La tomba di ghiaccio

Di

Editore: Nord

3.4
(191)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 548 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8842916285 | Isbn-13: 9788842916284 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: E. Villa

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace La tomba di ghiaccio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Cotton Malone è sempre stato convinto che suo padre, il comandante Forrest Malone, fosse morto in un incidente avvenuto nel 1971 a bordo del Blazek, un sottomarino nucleare di pattuglia nel Nord Atlantico. Ma quando Stephanie Nelle, il suo ex capo al dipartimento di Giustizia, gli procura il riservatissimo dossier del Pentagono, la verità che emerge è sconcertante: il Blazek era impegnato in una missione segreta sotto i ghiacci antartici e la fine dell'equipaggio è tuttora avvolta nel mistero. Un mistero che Malone non è l'unico a voler risolvere. La rotta del sottomarino, infatti, era stata stabilita seguendo le criptiche indicazioni contenute in un manoscritto trovato all'interno della tomba di Carlo Magno, lo stesso manoscritto che aveva spinto alcuni ufficiali nazisti a mettersi sulle tracce di una civiltà perduta e depositaria di conoscenze straordinarie. Quindi la marina degli Stati Uniti non solo ha organizzato, nel tempo, varie operazioni top secret per realizzare un progetto nazista, ma ancora oggi l'ambizioso ammiraglio Langford Ramsey intende impedire con ogni mezzo - lecito e illecito - che quella ricerca riprenda. Così, seguendo indizi che lo porteranno da un'antica cattedrale tedesca alle rovine di una fortezza francese, da Washington sino all'Antartide, Malone dovrà affrontare la sua missione più pericolosa, destreggiandosi fra traditori, bugiardi e assassini.
Ordina per
  • 3

    Non il meglio di Berry

    Ho saltato diverse pagine, le spiegazioni storiche sono noiose e decisamente affastellate, i personaggi non piatti, poco più che figurine. Alla fine non ho capito perché la Marina avesse deciso di ten ...continua

    Ho saltato diverse pagine, le spiegazioni storiche sono noiose e decisamente affastellate, i personaggi non piatti, poco più che figurine. Alla fine non ho capito perché la Marina avesse deciso di tenere tutto a tacere, la spiegazione della Guerra Fredda non regge per niente. E poi ci sono più morti che in un film di James Bond!

    ha scritto il 

  • 4

    Come sempre Steve Berry ha creato un giallo che incuriosisce e invoglia a finire per comprenderlo fino in fondo.
    Un altro giallo ai nostri tempi con sfondo, enigma storico. Avvolte un po forzato, ma n ...continua

    Come sempre Steve Berry ha creato un giallo che incuriosisce e invoglia a finire per comprenderlo fino in fondo.
    Un altro giallo ai nostri tempi con sfondo, enigma storico. Avvolte un po forzato, ma nel complesso il testo fila via come l'olio.
    Tutta la storia è scritta ed ambientata molto bene, bravo a creare le intrecciature x proseguire nel racconto senza perderne il senso.
    Ho preso in antipatia la signora tedesca, una madre non dovrebbe mai mettere i figli l'uno contro l'altro è diabolico e disumano.

    ha scritto il 

  • 3

    Il perno di tutta la storia doveva essere "l'enigma storico" invece è sviluppato malissimo e si risolve in pochi capitoli. Sparatorie e agguati a ripetizione che più che tenere viva l'attenzione, stuf ...continua

    Il perno di tutta la storia doveva essere "l'enigma storico" invece è sviluppato malissimo e si risolve in pochi capitoli. Sparatorie e agguati a ripetizione che più che tenere viva l'attenzione, stufano.

    ha scritto il 

  • 1

    Orribile

    Qualche tempo fa lessi un articolo che parlava di cosa distingue un buon lettore da un ottimo lettore. Tra le varie cose si faceva riferimento al fatto che l'ottimo lettore non è quello che per forza ...continua

    Qualche tempo fa lessi un articolo che parlava di cosa distingue un buon lettore da un ottimo lettore. Tra le varie cose si faceva riferimento al fatto che l'ottimo lettore non è quello che per forza porta a termine un libro, ma quello che, resosi conto di detestare quest'ultimo, lo abbandona per passare a migliori letture. L'operazione di lasciare a metà un libro mi è sempre stata però molto difficile; più volte infatti mi è capitato di costringermi di finire libri anche se essi avevano finali scontati preceduti da narrazioni incredibilmente oscene. Ma, come per tutte le cose, c'è sempre una prima volta. La tomba di ghiaccio di Berry è la mia prima volta. Infatti nulla, ma proprio nulla di questo libro mi ha convinto ad andare avanti; i personaggi sono stantii e stereotipati, la narrazione è lentissima e noiosa, e il fatto di volere infilare la storia di Carlo Magno a tutti i costi, cosa che aveva attratto me in primis durante la lettura della trama, davvero penosa e malfatta. Non so se questo è solo il peggiore capitolo di una altrimenti inspiegabile fortunata serie di romanzi scritti da Berry con gli stessi personaggi, ma una cosa è certa: come non ho terminato questo libro, non ne acquisterò un altro dello stesso autore. Sbagliare è umano, perseverare...

    ha scritto il 

  • 3

    Premesso che amo molto i libri della serie Cotton Malone, questo mi ha appassionato molto meno. Spesso le situazioni sono troppo forzate e i morti decisamente troppi.

    ha scritto il 

  • 3

    Di certo non il miglior Berry in questo romanzo che vede ancora una volta protagonista Cotton Malone. L'inizio è scoppiettante con inseguimenti, sparatorie e misteri. Poi i personaggi iniziano un'inte ...continua

    Di certo non il miglior Berry in questo romanzo che vede ancora una volta protagonista Cotton Malone. L'inizio è scoppiettante con inseguimenti, sparatorie e misteri. Poi i personaggi iniziano un'interminabile serie di doppi, tripli e quadrupli giochi dai quali onestamente se ne esce intontiti. Anche la trama non è delle migliori e al temine delle 540 pagine sembra che quello acceso sia solo un flebile fuoco di paglia. In effetti paiono non essere per nulla necessari né la segretezza con la quale si svolge la missione né il tentativo di impedirla.

    ha scritto il 

  • 4

    Di ghiaccio!

    Un bel romanzo in cui si parla di civiltà pre-esistenti, codici, imperatori, guerre e la solita partita a chi arriva prima a svelare e trovare il mistero. Non il più bel libro di Berry ma comunque da ...continua

    Un bel romanzo in cui si parla di civiltà pre-esistenti, codici, imperatori, guerre e la solita partita a chi arriva prima a svelare e trovare il mistero. Non il più bel libro di Berry ma comunque da non perdere per chi è appassionato del genere e passare del tempo nella piacevole lettura d'avventura.

    ha scritto il 

  • 1

    Algido come l'Antartide

    Ho letto diversi libri di Berry e questo è il peggiore della serie. L'argomento non è un granchè interessante e la trama non riesce a creare la giusta suspance. Se un libro non è avvincente o interess ...continua

    Ho letto diversi libri di Berry e questo è il peggiore della serie. L'argomento non è un granchè interessante e la trama non riesce a creare la giusta suspance. Se un libro non è avvincente o interessante, è sicuramente da evitare!

    ha scritto il 

  • 2

    Spero che sia davvero solo il peggior romanzo di Steve Berry ...

    L'idea era affascinante, lo sfruttamento da parte di Berry è deludente. La ricerca dei "misteri" legati a Carlo Magno non offre quasi spunti davvero intriganti e la "scoperta" finale è incredibilmente ...continua

    L'idea era affascinante, lo sfruttamento da parte di Berry è deludente. La ricerca dei "misteri" legati a Carlo Magno non offre quasi spunti davvero intriganti e la "scoperta" finale è incredibilmente frettolosa e superficiale.
    In quanto alla parte "thriller", gli unici personaggi con un pò di carattere sono i due "cattivi" principali, per quanto riguarda i "buoni" direi che sono tutti scialbetti.
    Noiosissime (e incapaci di suscitare sia simpatie sia grandi antipatie) le demenziali dinamiche interne alla nobile famiglia tedesca coinvolta nella vicenda.
    Mi aspettavo un romanzo "alla James Rollins" o qualcosa del genere, ma qui siamo ad un livello molto ma molto inferiore.
    Spero davvero che sia, come ha scritto qualche lettore, il peggior romanzo di Steve Berry (è il suo primo che leggo) e non rappresentativo della sua qualità narrativa ...

    ha scritto il