Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La testa degli italiani

Di

Editore: Rizzoli (Libri Oro)

3.5
(491)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 241 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Finlandese

Isbn-10: 8848603262 | Isbn-13: 9788848603263 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Paperback

Genere: Humor , Non-fiction , Travel

Ti piace La testa degli italiani?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La testa degli italiani resta l'ultima regione inesplorata del Paese, e valeun viaggio. Un viaggio attraverso l'Italia con amici stranieri, ai quali viene"tradotto" sistematicamente il Paese: le regole imperscrutabili della strada el'anarchia ordinata di un ufficio, la loquacità dei treni e la saggezza di unalbergo, la rassicurazione di una chiesa e l'affollamento in camera da letto,l'importanza di una spiaggia e la democrazia del soggiorno (anzi: deltinello). Dieci giorni, trenta luoghi. Da nord a sud, dal cibo allo sport,dalla morale alla politica. Un'esplorazione ironica, metodica e sentimentale.
Ordina per
  • 1

    Stereotypes piss me off!!!

    I personally hate stereotypes.
    I dislike the fact that people think I should act one way because of my sex, personality, or nationality.
    I hate all of this because people are creating a concept of me ...continua

    I personally hate stereotypes.
    I dislike the fact that people think I should act one way because of my sex, personality, or nationality.
    I hate all of this because people are creating a concept of me based in what they see, but not in who I really am.
    Stereotypes are a big problem in our society but what if they can make you sell so many book copies?

    Neither very enlightening nor very funny.
    Yes, it's written in an easy and lightweight style, but it seemed to me to be empty of anything really revelatory or thought-provoking about its subject.

    Its confusion and tangents masquerading as profundity irritated me a lot.

    Finally, this book is full of the kinds of generalisation about Italy that I might have expected from a non-native, but seemed pretty unforgivable from an Italian writer.

    ha scritto il 

  • 1

    Banalità sulla contrapposizione italiani/stranieri

    Questa volta Severgnini finge di rivolgersi ai turisti stranieri in visita in Italia, illustrando pregi e difetti del popolo italico. Banalità infinite sulla contrapposizione “noi siamo... /voi siete. ...continua

    Questa volta Severgnini finge di rivolgersi ai turisti stranieri in visita in Italia, illustrando pregi e difetti del popolo italico. Banalità infinite sulla contrapposizione “noi siamo... /voi siete... ”, condite con un pizzico di umorismo che a volte sconfina nell’acidità del sarcasmo e nel fastidioso autocompiacimento di chi si considera superiore. Racconto infarcito di citazioni, x farci sapere che lui è uomo di cultura e poliglotta. La ricetta comunque funziona, e allora perché non replicarsi all’infinito? Il libro è una lettura non impegnativa, un passatempo accettabile solo x una giornata di pioggia in montagna o un viaggio aereo Milano - Tokyo senza scalo. Eliminato anche dallo scaffale degli Illeggibili e trasferito nel Dimenticatoio.

    ha scritto il 

  • 4

    dal blog Giramenti

    Libro leggero – ma dice cose serie – che racconta seriamente – ma senza esagerare – la testa degli italiani. Striglia i turisti stranieri che sono soliti seppellirci con stereotipi affettuosi (pagina ...continua

    Libro leggero – ma dice cose serie – che racconta seriamente – ma senza esagerare – la testa degli italiani. Striglia i turisti stranieri che sono soliti seppellirci con stereotipi affettuosi (pagina 125), spiega loro l’imprevedibile rassicurante atmosfera delle nostre cittadine (pagina 205) ma, soprattutto, sbatte il nostro naso italico contro una serie di fatti comprovati: ci buttiamo in guerra con la stessa noncuranza con cui gli altri giocano una partita di pallone, ne usciamo perdenti senza drammi e i drammi li lasciamo agli incontri di calcio. E lì, cari miei, facciamo atti di pentimento che manco a guerra persa!

    SEGUE su http://gaialodovica.wordpress.com/2012/12/27/la-testa-degli-italiani-di-beppe-severgnini/

    ha scritto il 

  • 4

    Ironica amarezza

    Con la solita ironia l'autore fotografa la mentalità dell'italica tribù, lasciandomi una sorta di amarezza nel constatare che condivido gran parte di quanto scrive. Divertente ma non troppo...

    ha scritto il