Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La traversata

Di

Editore: Novantacento

4.0
(3)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 96 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8896499259 | Isbn-13: 9788896499252 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace La traversata?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    Arancina al volo, con botta d'acido.

    Quando mi ritrovavo esausta, di ritorno dal traffico dell'ora di punta (che, a Palermo, la punta, non ho mai capito quale sia) e, per giunta, in motociclo, il che è o dovrebbe essere (ma non sempre) un vantaggio (a meno che non si segua la scia di motorini che salgono sui marciapiedi per sfuggir ...continua

    Quando mi ritrovavo esausta, di ritorno dal traffico dell'ora di punta (che, a Palermo, la punta, non ho mai capito quale sia) e, per giunta, in motociclo, il che è o dovrebbe essere (ma non sempre) un vantaggio (a meno che non si segua la scia di motorini che salgono sui marciapiedi per sfuggire all'ingorgo), pensavo: ci vorrebbe un libro che racconti la città mentre la si vive in mezzo al traffico. Quei pensieri sfuggenti eppure lapidari, purtroppo eterni ed eternamente tragicomici. Sì, perché se nel tragico riesci a ridere allora è fatta. Sei fottuto per sempre. Ti sei innamorato di questa città. Ecco, il libro c'è. Veloce come addentare un'arancina, in un'ora e mezzo di traffico. Una goduria...ma con qualche botta d'acido!

    ha scritto il 

  • 4

    Racconti a Palermo, su Palermo, per Palermo.
    Sostanzialmente un atto d’amore per la città e per la sua variopinta umanità, spesso disperata senza essere sazia, eppure sempre viva e pulsante.
    Lo si vede particolarmente nell’ultimo racconto (quello che mi è piaciuto di più, per la sua, ...continua

    Racconti a Palermo, su Palermo, per Palermo.
    Sostanzialmente un atto d’amore per la città e per la sua variopinta umanità, spesso disperata senza essere sazia, eppure sempre viva e pulsante.
    Lo si vede particolarmente nell’ultimo racconto (quello che mi è piaciuto di più, per la sua, vorrei dire, “oggettività morale”, nel senso che racconta una storia senza stillare giudizi moralistici dall’alto, ma lasciando emergere la natura dei fatti di per sé) e nel primo, che dà il titolo al libro, in cui il protagonista fa da cicerone palermitano ad un insolito deus ex machina (nella fattispecie una Mercedes).

    ha scritto il 

  • 0

    attraversando Palermo

    Un vecchio furgoncino Volkswagen, di quelli usati dai
    figli dei fiori, illustra la copertina de "La traversata", piacevole e veloce raccolta di racconti a
    firma di Salvo Toscano, palermitano, classe 1975, giornalista, coordinatore
    dei mensili «I Love Sicilia» ed «S».
    Il fa ...continua

    Un vecchio furgoncino Volkswagen, di quelli usati dai
    figli dei fiori, illustra la copertina de "La traversata", piacevole e veloce raccolta di racconti a
    firma di Salvo Toscano, palermitano, classe 1975, giornalista, coordinatore
    dei mensili «I Love Sicilia» ed «S».
    Il fatto che Salvo Toscano sia palermitano,
    è di fondamentale importanza nell'approccio a questo volumetto, la cui
    «traversata» comincia non su un furgoncino malconcio e colorato, ma a bordo
    di una Mercedes i cui due occupanti, un uomo e una donna, americani, turisti,
    «rapiranno» il malcapitato Michele, giovane laureato impiegato di un call
    center, per lasciarsi a loro volta stregare da quella che potrebbe sembrare
    una lunga lista di luoghi comuni del capoluogo di Sicilia ma che, invece,
    rappresenta l'ossatura di una vecchia e lunga storia fatta di antiche stradine,
    luoghi incantati, tante miserie e vaghi sentori di nobiltà. Il tutto condito
    da quel traffico da girone infernale al quale i palermitani, nessuno escluso,
    sono costretti giornalmente a sottostare. Il tutto condito da quell'ineffabile
    elogio della lentezza che scompare, tutto d'un tratto, soltanto se una
    svampita signora decide di affrontare sfrontatamente con la propria vecchia
    auto scassata un senso unico, ma pronto a riprendere il sopravvento davanti
    a un'arancina (rigorosamente con la a finale) fumante.
    Salvo Toscano,
    dunque, racconta la sua Palermo, ma anche quella di tante generazioni prima
    ed altre a venire.Tanto, come si sa, Palermo è la città più gattopardiana
    del mondo, dove tutti fingono di voler cambiare tutto per lasciare le cose
    esattamente come sono. Ma la «traversata» va anche oltre. E' il racconto
    di una generazione disagiata, sconfortata, delusa. Dove chi si laurea,
    perché il figlio laureato è d'obbligo in ogni famiglia che si rispetti,
    deve necessariamente scappare, sradicarsi dal tiepido torpore e buttare
    il naso oltre il Monte Pellegrino. O sperare in un insperabile miracolo.
    Come accade a Michele. Perché le speranze di dare un calcio nel sedere
    al proprio datore (cerbero) di lavoro precario, è altrimenti pari a zero,
    tanto quanto quello di vedere la squadra di calcio della città con il tricolore
    dello scudetto cucito sulle maglie rosanero.
    La prosa di Salvo Toscano
    è fluida, divertente e a tratti appassionante. E la dice lunga su un autore
    che, già finalista allo Scerbanenco e al PremioZocca, riesce a toccare
    le corde più recondite del lettore scatenando il gusto piacevole della
    lettura estiva, non troppo impegnativa ma nemmeno sterile a se stessa.

    ha scritto il