia di come il gioco di ruolo ha incrociato le nostre vite, diventava evasione dalla vita grigia degli anni '90, diventava tutto. Quell'atmosfera che ho vissuto in prima persona è richiamata alla perfezione.
  • 2 mi piace
Ha scritto il 11/11/17
Cosa aspettarsi? La recensione senza spoiler
Non aspettatevi un romanzo - la trama è inesistente, i personaggi abbozzati, l'ambientazione evanescente e niente punteggiatura per i dialoghi.Aspettatevi i dettagli, le sfumature, l'atmosfera - uno stile frammentario e lacunoso, e ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 01/10/17
Il tema Giochi di Ruolo è interessante, l'autore lo conosce bene e si vede, ma lo inserisce in un contesto di "amarcord"/"ai miei tempi qui era tutto verde" che non mi ha fatto impazzire. Questo, sommato al fatto che è scritto maluccio e non si ...Continua
  • 1 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 23/09/17
bell'excursus nerd
  • 1 mi piace

Ha scritto il Jul 27, 2017, 10:02
Dungeon non si traduce. Non si dice sotterraneo, cripta o peggio tunnel, e non solo perché un dungeon può essere indifferentemente un sotterraneo, una cripta o un tunnel. Si dice dungeon perché solo quella parola va a formare ciò che ci si ...Continua
Ha scritto il May 13, 2017, 20:55
Se ti capita di dover tornare, hai bisogno di un'Itaca, non di una Mordor...
Pag. 106
Ha scritto il Mar 24, 2017, 10:57
"Se la parola crea il mondo, la mappa circoscrive il possibile, l'area specifica delle vertigini: ogni bosco può nascondere una strega, ogni villaggio adoratori del demonio, ogni pozzo, grotta o tomba un dungeon".

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi