La tache

By ,

Editeur: Editions Gallimard

4.1
(1462)

Language: Français | Number of pages: 496 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Chi traditional , Italian , Spanish

Isbn-10: 2070315932 | Isbn-13: 9782070315932 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Aimez-vous La tache ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 5

    Enorme.

    Un piccolissimo simbolo, se ce ne fosse stato bisogno, del milione di circostanze della vita altrui, di quella bufera di dettagli che formano il guazzabuglio di una biografia umana: un piccolissimo si ...continuer

    Un piccolissimo simbolo, se ce ne fosse stato bisogno, del milione di circostanze della vita altrui, di quella bufera di dettagli che formano il guazzabuglio di una biografia umana: un piccolissimo simbolo che mi ricordava perché la nostra comprensione della gente dev'essere sempre, per forza, nel migliore dei casi, difettosa.

    dit le 

  • 3

    3-

    Primo libro di Roth che leggo nella vita, ero molto curioso.
    Voto storia/interesse personale: 2
    Voto stile: 4

    Roth scrive molto MOLTO bene, già nelle prime pagine sono rimasto sorpreso per la lunghezz ...continuer

    Primo libro di Roth che leggo nella vita, ero molto curioso.
    Voto storia/interesse personale: 2
    Voto stile: 4

    Roth scrive molto MOLTO bene, già nelle prime pagine sono rimasto sorpreso per la lunghezza e la complessità di certi periodi, cosa solitamente inusuale per un anglosassone. Lettura ulteriormente appesantita dal costante muro di testo (pochi dialoghi e "a capo").
    La storia mi ha preso poco. Il "colpo di scena" viene svelato quasi per caso durante uno degli interminabili flussi di coscienza dei protagonisti, ed è la vera figata del libro.
    Il resto è un racconto fin troppo lungo e diluito a causa dei vari flashback sul background dei personaggi; a volte le divagazioni mi incuriosivano e scorrevano veloci, altre volte erano noiose.

    dit le 

  • 4

    Prolissità e poesia

    Non so cosa dire... Questo Philip Roth è sta gran perla di scrittore, o no? E' una domanda che smuove in me delle contraddizioni profonde. Questo almeno sono riuscito a finirlo, "Pastorale americana" ...continuer

    Non so cosa dire... Questo Philip Roth è sta gran perla di scrittore, o no? E' una domanda che smuove in me delle contraddizioni profonde. Questo almeno sono riuscito a finirlo, "Pastorale americana" no, non ce l'ho fatta. Troppo ripetitivo, l'inizio era spinto da un intenso e lucido amarcord, ma poi il romanzo si avvitava e le pagine sembravano essere l'una la fotocopia dell'altra. Anche in questo i difetti non mancano. Dopo ottanta pagine si sa già tutto, anche come andrà a finire, poi l'autore ci torna sopra e va a scovare i particolari e a svelare quello che non ci ha detto. Il finale è bello, anche se sembra andare da una parte ma finisce poi per andare da un'altra e ti chiedi quanto ciò sia voluto. Per me Roth ha una grande sensibilità e degli sprazzi, delle perle di saggezza profondissima, ma occorre pagare lo scotto di pagine e pagine di pura prolissità in cui non succede niente. Le pagine dedicate all'ex marito di Faunia, quelle da reduce del Vietnam, le ho un po' saltate, non ne potevo più di sentire le stesse cose. Mi ricordavano "Pastorale americana", quando parlava della figlia terrorista e per duecento pagine continuava a dire che sua figlia non era più sotto controllo. Ammetto però che è un grande autore e va letto, proprio per questi suoi sprazzi di umanità e per quel suo saper leggere dietro alla superficie e alle convenzioni, anche se qualche pagina e più, forse, si può saltare.

    dit le 

  • 5

    Il mio primo Roth e sicuramente non l'ultimo. La sua prosa cruda mi ha rapita, la narrazione è fitta e densa, richiede dunque un alto tasso di attenzione ma ne vale assolutamente la pena.
    Coleman Silk ...continuer

    Il mio primo Roth e sicuramente non l'ultimo. La sua prosa cruda mi ha rapita, la narrazione è fitta e densa, richiede dunque un alto tasso di attenzione ma ne vale assolutamente la pena.
    Coleman Silk è l'americano modello, professore universitario di lettere classiche, tutti gli uomini lo invidiano e tutte le donne vorrebbero andare a letto con lui. A causa di un fraintendimento, però, viene accusato di razzismo, ma questa accusa non è altro che un pretesto per farlo fuori. Ma Coleman ha un segreto nascosto che è in un certo senso una legge del contrappasso.
    E' un romanzo da leggere, se non altro perché Roth è un pluricandidato al premio Nobel, uno dei più quotati scrittori odierni e un pozzo da cui trarre moltissimi spunti di riflessione.

    dit le 

  • 4

    Philiph Roth...grande scrittore...intenso, elaborato, stupefacente...che dire, leggetelo.
    E' vero che letto dopo aver visto il film il protagonista assume giocoforza il volto di Hopkins, però semmai q ...continuer

    Philiph Roth...grande scrittore...intenso, elaborato, stupefacente...che dire, leggetelo.
    E' vero che letto dopo aver visto il film il protagonista assume giocoforza il volto di Hopkins, però semmai questo è un valore aggiunto

    dit le 

  • 4

    Roth, due su due per ora.

    Faccio ancora fatica a capire perchè la gente parli degli "Stati Uniti" come qualcosa di distante e diverso.
    La Sontag diceva che la generazione di fotografi americani, involontariamente o meno (chiss ...continuer

    Faccio ancora fatica a capire perchè la gente parli degli "Stati Uniti" come qualcosa di distante e diverso.
    La Sontag diceva che la generazione di fotografi americani, involontariamente o meno (chissene), partita alla fine dei 60 e devoti (qui credo involontariamente ma chissene comunque) al pensiero Whitmaniano della democratizzazione del bello, si sono allineati nel interpretare gli Stati Uniti come la tomba dell'occidente, e con questo la necessità e il motivo di capirli maggiormente.
    Hanno accettato la non coltura e i non luoghi come presa di coscienza per la comprensione, smettendo di cercare un ordine a ciò che ordine non ha.
    Io, nei libri americani, ci trovo più analogie che differenze con questa parte dell'oceano. Facciamo quasi SOLO analogie.

    dit le 

Sorting by
Sorting by
Sorting by