Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La strage di Bologna

Di ,

Editore: Becco Giallo Editrice

4.0
(124)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback

Isbn-10: 8885832180 | Isbn-13: 9788885832183 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri

Genere: Comics & Graphic Novels , History , Mystery & Thrillers

Ti piace La strage di Bologna?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La ricostruzione a fumetti della più crudele strage di stato. Il 2 agosto 1980 la sala d'attesa di Bologna è dilaniata dall'esplosione di una bomba: muoiono 85 persone e altre 200 sono gravemente ferite. Cause ed eventuali mandanti non vengono identificati. Ai funerali delle vittime si scatena la protesta contro il governo, già all'impasse dopo il disastro di Ustica. Nonostante le indagini si orientino sulla loggia massonica P2 prima e sugli ambienti di estrema sinistra dopo, i mandanti dell'attentato non saranni mai individuati.
Ordina per
  • 4

    Per nondimenticare.

    Raccontato bene, disegnato bene e con postfazioni molto interessanti. Lo consiglio vivamente a chi non sa niente sulla strage della stazione di bologna, a chi non ricorda l'insieme dell'evento, a chi ...continua

    Raccontato bene, disegnato bene e con postfazioni molto interessanti. Lo consiglio vivamente a chi non sa niente sulla strage della stazione di bologna, a chi non ricorda l'insieme dell'evento, a chi vuole conservare la memoria in questo Paese.

    ha scritto il 

  • 4

    Onore al merito dell'editore

    Beccogiallo ha costruito una serie di graphic novel una più bella dell'altra, su casi di cronaca e storia. Un progetto davvero bellissimo che seguo con grande interesse. Anche questo sulla strage di ...continua

    Beccogiallo ha costruito una serie di graphic novel una più bella dell'altra, su casi di cronaca e storia. Un progetto davvero bellissimo che seguo con grande interesse. Anche questo sulla strage di Bologna è un fumetto di alto livello, con corredo di informazioni storiche e documentarie molto importante. Per non dimenticare, ma anche per approfondire e stimolare il gusto allo studio della storia recente.

    ha scritto il 

  • 0

    Becco Giallo colpisce ancora

    la Casa Editrice Becco Giallo rappresenta una delle migliori scelte nel panorama italiano. Riesce a produrre Graphic Novels intrise di impegno civico, capaci di infiammare l'animo del lettore e di ...continua

    la Casa Editrice Becco Giallo rappresenta una delle migliori scelte nel panorama italiano. Riesce a produrre Graphic Novels intrise di impegno civico, capaci di infiammare l'animo del lettore e di accenderne la sete di Giustizia.

    La Strage di Bologna sicuramente non esce dal "solco", e cerca (con buoni esiti) di sintetizzare le premesse del crudele attentato ed alcuni tra i più rappresentativi e gravi esempi di depistaggio. Lodevole il coinvolgimento diretto dell'Associazione delle Vittime del 2 Agosto, che hanno avuto la possibilità di collaborare alla messa a punto di uno strumento capace di comunicare anche e soprattutto con i più giovani.

    ha scritto il 

  • 4

    Per non dimenticare e per far ricordare più in fretta.

    Per il fumetto in se avrei dato 3 stelle, ma solo perché lo avrei preferito più articolato, nel complesso invece lo ritengo utile come appunto mentale di una storia molto articolata e complessa; i ...continua

    Per il fumetto in se avrei dato 3 stelle, ma solo perché lo avrei preferito più articolato, nel complesso invece lo ritengo utile come appunto mentale di una storia molto articolata e complessa; i fatti vengono prima disegnati poi messi in ordine cronologico e infine "raggruppati" in sigle. Per non dimenticare e per far ricordare più in fretta.

    ha scritto il 

  • 5

    5 stelle piene come a tanti dei lavori curati e pubblicati da beccogiallo. belli i tratti disegnati, impeccabili i testi ed incredibilmente ampio lo spettro di 'punti di vista' dei vari protagonisti ...continua

    5 stelle piene come a tanti dei lavori curati e pubblicati da beccogiallo. belli i tratti disegnati, impeccabili i testi ed incredibilmente ampio lo spettro di 'punti di vista' dei vari protagonisti della storia. della storia d'italia.

    ha scritto il 

  • 3

    Sapere e capire

    2 Agosto 1980, ore 10,25. Siamo nella sala d'aspetto della stazione di Bologna, dove c'è chi deve prendere il treno per partire per le vacanze, per fare un viaggio di lavoro, per cercare un weekend ...continua

    2 Agosto 1980, ore 10,25. Siamo nella sala d'aspetto della stazione di Bologna, dove c'è chi deve prendere il treno per partire per le vacanze, per fare un viaggio di lavoro, per cercare un weekend di evasione, per tornare in famiglia, per raggiungere gli amici o la fidanzata. Improvvisamente, il botto. L'espolosione, il crollo, il fumo, le urla, la confusione, il sangue e tutti quei morti che non torneranno più. Poi lo sconcerto, la rabbia, gli interrogatori, le menzogne e i depistaggi, la ricerca della verità, il ricordo vivo e amaro di chi non c'è più. Io non c'ero, non ero ancora nata, ma ho sempre avvertito la necessità di sapere per capire e trasmettere, e ho cercato nella lettura la via più diretta e semplice per farlo. Questa di Becco Giallo è una graphic novel di taglio prettamente giornalistico e politico dedicata forse a chi non è a digiuno di fatti riguardanti la strage e quindi di non facile comprensione ma capace comunque di rendere perfettamente il clima di confusione falsità e difficoltà che ne hanno fatto da contorno nel nostro paese, a quell'epoca. Utilissimo poi il glossario a fine libro con la descrizione di alcuni gruppi terroristici (quali il NAR) che si ritrovano nel corso del fumetto. Un applauso alla casa editrice Becco Giallo per l'impegno e la volontà di raccontare, nella forma immediata del fumetto, fatti d'attualità di grande impatto e risonanza.

    ha scritto il 

  • 0

    Le graphic novels d'inchiesta della "becco giallo" hanno carattere prettamente giornalistico, ricostruiscono vicende realmente accadute, spesso terribili e indimenticabili, chiarendone gli aspetti e ...continua

    Le graphic novels d'inchiesta della "becco giallo" hanno carattere prettamente giornalistico, ricostruiscono vicende realmente accadute, spesso terribili e indimenticabili, chiarendone gli aspetti e affidandosi ai fatti, alle condanne della magistratura, agli articoli dei giornali del tempo, ad una fedele ricostruzione del periodo storico-politico di tensione italiana. In questo volume è disegnata la strage di Bologna, una carneficina senza dubbio alcuno(al di fuori di revisionismi politici ed edilizi!), di matrice fascista o per meglio dire neo-fascista. Sono narrate le logiche e i poteri occulti nascosti dietro a questo eccidio: il terrorismo nero, piramidi piduiste e logge massoniche, politici e politicanti, polizia, briganti e bastardi della peggiore risma (tanti ancora in libertà e magari in posizioni di potere!). Un fumetto di forte caratura emotiva, una narrazione che dimostra tutta la drammaticità di questo massacro, una collana veramente ben fatta con ottime ricostruzioni storiche. Ottimo utilizzo del medium fumetto come fonte informativa di divulgazione e di sensibilizzazione culturale.

    ha scritto il 

  • 4

    La ricostruzione a fumetti della più crudele strage di stato. Il 2 agosto 1980 la sala d'attesa di Bologna è dilaniata dall'esplosione di una bomba: muoiono 85 persone e altre 200 sono gravemente ...continua

    La ricostruzione a fumetti della più crudele strage di stato. Il 2 agosto 1980 la sala d'attesa di Bologna è dilaniata dall'esplosione di una bomba: muoiono 85 persone e altre 200 sono gravemente ferite. Cause ed eventuali mandanti non vengono identificati. Ai funerali delle vittime si scatena la protesta contro il governo, già all'impasse dopo il disastro di Ustica. Nonostante le indagini si orientino sulla loggia massonica P2 prima e sugli ambienti di estrema sinistra dopo, i mandanti dell'attentato non saranno mai individuati. Prefazione di Carlo Lucarelli.

    ha scritto il