Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La teoria dell'evoluzione

Di

Editore: Il Mulino

3.7
(50)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 131 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8815109757 | Isbn-13: 9788815109750 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico , eBook

Genere: Non-fiction , Science & Nature , Textbook

Ti piace La teoria dell'evoluzione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Pro o contro Darwin, evoluzionismo o creazionismo, il dibattito sulla teoria dell'evoluzione sembra oggi costituire uno dei temi "caldi" della discussionepubblica di qua e di là dell'Atlantico. L'autore del volume introduce allateoria dell'evoluzione aiutando a coglierne il suo significato centrale cherisiede in tre spinte concomitanti: la variazione, la trasmissibilità di unaparte di questa variazione di generazione in generazione, l'azione dellaselezione naturale. Ripercorre poi gli altri complessi meccanismi che siaggiungono al "cuore" della teoria ­ dalle migrazioni, alle ibridazioni, aglisconvolgimenti della biosfera ­ fino alla svolta imprevedibile della natura:la comparsa di Homo sapiens.
Ordina per
  • 5

    Oltre Darwin

    Ma l'impianto fondamentale della teoria resta quello di C. Darwin. Pievani racconta con piacevole maestria come le nuove conoscenze di biologia molecolare e di genetica, le migrazioni, le ...continua

    Ma l'impianto fondamentale della teoria resta quello di C. Darwin. Pievani racconta con piacevole maestria come le nuove conoscenze di biologia molecolare e di genetica, le migrazioni, le trasformazioni della biosfera ed altro abbiano integrato, arricchendolo e spesso confermandolo, il nocciolo fondamentale del pensiero darwiniano. Libro divulgativo, ma chi possiede una discreta conoscenza di biologia lo troverà decisamente più interessante e avvincente.

    ha scritto il 

  • 4

    Molto filosofico, forse troppo: sarebbe stato bello avere qualche anche breve esempio di quel che è raccontato, anche perchè si intuisce bene che l'autore avrebbe potuto darne tranquillamente. ...continua

    Molto filosofico, forse troppo: sarebbe stato bello avere qualche anche breve esempio di quel che è raccontato, anche perchè si intuisce bene che l'autore avrebbe potuto darne tranquillamente.

    ha scritto il 

  • 2

    Piccolo libretto divulgativo su un tema abbastanza impegnativo, quello dell'evoluzione e delle mutazioni genetiche. Infatti l'ho trovato difficile da leggere la sera prima di dormire. Mi sono persa ...continua

    Piccolo libretto divulgativo su un tema abbastanza impegnativo, quello dell'evoluzione e delle mutazioni genetiche. Infatti l'ho trovato difficile da leggere la sera prima di dormire. Mi sono persa tra alleli, fenotipi, ecc. Non e' un caso che c'ho messo quasi un mese a leggere meno di 130 pagine. :-(

    ha scritto il 

  • 4

    Naturalmente umani...

    Si presenta come un'agile introduzione alla teoria dell'evoluzione, ora più che mai al centro di un intenso dibattito scientifico e filosofico. Il filosofo della scienza Telmo Pievani conferma ...continua

    Si presenta come un'agile introduzione alla teoria dell'evoluzione, ora più che mai al centro di un intenso dibattito scientifico e filosofico. Il filosofo della scienza Telmo Pievani conferma ancora una volta le doti di abile divulgatore, capace di non sacrificare il rigore scientifico alla chiarezza espositiva. A mio avviso, merita un'attenzione particolare il cap. 3, in modo specifico è di estremo interesse il paragrafo dal titolo assai spinoso "Chi riscuote i vantaggi della selezione: l'individuo, il gruppo o la specie?". Credo sia qui, in questa problematica, uno dei nodi cruciali e filosoficamente (non solo scientificamente) coinvolgenti. E' corretto parlare di una gerarchia di livelli evolutivi? E quando una visione rigidamente gerarchica apre invece orizzonti interpretativi "integrati"? In che termini si può parlare di "selezione di gruppo"?

    E, ovviamente, ricalcando le stesse parole di Pievani, "non sarà mai una cattiva idea tornare alle celebri pagine di Charles Darwin da cui tutto cominciò...".

    ha scritto il