La traduzione

Una sfida etica

Di

Editore: Morcelliana

4.2
(11)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 112 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8837218370 | Isbn-13: 9788837218379 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Ilario Bertoletti , Mara Gasbarrone ; Curatore: Domenico Jervolino

Genere: Filosofia

Ti piace La traduzione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Tra pluralità irriducibile delle lingue e possibilità di una reciproca comprensione: è questo lo spazio in cui si pone il problema filosofico, teologico ed etico della traduzione.Nell'atto di tradurre, per Ricoeur, non solo si evidenziano le ragioni dell'ermeneutica e del dialogo interreligioso - in quanto ascolto e interpretazione della lingua di un altro testo, di un'altra fede - ma anche il senso stesso della relazione etica. I paradossi etici non sono tutt'uno con i paradossi della traduzione? Come accostarsi all'altro, lo straniero, senza ridurlo a sé? Nella mia identità non riconosco i segni di altre identità, trasmesse dalle differenti lingue? Una sfida che si compendia nella categoria di 'ospitalità linguistica': «ospitalità linguistica... ove al piacere di abitare la lingua dell'altro corrisponde il piacere di ricevere presso di sé, nella propria dimora d'accoglienza, la parola dello straniero».
Ordina per
  • 0

    Non avevo mai dato troppo peso, colpevolmente devo dire, alla questione della traduzione, fintanto che mi sono imbarcato (è proprio il caso di dirlo) in una lettura parallela di un testo originale e s ...continua

    Non avevo mai dato troppo peso, colpevolmente devo dire, alla questione della traduzione, fintanto che mi sono imbarcato (è proprio il caso di dirlo) in una lettura parallela di un testo originale e sue diverse traduzioni che mi sta aprendo un mondo.
    Non è il mio campo, né ho troppo in simpatia l’ermeneutica, però la cosa mi sta intrigando… cento paginette forse ce la faccio…

    ha scritto il 

  • 5

    Per innamorarsi della traduzione (di nuovo)

    Pagine straordinariamente pregnanti. Il lavoro del traduttore si presenta come segno della nostra "finitezza" e vulnerabilità umana, ma al contempo del nostro impegno nella Storia, del nostro rapporto ...continua

    Pagine straordinariamente pregnanti. Il lavoro del traduttore si presenta come segno della nostra "finitezza" e vulnerabilità umana, ma al contempo del nostro impegno nella Storia, del nostro rapporto con la Memoria e con il Lutto.

    ha scritto il