Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La venticinquesima ora

Di

Editore: Neri Pozza

4.1
(417)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 224 | Formato: Altri

Isbn-10: 8873058108 | Isbn-13: 9788873058106 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Massimo Ortelio

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati , Paperback

Genere: Fiction & Literature

Ti piace La venticinquesima ora?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"La venticinquesima ora" segue Monty durante le sue ultime 24 ore fuori. Montyvorrebbe interrogarsi sulle sue scelte di vita. Ma ha solo 24 ore, una solamisera notte da passare ancora coi suoi amici: Frank Slattery, un tipo svitatoche lavora in Borsa, e Jakob Elinsky, un insegnante di inglese che passa iltempo a fantasticare sulle sue giovani allieve. Un'ultima notte per farecasino. Un'ultima notte di libertà. Ma prima di andare a Otisville, nellaprigione federale, Monty ha un piano da mettere in atto, un piano diabolicoche scioccherà tutti quanti.
Ordina per
  • 3

    Una goccia d'inchiostro che scivola su una pagina vuota

    Una storia di amicizia, un’ultima cena prima della partenza. Chi é nato nei ‘70 (o in precedenza) faccia attenzione, la partenza non é quella per la naja come si sarebbe indotti a sottintendere. La pa ...continua

    Una storia di amicizia, un’ultima cena prima della partenza. Chi é nato nei ‘70 (o in precedenza) faccia attenzione, la partenza non é quella per la naja come si sarebbe indotti a sottintendere. La partenza di Monty (*1), il protagonista, é alla volta del carcere. Lo attendono sette anni di reclusione dai quali poterebbero essere decurtati 84 giorni in caso di buona condotta.
    Gli amici che organizzano la festa d’addio sono Jakob e Frank rispettivamente un insegnante ed un broker, con filosofie di vita agli antipodi. Dimenticavo… Monty è uno spacciatore incastrato da una soffiata e condannato in un processo, per questo lo attendono al gabbio.
    All’ inizio c’è un prologo assai vivido che iscrive fra i protagonisti della storia anche un pitbull di nome Doyle, abbandonato sul ciglio della strada da alcuni scommettitori clandestini. Il pitbull attraverserà tutto il romanzo senza che io riesca ad attribuirgli dignità di personaggio.
    Dieci minuti prima, i tre erano saliti su per le anguste scale che portano all'appartamento di Monty, sedendosi in silenzio nel soggiorno buio, senza nessuna voglia di parlare. La luce filtrava sotto la porta della camera da letto, ma Monty non era entrato; si era seduto sul pavimento, la schiena contro il calorifero, grattando Doyle sulla testa, dietro l'orecchio mutilato…
    ..alla fine Monty si era alzato dicendo: «Portiamo Doyle a fare un giretto. L'ultimo giro, via». E tutti e quattro erano usciti sulla neve

    Quattro..? Ma non erano in tre?
    Il cane.. accidenti, il cane, quello che
    scorrazza in mezzo alla strada, scavando un solco nei trenta centimetri di neve: sembra una goccia d'inchiostro che scivola su una pagina vuota
    La delusione maggiore è stata il finale, dal quale però emerge la figura narrante dell’opera successiva di David Benioff
    Tutti tacciono per ascoltare, perché il nonno è un uomo di poche parole e questa è una cosa che capita di rado
    Il mio consiglio è di ascoltare ciò che quel nonno taciturno racconterà de “La città dei ladri”, di dedicare a Benioff le 25 ore successive a queste

    (*1) La madre aveva insistito per chiamarlo come Montgomery Clift, il suo attore preferito, ed era riuscita a vincere le resistenze del marito
    http://static.squarespace.com/static/513616fee4b0ce79dfac9047/t/5441423ce4b0285d3d35a963/1413562949851/

    E-book N°83
    La venticinquesima ora (David Benioff)
    Ottobre 2014

    ha scritto il 

  • 3

    sono le ultime 25 ore che separano il protagonista dalla libertà alla prigione. una carrellata di amici e non, si susseguono lungo le pagine,tutti che accompagnano ,con sentimenti vari, il protagonst ...continua

    sono le ultime 25 ore che separano il protagonista dalla libertà alla prigione. una carrellata di amici e non, si susseguono lungo le pagine,tutti che accompagnano ,con sentimenti vari, il protagonsta al suo appuntamento.

    ha scritto il 

  • 5

    Un romanzo coinvolgente e ben scritto, consigliabile anche a chi avesse già visto la sua splendida trasposizione cinematografica ad opera di Spike Lee: si tratta, infatti, di uno dei rarissimi casi i ...continua

    Un romanzo coinvolgente e ben scritto, consigliabile anche a chi avesse già visto la sua splendida trasposizione cinematografica ad opera di Spike Lee: si tratta, infatti, di uno dei rarissimi casi in cui il film non delude, ma anzi abbraccia l'essenziale bellezza del libro.
    Il finale è...da brivido!

    ha scritto il 

  • 5

    Intenso

    Una giornata intera in attesa dell'arrivo della 25 ora, sullo sfondo una New York vera. Bello il libro, bello il film. Il finale all'altezza dell'attesa.

    ha scritto il 

  • 4

    Mentre leggevo questa storia dicevo tra me e me "Come ce lo vedo un film"...poi scopro che è già stato fatto...bene...se non altro non sono l'unica ad averlo pensato.
    Storia affascinante ambientata in ...continua

    Mentre leggevo questa storia dicevo tra me e me "Come ce lo vedo un film"...poi scopro che è già stato fatto...bene...se non altro non sono l'unica ad averlo pensato.
    Storia affascinante ambientata in una città che lo è altrettanto, per me.

    ha scritto il