Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La terapia

Di

Editore: Elliot

4.0
(660)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 254 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Spagnolo , Inglese , Portoghese , Francese , Olandese , Polacco

Isbn-10: 8861921841 | Isbn-13: 9788861921849 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Claudia Crivellaro

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Medicine , Mystery & Thrillers

Ti piace La terapia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Viktor Larenz è uno psichiatra di Berlino, brillante, ricco e reso per di più celebre dalle sue frequenti apparizioni televisive. La sua vita pero va improvvisamente in frantumi quando la figlia dodicenne Josy, affetta da una malattia sconosciuta, scompare senza lasciare traccia durante una visita nello studio del dottore che l'ha in cura. Viktor la cerca ovunque senza mai rassegnarsi, ma tutto ciò arriva a costargli la carriera e il suo stesso matrimonio. Quattro anni dopo, Viktor Larenz si è ritirato in un'isola lontano da tutto e da tutti, quando riceve la visita di Anna Spiegel, una scrittrice di libri per bambini che sostiene che i personaggi che crea possano diventare reali. Uno di essi, in particolare, somiglia in modo impressionante alla piccola Josy e forse porta con sé la risposta a ciò che è accaduto alla bimba di Viktor. Ma chi è davvero Anna Spiegel, e perché sua figlia Charlotte ha gli stessi sintomi di Josy e deve sfuggire a un'identica minaccia?
Ordina per
  • 0

    A parte il finale che dà un discreto colpo di coda, il libro è pessimo. Descrizioni banali, a volte inutili, di particolari insignificanti, dialoghi per nulla movimentati, personaggi poco caratterizzati. Da evitare.

    ha scritto il 

  • 4

    Lo sfondo psicologico che attraversa il libro mi è piaciuto e mi ha incuriosita a ogni pagina, così pure il suo protagonista, con le sue domande e le sue ipotesi al limite della pazzia; certo, c’è una certa assenza di interazioni vere e proprie tra i personaggi e l’unico con cui abbiamo un incont ...continua

    Lo sfondo psicologico che attraversa il libro mi è piaciuto e mi ha incuriosita a ogni pagina, così pure il suo protagonista, con le sue domande e le sue ipotesi al limite della pazzia; certo, c’è una certa assenza di interazioni vere e proprie tra i personaggi e l’unico con cui abbiamo un incontro ravvicinato è solo Viktor, gli altri fanno da “corollario” alla storia costruita attorno a lui. Però non lo dico come un difetto, perché questo thriller mi ha tenuta incollata e l’ho letto in poche ore (non è neanche molto lungo, certo) e i colpi di scena si susseguono ad ogni capitolo, alzando il livello di tensione e attenzione nella lettura. Via via che si va verso il finale, tante cose si chiariscono ma fino alla fine non sai mai che novità Fitzek tirerà fuori per stupirci.

    Un romanzo che ci lascia entrare nei meandri della psiche umana colpita da gravi patologie psichiatriche, dalla già citata schizofrenia alla sindrome di Munchausen. Assolutamente consigliato, per l’intreccio, lo stile e la risoluzione della “matassa”!!

    http://chicchidipensieri.blogspot.it/2014/06/recensione-la-terapia-di-sebastian.html

    ha scritto il 

  • 4

    parecchi errori

    che fanno innervosire, ma la storia ........ per tutto il tempo mi chiedevo come.... COME farà a tirarsene fuori?
    Tesissimo psicothriller sulla labilità della psiche umana, non ti puoi fidare del narratore, è uno psichiatra andato in a pezzi. E il ritmo incalzante ti impedisce di ragionare, devi ...continua

    che fanno innervosire, ma la storia ........ per tutto il tempo mi chiedevo come.... COME farà a tirarsene fuori? Tesissimo psicothriller sulla labilità della psiche umana, non ti puoi fidare del narratore, è uno psichiatra andato in a pezzi. E il ritmo incalzante ti impedisce di ragionare, devi pensare troppo in fretta tutto si ingarbuglia e si smentisce e tu assolutamente non ti puoi fermare. Un bel trappolthriller.

    ha scritto il 

  • 4

    7.5

    Un buen thriller rapido y ameno , que bajo mi punto de vista es algo complejo, pero que con el final del libro se responden todos los interrogantes, aunque creo le faltan algunas cosas para ser una obra maestra.

    ha scritto il 

  • 4

    LA TERAPIA

    “Tra l’ipotizzare e il sapere
    Ci sono la vita e la morte”


    “La terapia”, libro d’esordio di Sebastian Fitzek, scrittore berlinese, è stato concepito dall’autore mentre attendeva la fidanzata che si era sottoposta ad una visita in uno studio medico. In Germania, nel 2006, ha subito ottenut ...continua

    “Tra l’ipotizzare e il sapere Ci sono la vita e la morte”

    “La terapia”, libro d’esordio di Sebastian Fitzek, scrittore berlinese, è stato concepito dall’autore mentre attendeva la fidanzata che si era sottoposta ad una visita in uno studio medico. In Germania, nel 2006, ha subito ottenuto un grande successo tanto da contendersi i primi posti in classifica con il famoso Codice da Vinci di Dan Brown. In Italia invece, la sua uscita nel 2007 con la Rizzoli, è passata in sordina. La Casa editrice Elliot lo ha riproposto nel 2010 ottenendo dei grandi riscontri di pubblico e critica. Il libro è il primo di una trilogia che sta riscuotendo molti consensi per la capacità dello scrittore di saper scandagliare a fondo la mente umana e per la sua scrittura in grado di generare suspense e catturare l’attenzione del lettore. E’ la storia di Viktor Larenz, ricco psichiatra berlinese, con un avviatissimo studio e una grande fama derivatagli dalle sue frequenti apparizioni televisive, che cambia radicalmente allorquando la figlioletta Josy, una ragazzina non ancora dodicenne affetta da una malattia sconosciuta, scompare misteriosamente all’interno di uno studio medico dove il padre l’aveva accompagnata per cercare una cura efficace. Viktor impazzisce dal dolore e fa di tutto per ritrovare la figlia ma, a distanza di quattro anni, di lei non c’è traccia. Viktor abbandona il suo lavoro di psiocoterapeuta. Ma un giorno, una bellissima donna bionda, si presenta alla sua porta: è Anne Spiegel, scrittrice per l’infanzia. Vorrebbe tanto entrare in terapia con lui perché è ossessionata dai personaggi dei suoi stessi racconti. Viktor rifiuta, ma quando Anne gli racconta dell’ultimo personaggio che la perseguita, la piccola Charlotte, un personaggio che sembra avere una stretta analogia con la figlia Josy, egli l’accetta come paziente. Saranno quelle di Anne solo allucinazioni di una mente malata o le sue parole possono davvero portare sulla pista giusta da seguire per ritrovare la sua adorata bambina? Con un ritmo incalzante, pieno di espedienti per stravolgere tutte le certezze di chi legge, l’enigma sembra ramificarsi sempre di più, riuscendo a sequestrare il lettore all’interno delle sue pagine grazie anche alla snellezza e alla velocità di capitoli brevi e di frasi veloci e asciutte. Per quanto mi riguarda, ho capito subito l’arcano (mi succede solo con certi autori e non sono certo una fine investigatrice), ma mi sono divertita ugualmente nel vedere la storia dipanarsi sotto i miei occhi, cercando di capire anticipatamente gli accorgimenti messi in atto dall’autore nel proseguire la storia. Devo dire che è stato abile, anche se non tutto sembra tornare alla perfezione e certe azioni o certi personaggi sembrano non avere un perché. In ogni caso ha stimolato la mia curiosità preavvertita che fino all’ultima pagina ci sarebbe stata una possibilità di cambiamento radicale. Leggerò sicuramente il resto della trilogia perché trovo l’autore stimolante e ho voglia di vedere come la sua scrittura e la sua immaginazione possano essersi evolute nei libri successivi a questo.

    ha scritto il 

Ordina per