Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La storia di Christine

By Elizabeth von Arnim

(174)

| Paperback | 9788833920207

Like La storia di Christine ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Berlino, 1914. Christine, giovane violinista inglese di raro talento, si trasferisce in Germania per un anno di studio sotto la guida del geniale maestro Kloster. E se da un lato è felice - in un salotto influente conoscerà Bernd, giovane Junker dest Continue

Berlino, 1914. Christine, giovane violinista inglese di raro talento, si trasferisce in Germania per un anno di studio sotto la guida del geniale maestro Kloster. E se da un lato è felice - in un salotto influente conoscerà Bernd, giovane Junker destinato alla carriera militare ma contrario ai valori imperanti nella società tedesca - dall'altro capisce con sgomento che l'intera Gemania brama la guerra e inneggia ai valori di sopraffazione e predominio sulle altre nazioni. Accade il peggio: scoppia il conflitto e l'Inghilterra si schiera a fianco di Serbia, Francia e Russia. Ora Christine è in pericolo di vita... Scritto sotto lo pseudonimo di Alice Cholmondeley, il romanzo prende spunto dalla vicenda privata della von Arnim, la cui figlia Felicitas morì davvero appena sedicenne in Germania, dove era stata inviata a perfezionare gli studi musicali. All'uscita in Inghilterra, nel 1917, il libro ebbe un successo straordinario (otto edizioni in pochi mesi), attirandosi l'accusa di fomentare la propaganda antitedesca.

21 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un altra perla rara. Una storia in cui lo struggimento prende a tradimento, ma non mancano i guizzi di ironia a cui Elizabeth von Arnim ci ha abituati.

    Is this helpful?

    Annarita said on Sep 10, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Il romanzo, in gran parte autobiografico, è interamente costituito dalle lettere che la sedicenne Christine, violinista prodigio recatasi a perfezionare gli studi musicali in Germania, scrive alla madre rimasta in Inghilterra. Alcune riflessioni semb ...(continue)

    Il romanzo, in gran parte autobiografico, è interamente costituito dalle lettere che la sedicenne Christine, violinista prodigio recatasi a perfezionare gli studi musicali in Germania, scrive alla madre rimasta in Inghilterra. Alcune riflessioni sembrano troppo mature per appartenere a una ragazzina di quell'età, ma se davvero il personaggio di Christine è modellato a tutto tondo su Felicitas (la figlia della Von Arnim morta in Germania durante la guerra) non si fatica a credere che avesse ereditato il brio e l'intelligenza della madre. Conoscendo fin dall'inizio la sorte della protagonista credevo di trovarmi dinanzi a un romanzo triste... e invece le lettere traboccano di ironia, entusiasmo e gioia di vivere, per poi farsi via via più cupe solo con l'incalzare della Prima Guerra Mondiale. Ben descritto anche il clima della Germania di quegli anni...non si fatica a credere come quei sentimenti di superiorità ed esaltazione inculcati nella popolazione fin dalla più tenera età siano poi sfociati nel nazismo qualche decennio dopo! 4 stelle e mezza.

    Is this helpful?

    Angiemela said on May 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dopo una serie di letture deludenti, per andare sul sicuro pesco dalla ricca bibliografia della mia adorata Von Arnim.

    E non mi becco l'unico romanzo difettato?

    Noioso fino all'incredibile, si salva solo perché ispirato purtroppo dalla vera storia ...(continue)

    Dopo una serie di letture deludenti, per andare sul sicuro pesco dalla ricca bibliografia della mia adorata Von Arnim.

    E non mi becco l'unico romanzo difettato?

    Noioso fino all'incredibile, si salva solo perché ispirato purtroppo dalla vera storia della figlia, morta giovanissima in circostanze analoghe.

    Is this helpful?

    Trudi said on Apr 1, 2014 | 5 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Ispirata alle vicende biografiche dell'autrice, è la storia di Christine che lascia l'Inghilterra per perfezionarsi nell'arte del violino a Berlino. Le lettere piuttosto stucchevoli che la protagonista invia alla madre, formano la sostanza del romanz ...(continue)

    Ispirata alle vicende biografiche dell'autrice, è la storia di Christine che lascia l'Inghilterra per perfezionarsi nell'arte del violino a Berlino. Le lettere piuttosto stucchevoli che la protagonista invia alla madre, formano la sostanza del romanzo e sono cariche dell'atmosfera di incertezza e trepidazione che precede lo scoppio della I guerra mondiale.
    Alla sua uscita, nel 1917, il romanzo fu accusato di fomentare la propaganda antigermanica ed in effetti il ritratto dell'intero popolo tedesco che viene fuori da queste pagine è impietoso e spinto fino all'esasperazione, visto che si ricorre alla contrapposizione semplicistica di tedeschi assetati di sangue vs inglesi pacificatori di popoli (come se avessero colonizzato mezzo mondo solo sventolando rami di ulivo). Nello stesso tempo però, il clima di esaltazione generale pre-bellica è descritto in modo efficace e riesce a mettere in guardia dalle disastrose conseguenze di un nazionalismo estremo, nutrito di retorica e di aggressività implosiva....un ammonimento lungimirante, se analizzato con il senno di poi.
    Un romanzo epistolare, che collima con la forma del diario, ma che in qualche modo non mi ha commosso quanto mi sarei aspettata, forse perché ho avuto la sensazione che ogni annotazione riportata fosse funzionale a dimostrare un'idea preconcetta. Probabilmente avrei rielaborato il tutto in modo diverso se l'esito dell'intera vicenda non fosse contenuto nella prima pagina.

    Is this helpful?

    Elin said on Dec 14, 2013 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Inconsueto romanzo della von Arnim, triste come finora mai ne ho letti dei suoi e sapere che trae spunto da una vicenda personale non aiuta. Purtroppo mi sono accorta troppo tardi che si trattava di un romanzo epistolare e onestamente è una forma di ...(continue)

    Inconsueto romanzo della von Arnim, triste come finora mai ne ho letti dei suoi e sapere che trae spunto da una vicenda personale non aiuta. Purtroppo mi sono accorta troppo tardi che si trattava di un romanzo epistolare e onestamente è una forma di scrittura che mi annoia molto e lo confermo anche con quest'ultima lettura.

    Is this helpful?

    palomar said on Apr 30, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La giovane protagonista e violinista inglese che trasferitasi in un altro paese, la Germania, per perfezionare la sua arte sotto l'ala di un grande maestro, ci fa il reso conto sotto forma epistolare alla madre, del suo soggiorno oltre Manica.
    Dettag ...(continue)

    La giovane protagonista e violinista inglese che trasferitasi in un altro paese, la Germania, per perfezionare la sua arte sotto l'ala di un grande maestro, ci fa il reso conto sotto forma epistolare alla madre, del suo soggiorno oltre Manica.
    Dettaglio dei sentimenti di Christine: all'inizio di speranza per il futuro, mescolata alla nostalgia per essersi separata dall'amata madre.
    Seguono la perplessità e lo sconforto per il quotidiano a cui è costretta da una tradizione così diversa dalla propria tradizione.
    La passione che sente per la propria arte, la rende forte per andare avanti.
    La natura esuberante che la circonda, le da respiro.
    L'amore inaspettato, la incoraggia.

    Poi, nei primi giorni di quell'agosto del 1914, l'incredulità della guerra.

    Sembra che il libro, alla pubblicazione, abbia fatto scalpore e sia stato indicato come anti germanico: in effetti, ci presenta una Germania al limite della paranoia , di un'autostima oltre misura.

    Is this helpful?

    Isa2503 said on Oct 2, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (174)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 160 Pages
  • ISBN-10: 8833920208
  • ISBN-13: 9788833920207
  • Publisher: Bollati Boringhieri (Varianti)
  • Publish date: 2009-11-01
  • Also available as: eBook
  • In other languages: other languages English Books , Deutsche Bücher
Improve_data of this book