Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La storia

Di

Editore: Einaudi Scuola

4.4
(4386)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 752 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Olandese , Spagnolo , Finlandese

Isbn-10: 8828601078 | Isbn-13: 9788828601074 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , Cofanetto

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Ti piace La storia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A questo romanzo (pensato e scritto in tre anni, dal 1971 al 1974) Elsa Morante consegna la massima esperienza della sua vita "dentro la Storia" quasi a spiegamento totale di tutte le sue precedenti esperienze narrative: da"L'isola di Arturo" a "Menzogna e sortilegio". La Storia, che si svolge a Roma durante e dopo la seconda guerra mondiale, vorrebbe parlare in un linguaggio comune e accessibile a tutti.
Ordina per
  • 5

    Piena, densa, fatta di personaggi con le loro microstorie, sogni, gioie, dolori, è la vita quotidiana con intorno la Guerra che divampa. Useppe coi suoi occhi celesti e i suoi disperati “pecché?” mi è ...continua

    Piena, densa, fatta di personaggi con le loro microstorie, sogni, gioie, dolori, è la vita quotidiana con intorno la Guerra che divampa. Useppe coi suoi occhi celesti e i suoi disperati “pecché?” mi è rimasto dentro, ma ancora più indelebile per me è la figura di Ida (piccola, paurosa, fragile) che non sente più la sua fame ma solo quella del suo bimbo e questa fame la spinge fuori ogni giorno alla caccia di cibo, in percorsi a metà tra il sogno e realtà. Per me la scena più emblematica del romanzo.
    L’altro aspetto che ho amato moltissimo è il tratto bellissimo e naturale della Morante di descrivere gli animali (altri veri protagonisti) dando loro caratteri, pensieri e parole. Tra le letture più belle e importanti dell’anno.

    ha scritto il 

  • 5

    È uno di quei libri che, appena terminati, riponi sullo scaffale con estrema lentezza, non prima di averlo sfiorato con affetto. Per salutarlo.
    Mi è piaciuto profondamente. Per la bellezza della prosa ...continua

    È uno di quei libri che, appena terminati, riponi sullo scaffale con estrema lentezza, non prima di averlo sfiorato con affetto. Per salutarlo.
    Mi è piaciuto profondamente. Per la bellezza della prosa, per la tenerezza e il dolore, per la verità.
    La naturalezza con cui Useppe si insinua tra le pieghe dei pensieri del lettore è sorprendente, durante la lettura ma soprattutto oltre la lettura. E va a toccare le fibre più intime dell'emotività.
    È un percorso umano dentro la guerra di valore inestimabile. Ciascuno dovrebbe compierlo.

    ha scritto il 

  • 5

    Narra della vita di Useppe dalla sua concepimento. Il periodo è quello della seconda guerra mondiale, ma la premessa e l’epilogo ripercorrono tutta la prima metà del 900.
    Ci sono molti personaggi nel ...continua

    Narra della vita di Useppe dalla sua concepimento. Il periodo è quello della seconda guerra mondiale, ma la premessa e l’epilogo ripercorrono tutta la prima metà del 900.
    Ci sono molti personaggi nel romanzo, e tutti sono raccontati molto bene. Quelli principali, però, sono:
    Ida madre di Useppe (che vagamente ricorda la stessa autrice), Nino, il ribelle fratello maggiore e Davide Segre, amico introverso dei due fratelli
    Dal romanzo emerge chiaramente una dura condanna alla società occidentale (e non) e l’ideale anarchico della Morante. In definitiva, anche se alcuni capitoli (soprattutto nell’ultima parte) mi sono parsi un po’ troppo lunghi e patetici, il romanzo nel suo complesso è uno dei più importanti e coinvolgenti del letteratura contemporanea italiana.

    ha scritto il 

  • 4

    La storia nella Storia.

    Non amo recensire i libri che leggo perché ritengo che sia come cercare di far vedere le cose alla gente attraverso i propri occhi; quindi sarebbe cercare di donare alla soggettività il carattere di o ...continua

    Non amo recensire i libri che leggo perché ritengo che sia come cercare di far vedere le cose alla gente attraverso i propri occhi; quindi sarebbe cercare di donare alla soggettività il carattere di oggettività.
    In questo caso un'eccezione va fatta perché questo romanzo è veramente qualcosa di fantastico, oltre ad avere una certa utilità a livello storico, dato che ricostruisce tutti i passaggi che hanno portato alla seconda guerra mondiale e ne descrive anche il perdurarsi e quello che sarà dopo.
    Ma oltre a ciò, la storia che si intreccia alla Storia è veramente affascinante, anche se bisogna ammettere che all'inizio fatica a coinvolgere il lettore (ecco il perché delle quattro stelle anziché 5); il mio consiglio è di resistere alla voglia di lasciarlo stare alla volta di un nuovo libro, perchè la mole potrebbe scoraggiare, e tuffatevi a capofitto in questo stupendo lavoro della Morante e vedrete che alla fine sarete ripagati dello sforzo fatto.

    Buona lettura.

    ha scritto il 

  • 4

    La storia. Elsa Morante

    Al termine di un romanzo come questo si resta un po' con il libro tra le mani, quasi ad allontanarne il distacco.
    Leggere "La Storia" della Morante è leggere di noi stessi, di un passato così vicino c ...continua

    Al termine di un romanzo come questo si resta un po' con il libro tra le mani, quasi ad allontanarne il distacco.
    Leggere "La Storia" della Morante è leggere di noi stessi, di un passato così vicino che ci appartiene profondamente e che vediamo ancora negli occhi di chi ne è stato testimone diretto.
    Il pregio maggiore, però, è quello di trasmettere le emozioni e il dolore in maniera tangibile, con la stessa drammaticità di "Se questo è un uomo" di Primo Levi,.
    L'unica perplessità l'ho avuta sull'ultima parte, quella, per chi ha letto il romanzo, su Useppe e le sue scorribande con Bella, che mi è sembrata scollegata, quasi un'appendice, per poi riallinearsi al romanzo con il drammatico epilogo.
    Pesante invece, benché forse inevitabile, la parete dedicata a Davide Segre, con il suo monologo filosofico-politico che evidenzia il conflitto interiore di chi come lui, impegnato nella resistenza e ossessionato dal ricordo delle violenze subite e perpetrate, non trova più collocazione nella situazione politica e sociale post bellica.
    Da mettere tra gli "Immancabili"! :)

    ha scritto il 

  • 3

    Mi aspettavo di piú

    Sinceramente mi aspettavo di piú. Ho letto libri sulla seconda guerra che mi hanno emozionato molto di piú. Bella la parte che racconta delle atrocitá della guerra e di tutto quelol che ha dovuto subi ...continua

    Sinceramente mi aspettavo di piú. Ho letto libri sulla seconda guerra che mi hanno emozionato molto di piú. Bella la parte che racconta delle atrocitá della guerra e di tutto quelol che ha dovuto subire la popolazione civile, ma poi verso la fine quando racconta del vaniloquio di Davide diventa cosí prolisso e pesante tanto da volerlo quasi abbandonare.
    Invece ho amato molto il piccolo Useppe...forse é stato l'unico motivo che mi ha dato la forza di finirlo.

    ha scritto il 

Ordina per