La straniera

Di

Editore: Mondolibri

4.3
(1982)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 838 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese , Portoghese , Olandese , Svedese , Chi semplificata , Polacco , Ceco

Isbn-10: A000029745 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Valeria Galassi

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Rosa , Fantascienza & Fantasy

Ti piace La straniera?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ristampa: 2005
Ordina per
  • 4

    Amore attraverso i secoli

    all'inizio ero un po scettico se leggere o meno questo libro, ma dopo aver visto le prime puntate della serie tv e aver letto un buon numero di recensioni ho deciso di dargli una possibilità; la mia p ...continua

    all'inizio ero un po scettico se leggere o meno questo libro, ma dopo aver visto le prime puntate della serie tv e aver letto un buon numero di recensioni ho deciso di dargli una possibilità; la mia paura più grande era che in quanto libro di genere romance potesse essere rivolto solo a un pubblico femminile e invece su questo frangente mi sono dovuto ricredere perchè bensì la storia d'amore sia l'elemento cardine di tutto il libro questa è narrata in maniera matura e mai banale, un amore che i certi punti è sofferto, e poi da elogiare il modo in cui è descritto anche il momento storico, l'atmosfera della scozia del diciottesimo secolo si fa sentire più che bene; quindi alla fine mi è piaciuto come l'autrice sia riuscita a mescolare più generi, tra cui oltre al romance vi è genere storico e avventuroso; forse dalla seconda metà del libro diventa un po monotono ma ci sono sempre rivelazioni e avvenimenti che fanno chiedere cosa succederà dopo! in sostanza un buon libro anche se nn sono sicuro se continuerò a leggere tutta la saga, di sicuro adesso vedrò tutta la serie tv, nella speranza che sia il più fedele possibile anche se alcune scene sono un po cruente, specie verso la fine; libro sicuramente consigliato a chi cerca una buona storia d'avventura romantica! ;)

    ha scritto il 

  • 4

    Outlander mi ha dato l'input per iniziare questa saga che, se non fosse stato per la serie tv, probabilmente non avrei mai iniziato perché mi sono stancata di saghe infinite. Ormai il danno è fatto, p ...continua

    Outlander mi ha dato l'input per iniziare questa saga che, se non fosse stato per la serie tv, probabilmente non avrei mai iniziato perché mi sono stancata di saghe infinite. Ormai il danno è fatto, perciò grazie Outlander.

    Dopo aver amato alla follia la serie tv e aver letto pareri contrastanti sui libri, ero convinta che il romanzo avrebbe rovinato tutta la magia della serie (sì, sono sempre molto ottimista) e per fortuna non è successo niente di tutto questo. Sì, ad essere onesta devo dire che personalmente trovo la serie tv un gradino più su, ma sono comunque due cose diverse e si possono apprezzare entrambe.
    La straniera è un bel historical romance che vanta un bel po' di pagine, prerogativa di questo genere. Trovo difficile non appassionarmi a queste storie e qui è impossibile non fangirlare per Claire e Jamie. Ambientato nelle Highlands scozzesi di metà '700, La straniera è la storia di un'infermiera di guerra che, dal 1945 - anno in cui viveva -, si ritrova catapultata in un'altra epoca pericolosa e sconosciuta sotto molti punti di vista. È qui che incontra Jamie e altri "valorosi" scozzesi che - giustamente -, trovandosi davanti una donna inglese che vaga spaesata nel bosco e che ha attirato l'attenzione del famigerato Black Jack Randall, la prendono con loro e la salvano dal suo sfortunato incontro, anche se alcuni di loro pensano che sia una spia inglese. Inizia così una nuova avventura per Claire, in un paese che non conosce e con usanze ben diverse da quelle dell'epoca in cui è cresciuta.

    Io sono una schiappa a riassumere le trame ma sopratutto questa, perché Diana Gabaldon fa succedere di tutto e di più: matrimoni combinati, tradimenti, sotterfugi per il trono d'Inghilterra, le leggi dei clan scozzesi, Black Jack Randall... Insomma, se dovessi riassumere tutto quello che succede probabilmente ci impiegherei dei giorni. Le emozioni non mancano e non manca la parte romance che, ovviamente, è quella che mi ha spinto a iniziare la serie tv ancora prima di conoscere qualcosa di questa saga (ringraziamo tutti Sam Heughan). Sono i libri come questo che mi fanno fangirlare come non mai, oltre a maledire la protagonista perché, dai, come si può voler tornare dal proprio marito quando hai questo esemplare di scozzese nel 1743? Pazienza per l'elettricità e l'acqua corrente, sono rinunce che si possono fare volentieri. Jamie è finito tra i miei book boyfriend perché è l'eroe romantico per eccellenza, quello che in un romance ti fa innamorare irrimediabilmente di lui. Bello, valoroso, intelligente, abile con le armi, simpatico e dotato di premure verso Claire che, diciamolo, non tutti gli altri scozzesi hanno avuto, rappresenta l'uomo perfetto pur con il suo carico di difetti. Uno fra tutti, la sua cocciutaggine. La storia di Claire e Jamie non nasce come i soliti romance ma è affascinante vedere come si sviluppa questo sentimento tra i due, come imparano a conoscersi, a comprendere, accettare l'altro - cosa che, venendo da due epoche diverse, non è per niente facile - e, sopratutto, amarlo. Non è stato facile all'inizio decifrare i sentimenti di Claire, perché in lei alberga solo il desiderio di tornare a casa e per un po' non sono riuscita a capire cosa provasse per Jamie (cosa che ho vissuto anche con la serie tv). Dico all'inizio perché poi ci sono certe scene che mostrano veramente i sentimenti di Claire e allora ho avuto tutto chiaro. Come per Claire, non è stato facile venire a patti con alcune usanze dell'epoca o con la figura della donna nel 1700, ma c'era bisogno di qualcosa di veritiero per immergersi veramente nelle Highlands scozzesi. Diana Gabaldon descrive alla perfezione i paesaggi, gli usi e i costumi della Scozia e adesso capisco che la serie tv ha avuto veramente una buona guida su cui basarsi. Oltre al romance, non mancano l'azione e, cosa ancora più importante, le tragedie: che historical romance sarebbe altrimenti?
    Diana Gabaldon mi ha convinto a continuare questa saga non solo attraverso la tv, anche se adesso devo capire se leggere prima i libri o no perché, per una volta, sono indecisa.

    ha scritto il 

  • 2

    Perplessità...

    Io davvero non riesco a capire il motivo di tanto rumore attorno a questo titolo. Un semplice Harmony, con un vestito più accattivante. Risparmiate i vostri soldi...

    ha scritto il 

  • 4

    Mi sono avvicinato a questo libro con qualche dubbio e subito dopo poche pagine, ero li attaccato alla lettura ed immerso nella storia.
    Ottimo libro!! Consigliato sia per la storia, che in un primo mo ...continua

    Mi sono avvicinato a questo libro con qualche dubbio e subito dopo poche pagine, ero li attaccato alla lettura ed immerso nella storia.
    Ottimo libro!! Consigliato sia per la storia, che in un primo momento potrebbe avere un gusto amaro del già visto, ma che in poche pagine conquista e rapisce il lettore.
    Personaggi molto caratterizzati e storia intrigante. Contemporaneamente alla mia lettura è uscita anche la serie TV che ricalca con perfetta sincronizzazione gli eventi del libro, ovviamente non posso che consigliarne la visione!

    ha scritto il 

  • 5

    Quando la serie TV ti indirizza sulla buona strada

    La lettura di questo romanzo pieno e ricco mi ha davvero presa e appassionata, già dopo averlo finito desideravo cominciare il seguito. Dopo aver visto la serie TV, che vanta eccellenti attori e panor ...continua

    La lettura di questo romanzo pieno e ricco mi ha davvero presa e appassionata, già dopo averlo finito desideravo cominciare il seguito. Dopo aver visto la serie TV, che vanta eccellenti attori e panorami mozzafiato, non potevo non resistere all'impulso di appropriarmi di quel bellissimo librone che ogni volta che passavo in libreria mi chiamava dallo scaffale. E così ci ho messo un po', ma alla fine ne ho concluso la lettura, pagina dopo pagina, senza annoiarmi neanche un attimo, vorticando nel mondo creato da Diana Gabaldon fatto di tradizioni, storia, passioni, eventi misteriosi ricchi di sorprese e suspance. La mia unica critica va alla diffusione dell'opera omnia. Infatti come romanzo non è recente e come spesso accade è stato riportato alla ribalta proprio dall'enorme successo ottenuto dalla serie TV che si ispira al primo della serie dei romanzi di Outlander. Però è stato scelto di rieditare soltanto il primo volume e gli ultimi due, tutti quelli intermedi, che credetemi non sono pochi, sono rimasti nella vecchia versione. Forse sarò io troppo pignola ma non ne colgo il senso, non capisco perché fare scientemente un lavoro a metà. Al di là di questo fastidioso dettaglio ne consiglio calorosamente la lettura nonché la visione della serie TV. Di solito chi li conosce entrambi consiglia a quale convenga approcciarsi prima, in questo caso però io non mi sento di esprimere una preferenza o la supremazia di uno sull'altro. Sono entrambi prodotti ben riusciti, la serie TV coglie i pieno il carattere dei personaggi e li dipinge talmente bene che sono contenta di averli visti prima prendere vita sullo schermo per poi figurarmeli nella mente leggendo le parole del libro. Ma siccome è questione di preferenze...fate vobis!

    ha scritto il 

  • 5

    La Straniera - Outlander 1

    Ho iniziato la lettura de "La straniera" perchè sentivo parlare della serie TV tratta dal primo libro: "Outlander".
    Non amo molto le storie definite "fantasy", quindi prima di acquistarlo c'ho pensato ...continua

    Ho iniziato la lettura de "La straniera" perchè sentivo parlare della serie TV tratta dal primo libro: "Outlander".
    Non amo molto le storie definite "fantasy", quindi prima di acquistarlo c'ho pensato su un bel po' di tempo... e aspettavo... chiedendomi se sarebbe stato un genere che sarei riuscita a leggere.
    Beh... quel tempo perso mi avrebbe sicuramente fatto innamorare prima di questa storia:BELLISSIMA.
    Bellissima al punto tale che diventa parte della vita reale, talmente tanto da non riuscire più a togliersela dalla testa.
    La storia ti prende in ogni senso:ci si immedesima in Claire e in Jamie, nelle loro emozioni e nel loro dolore e nel loro amore.
    E si piange. Si... perchè è una storia d'amore talmente bella e talmente pura che ci si chiede come sia possibile.
    Diana, con la storia di Claire e Jamie, descrivendo la nascita del loro amore, il suo sviluppo, ti prende e ti tiene con sè:personalmente, quando non leggo il libro non riesco a non pensare a loro, non riesco a vivere i miei sentimenti senza avere i loro come riferimento... e ci si innamora di Jamie: di un uomo tanto dolce e tanto forte grazie all'amore che prova per la sua donna, la sua "Sassenach".
    Si... ci si innamora di Jamie, del suo gaelico, del suo essere tanto scozzese e del suo amore per Claire. Ci si innamora talmente tanto da provare invidia per un amore tanto grande.
    Lo consiglio tanto.

    ha scritto il 

  • 3

    50/50

    Prolisso, ma allo stesso tempo dettagliato. Troppo? Non lo so, me lo sto ancora chiedendo.
    Volgare, ma anche passionale. Dov'è la linea sottile che divide il porno dal romantico? Talmente trash da far ...continua

    Prolisso, ma allo stesso tempo dettagliato. Troppo? Non lo so, me lo sto ancora chiedendo.
    Volgare, ma anche passionale. Dov'è la linea sottile che divide il porno dal romantico? Talmente trash da far imbarazzare (si potevano evitare tante scene)
    Ci sono forzature sulla trama? Anche questo me lo sto ancora chiedendo.
    Noiosetto? Un pó.
    Appassionante? Bé a tratti si.
    Personaggi credibili? Lei lascia a desiderare. Lui anche.
    Il commento a questo libro è un "non so!"

    ha scritto il 

  • 3

    Gli avrei dato 4 stelle se solo avessi avuto più costanza nel leggerlo. Purtroppo la lettura spezzetata e protratta per troppo tempo non mi ha fatto apprezzare più di tanto il romanzo causa dimentican ...continua

    Gli avrei dato 4 stelle se solo avessi avuto più costanza nel leggerlo. Purtroppo la lettura spezzetata e protratta per troppo tempo non mi ha fatto apprezzare più di tanto il romanzo causa dimenticanze di eventi e nomi. Alcune scene comunque mi hanno catturata molto e dopo aver divorato finalmente la fine sono troppo curiosa di sapere come si evolverà la storia per cui sono pronta a leggere il 2° romanzo della saga sperando in una lettura meno interrotta per apprezzarlo meglio.

    ha scritto il 

  • 5

    Ho iniziato la lettura de "La straniera" perchè sentivo parlare della serie TV tratta dal primo libro: "Outlander". Non amo molto le storie definite "fantasy", quindi prima di acquistarlo c'ho pensato ...continua

    Ho iniziato la lettura de "La straniera" perchè sentivo parlare della serie TV tratta dal primo libro: "Outlander". Non amo molto le storie definite "fantasy", quindi prima di acquistarlo c'ho pensato su un bel po' di tempo... e aspettavo... chiedendomi se sarebbe stato un genere che sarei riuscita a leggere. Beh... quel tempo perso mi avrebbe sicuramente fatto innamorare prima di questa storia: BELLISSIMA. Bellissima al punto tale che diventa parte della vita reale, talmente tanto da non riuscire più a togliersela dalla testa. La storia ti prende in ogni senso: ci si immedesima in Claire e in Jamie, nelle loro emozioni e nel loro dolore e nel loro amore. E si piange. Si... perchè è una storia d'amore talmente bella e talmente pura che ci si chiede come sia possibile. Diana, con la storia di Claire e Jamie, descrivendo la nascita del loro amore, il suo sviluppo, ti prende e ti tiene con sè: personalmente, quando non leggo il libro non riesco a non pensare a loro, non riesco a vivere i miei sentimenti senza avere i loro come riferimento... e ci si innamora di Jamie: di un uomo tanto dolce e tanto forte grazie all'amore che prova per la sua donna, la sua "Sassenach". Si... ci si innamora di Jamie, del suo gaelico, del suo essere tanto scozzese e del suo amore per Claire. Ci si innamora talmente tanto da provare invidia per un amore tanto grande. Lo consiglio assolutamente.

    ha scritto il 

Ordina per