La strega di Vallebuja

Di ,

Editore: Cartacanta

4.2
(42)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 64 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8883600398 | Isbn-13: 9788883600395 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Biografia , Fumetti & Graphic Novels , Mistero & Gialli

Ti piace La strega di Vallebuja?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Una giovane orfana, cresciuta in solitudine e libertà dopo la morte dei genitori, vive in mezzo al bosco in una casa diroccat; ella trascorre così la sua adolescenza,ignorando il mondo e le sue regole, con una sola certezza: essere l'unica sopravvissuta alla terribile pestilenza che ha sterminato la sua famiglia e tutti coloro che conosceva.

Questa vita solitaria finisce però all'improvviso: la gente di un vicino villaggio la addita come "la strega". Ed ecco che ella diviene il capro espiatorio, unica colpevole di tutte le sciagure che hanno colpito il paese, la bestia selvaggia, la serva del demonio. Dopo un lungo e tormentato processo per stregoneria, dopo le umiliazioni, le violenze e le torture, la "strega" è condannata a morte.

Il 16 febbraio 1642 Caterina Farcigli viene annegata in Arno. Con lei non muore il Male, ma al contrario viene uccisa un'innocente, emblematica testimone, ancora una volta, di come l'odio e l'irrazionalità possano spingere la società "civile" alle scelte più atroci e disumane.

Ordina per
  • 2

    i disegni sono bellissimi, ma la trama è davvero inesistente. commuove la storia di questa ragazzina, ma devo fare tutto da sola: bianca non mi aiuta assolutamente, semplicemente racconta una storia s ...continua

    i disegni sono bellissimi, ma la trama è davvero inesistente. commuove la storia di questa ragazzina, ma devo fare tutto da sola: bianca non mi aiuta assolutamente, semplicemente racconta una storia senza "entrarci".

    ha scritto il 

  • 4

    Una bella storia illustrata

    Non è un fumetto o una graphic novel, ma una storia illustrata. La scrittura ricalca il linguaggio dell'epoca ma restando molto scorrevole, le illustrazioni sono molto eleganti.
    Il racconto poteva ess ...continua

    Non è un fumetto o una graphic novel, ma una storia illustrata. La scrittura ricalca il linguaggio dell'epoca ma restando molto scorrevole, le illustrazioni sono molto eleganti.
    Il racconto poteva essere narrato in modo banale o squallido, invece il risultato l'ho trovato molto bello.

    ha scritto il 

  • 3

    Ah, l'impagabile soddisfazione di prendere in prestito un libro dalla nipotina undicenne e trovarlo anche di proprio gradimento! La forza della Pitzorno sta proprio nel rendersi accattivante ai giovan ...continua

    Ah, l'impagabile soddisfazione di prendere in prestito un libro dalla nipotina undicenne e trovarlo anche di proprio gradimento! La forza della Pitzorno sta proprio nel rendersi accattivante ai giovani (l'argomento, l'età della protagonista, la potenza delle illustrazioni) e degli adulti (lo stile e l'accurata ricostruzione storica).

    ha scritto il 

  • 5

    Caterina non era una strega. Ma gli uomini che la uccisero erano il Diavolo

    Caterina non era una strega. Fu picchiata, torturata e annegata. Caterina non era una strega. Ma gli uomini che la uccisero erano il Diavolo.

    Questa frase riassume perfettamente la storia: la giovane ...continua

    Caterina non era una strega. Fu picchiata, torturata e annegata. Caterina non era una strega. Ma gli uomini che la uccisero erano il Diavolo.

    Questa frase riassume perfettamente la storia: la giovane Caterina, incredibilmente bella e cresciuta nel folto del bosco, convinta di essere l'unica sopravvissuta al mondo alla peste che le ha portato via la famiglia in giovanissima età, diventa per tutti "la strega", unica colpevole di ogni male del paese. Seguono la tortura e infine la morte, in una tragica storia già troppe volte scritta. Non fatevi ingannare dalla fama di Bianca Pitzorno, autrice considerata generalmente "per bambini": per la tematica e le azioni narrate non è affatto adatto ai piccoli lettori. Ma letto nella prima adolescenza, magari con la compagnia di un genitore, può aiutare a gettare luce su una pagina della nostra storia e società che a scuola generalmente si ignora.

    ha scritto il 

  • 5

    Libro bellissimo e tristissimo allo stesso tempo in cui emerge tutta la paura dell'uomo di tutto ciò che non conosce e non comprende, e delle tragiche conseguenze di questa sua ignoranza.

    ha scritto il