Un uomo e un bambino, padre e figlio, senza nome. Spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo una strada americana. La fine del viaggio è invisibile. Circa dieci anni prima il mondo è stato distrutto da un'apocalisse nucleare che lo ... Continua
Ha scritto il 07/10/17
UN FUOCO INESTINGUIBILE
Cosa vuol dire sopravvivere ad un mondo che non esiste più non solo esteriormente, ma anche nel proprio io più profondo? Quale forza misteriosa spinge ad andare avanti sempre e comunque? Contro quali fantasmi del passato si deve continuamente ...Continua
Ha scritto il 28/09/17
«Nessuna lista di cose da fare. Ogni giornata sufficiente a sé stessa. Ogni ora. Non c'è un dopo. Il dopo è già qui. Tutte le cose piene di grazia e bellezza che ci portiamo nel cuore hanno un'origine comune nel dolore. Nascono dal cordoglio e ...Continua
Ha scritto il 24/09/17
Se dovessi descrivere di getto questo libro userei due aggettivi : difficile e angosciante. Ma sarebbe riduttivo e ingiusto limitarsi a questo.La vicenda si svolge in un mondo completamente distrutto, arido, angosciante, appunto, in cui l'umanità ...Continua
Ha scritto il 15/09/17
intenso
intenso e commovente rapporto tra padre e figlio
Ha scritto il 10/08/17
La strada Cormac McCarthy Lo scenario che ci viene descritto da McCarthy in "la strada", è apocalittico.Tutto bruciato, non esiste più niente, ne animali ne persone...Tranne un papà con il suo bambino, che credo volutamente senza nome.Un libro ...Continua

Ha scritto il Apr 28, 2017, 03:36
Quando non ti resta nient'altro imbastisci cerimoniali sul nulla e soffiaci sopra.
Pag. 57
Ha scritto il Mar 05, 2017, 20:30
"Forse bisognerebbe sempre stare all'erta. Visto che i guai capitano quando meno te li aspetti, forse sarebbe bene aspettarseli sempre."
Ha scritto il Feb 19, 2017, 13:51
"Il soffice talco nero si spandeva a sbuffi per le strade come inchiostro di seppia sul fondo del mare, il freddo scendeva lento e faceva buoio sempre più presto, e i disperati che frugavano alla luce delle torce sul fondo dei dirupi lasciavano ...Continua
Pag. 138
Ha scritto il Feb 07, 2017, 21:46
"Nessuna lista di cose da fare. Ogni giornata sufficiente a se stessa. Ogni ora. Non c'è un dopo. Il dopo è già qui. Tutte le cose piene di grazia e bellezza che ci portiamo nel cuore hanno un'origine comune nel dolore. Nascono dal cordoglio e ...Continua
Pag. 42
Ha scritto il Feb 06, 2017, 13:34
"Quanto colore invece nei sogni. In che altro modo poteva chiamarti a sé la morte? Poi ti svegliavi in un'alba fredda e tutto si riduceva in cenere. Come certi affreschi rimasti sepolti per secoli e improvvisamente esposti alla luce del giorno".
Pag. 16

Ha scritto il Mar 31, 2015, 18:45
Suggerimenti
Suggerimenti
"Affoghiamo La Strada nei fiori (cit.)
  • 1 mi piace

Ha scritto il Jan 01, 2017, 18:03
" Ce la caveremo, vero, papa? Sì. Ce la caveremo. E non ci succederà niente di male. Esatto. Perché noi portiamo il fuoco. Sì. Perché noi portiamo il fuoco. "
Ha scritto il Oct 24, 2016, 15:27
Cenere che aleggiava sopra la strada e grappoli di cavi ciechi che penzolavano dai pali della luce anneriti gemendo piano nel vento.
Pag. 7

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi