La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola

Di

Editore: Garzanti

2.8
(33)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 215 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 881167106X | Isbn-13: 9788811671060 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Sara Arena

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura

Ti piace La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ci sono giornate in cui tutto va storto. È così per Camille, quando sotto un incredibile diluvio si trova con l'auto in panne e senza la possibilità di chiamare nessuno. Tutte le sfortune del mondo sembrano concentrarsi su di lei. Ma Camille non sa che quello è il giorno che cambierà il suo destino per sempre. Un uomo le offre il suo aiuto. Si chiama Claude, e si presenta come un «ambasciatore della felicità». Le dice che lui è in grado di dare una svolta alla vita delle persone. Camille sulle prime non dà peso alle sue parole. Eppure, riscoprire la bellezza delle piccole cose renderebbe tutto più facile: l'aiuterebbe ad andare di nuovo d'accordo con il figlio ribelle e a ritrovare la sintonia di un tempo con il marito. Così decide di ricontattare Claude e di seguire le sue indicazioni. Per liberarsi delle caratteristiche negative c'è ogni giorno un semplice esercizio da compiere, un piccolo passo alla volta: ripercorrere le sensazioni di un momento felice, guardarsi allo specchio e farsi dei complimenti, contare tutte le volte che ci si lamenta durante la giornata. A volte basta solo ringraziare per quello che di buono accade, dal profumo del caffè la mattina a una realizzazione personale. Camille comincia a mettere in pratica questi consigli, e intorno e dentro di lei qualcosa succede. Con il sorriso sulle labbra, non è più così difficile parlare con suo figlio e riscoprire con suo marito i motivi per cui si erano scelti. Ma c'è una cosa ancora più importante che Camille ha imparato. Non c'è felicità se non la si divide con qualcuno. Questo è davvero l'ultimo tassello per fare di ogni giorno un giorno speciale, di ogni istante un istante da ricordare.
Ordina per
  • 3

    Recensione su---> http://www.lucreziascali.it/ti-racconto-di-un-pomeriggio-di-primavera-5/#more-7959
    Si tratta di una recente pubblicazione per la casa editrice Garzanti, che non sbaglia quasi mai un ...continua

    Recensione su---> http://www.lucreziascali.it/ti-racconto-di-un-pomeriggio-di-primavera-5/#more-7959
    Si tratta di una recente pubblicazione per la casa editrice Garzanti, che non sbaglia quasi mai un colpo, dove l’autrice, senza presunzione, vuole insegnarci come fare per essere felici. Partiamo dal presupposto che non è stata inventata la formula magica per ottenere la felicità, perchè sennò vivremo in un mondo idilliaco dove non esisterebbero guerre, omicidi, cattiverie e gelosie. Purtroppo non esiste e, forse, mai esisterà, ma in questo libro sono nascosti dei consigli per provare a cambiare noi stessi e ad accettare la felicità. Perchè, sì, a volte la felicità non si presenta sottoforma di un volto, di un oggetto, di un bonifico in banca, ma sta nel nostro cambiamento, nell’imparare a volersi più bene e ad aprire gli occhi al mondo. Ed è quello che fa Camille, la nostra protagonista, così arrabbiata con la vita, così incazzata con quel mondo che sembra avercela con lei, quando in realtà è lei ad avercela con il mondo. Tutto cambia quando incontra un uomo, Claude, che le spiega come può migliorare la sua vita e ritrovare quella felicità che non ha perso, ma solo messo da parte. Perchè Camille sente il peso delle responsabilità, un ruolo di madre che inizia a vacillare, quello di moglie che fa acqua da tutte le parti e anche un lavoro che non la gratifica. E sarà grazie ai consigli dell’uomo che Camille ritroverà la serenità, ed è un viaggio che dovrà fare prima da sola e quel treno partirà da dentro di lei. Perchè non sempre la negatività arriva dal mondo esterno, spesso siamo noi a crearla e ad alimentarla. Lo ammetto, all’inizio ero un po’ scettica riguardo ai metodi di quell’uomo che si spacciava come “ambasciatore della felicità”, anche perchè i consigli sono davvero, davvero semplici. Quasi che ti chiedi “ma come ho fatto a non pensarci prima?”. Mi sento di consigliartelo, ma non aspettarti il “classico” romanzo, perchè il nucleo centrale resta quello delle seconde occasioni per rinnovare la propria vita, e il resto della storia di Camille diventa un po’ un pretesto per dare voce all’argomento. Ho sottolineato tantissimi consigli che ho condiviso anche con Luca, perchè credo che in due le cose riescano sempre meglio. E quale periodo migliore della primavera per mettere in atto questi suggerimenti?

    ha scritto il 

  • 2

    Probabilmente sono io troppo prevenuta sull'argomento, troppo recalcitrante verso questi romanzi "self-help" ma non sono riuscita a farmi coinvolgere e travolgere né dalla storia né dal messaggio che ...continua

    Probabilmente sono io troppo prevenuta sull'argomento, troppo recalcitrante verso questi romanzi "self-help" ma non sono riuscita a farmi coinvolgere e travolgere né dalla storia né dal messaggio che voleva trasmettere...

    ha scritto il 

  • 0

    Non amo i manuali di self help ma ero curiosa di leggere questo impostato come un romanzo, perchè ho letto in giro vari commenti favorevoli su questo libro.
    Beh, devo dire che non ne sono rimasta entu ...continua

    Non amo i manuali di self help ma ero curiosa di leggere questo impostato come un romanzo, perchè ho letto in giro vari commenti favorevoli su questo libro.
    Beh, devo dire che non ne sono rimasta entusiasta ma non lo posso nemmeno definire brutto. Diciamo che più che le informazioni (scontate) su come migliorare la propria vita mi è piaciuta la storia della protagonista Camille, quello che le è successo mentre metteva in pratica gli insegnamenti di Claude, professione abitudinologo, persona deliziosa. Mi sono piaciuti molto anche i loro incontri del mercoledì in luoghi sempre diversi per fare le più svariate attività.
    Diciamo che non è un libro che consiglierei ma tutto sommato non mi è dispiaciuto leggerlo, avevo qualche ora di tempo mentre prendevo il sole e ne ho approfittato.

    ha scritto il 

  • 4

    L'oggi è un regalo. E' per quello che lo chiamano

    La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola di Raphaelle Giordano è un romanzo salutare, un inno a vivere appieno la vita di tutti i giorni imparando a coltivare i piccoli piaceri q ...continua

    La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola di Raphaelle Giordano è un romanzo salutare, un inno a vivere appieno la vita di tutti i giorni imparando a coltivare i piccoli piaceri quotidiani, gli affetti familiari, le proprie passioni.

    L'oggi è un regalo. E' per quello che lo chiamano < presente>
    Protagonista è Camille, una giovane donna in salute, sposata con un figlio e un lavoro part-time che apparentemente sembra non aver bisogno di nulla per poter essere felice.

    Camille però non lo è, perennemente in ansia vive ogni cosa sotto stress e basa la sua intera giornata su un orologio dal ritmo impossibile.

    La donna è sempre irritata, in bilico tra una crisi di nervi e una rabbia costante ha ridotto il suo matrimonio a poco più di una convivenza civile, il rapporto con il figlio di nove anni si basa esclusivamente sugli impegni scolastici ed anche sul lavoro per Camille le cose non vanno bene visto che è in continua competizione con i colleghi.

    Lei non immagina quanti siano gli analfabeti della felicità! Per non parlare dell'analfabetismo emotivo! un vero e proprio flagello...Non pensa che non ci sia niente di peggio di questa impressione di sprecare la vita per non aver avuto il coraggio di modellarla a immagine dei propri desideri, per non aver saputo rimanere fedeli ai propri valori profondi, ai bambini che siamo stati, ai loro sogni?

    Un temporale e l’auto in panne saranno per lei la goccia che farà traboccare il suo cuore.

    Camille si ritroverà in casa di un estraneo per chiedere aiuto e Claude....continua qui:
    http://romance-e-non-solo.blogspot.it/2017/02/recensionela-tua-seconda-vita-comincia.html

    ha scritto il 

Ordina per