La vera storia dell'ultimo re socialista

Di

Editore: Adelphi (Fabula, 73)

3.2
(138)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 248 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8845910024 | Isbn-13: 9788845910029 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Carlo Brera

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo

Ti piace La vera storia dell'ultimo re socialista?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Noiosetto

    Anni fa lessi "Il più grande uomo scimmia del Pleistocene", e quando trovai questo libro in una bancarella di libri usati lo comprai subito.
    Il libro narra di un futuro possibile se durante i moti del ...continua

    Anni fa lessi "Il più grande uomo scimmia del Pleistocene", e quando trovai questo libro in una bancarella di libri usati lo comprai subito.
    Il libro narra di un futuro possibile se durante i moti del 1800 il socialismo avesse trionfato in Europa e nel Mondo. Il Mondo sarebbe probabilmente stato migliore, ma...
    Lo spunto iniziale è interessante, e le riflessioni che ne derivano altrettanto. Purtroppo il libro si perde nella narrazione di questo e quell'altro fatto storico, e l'ironia ne viene annacquata, poco pungente e per qualche verso scontata.
    Lo consiglierei solo come complemento a degli studenti che in storia sono arrivati alla "Rivoluzione Industriale".

    ha scritto il 

  • 4

    Atteso tanto non mi ha deluso

    Mi sono innamorato de "Il più grande uomo scimmia del pleistocene" e volevo leggere qualcos'altro di Roy Lewis.
    L'unico che ho trovato è stato questo volume, di ciu onestamente un po' le recensioni mi ...continua

    Mi sono innamorato de "Il più grande uomo scimmia del pleistocene" e volevo leggere qualcos'altro di Roy Lewis.
    L'unico che ho trovato è stato questo volume, di ciu onestamente un po' le recensioni mi avevano spaventato.
    Invece mi sono ritrovato a leggere un romanzo che rappresenta in pieno il genere della Distopia, con lo stesso stile ironico e divertente che aveva caratterizzato il precedente.
    Come sarebbe stato il mondo se avessa vinto il socialismo? Una galoppata divertente per mostrare che tutto cambia, ma tutto rimane uguale.

    ha scritto il 

  • 2

    Quando ho preso in prestito questo libro era da un po' di tempo che non mi capitava di leggere qualcosa che mi lasciasse entusiasta ed appagata. Bene. Ad oggi è ancora così.
    Abbandonato a p.142 dopo a ...continua

    Quando ho preso in prestito questo libro era da un po' di tempo che non mi capitava di leggere qualcosa che mi lasciasse entusiasta ed appagata. Bene. Ad oggi è ancora così.
    Abbandonato a p.142 dopo aver ripassato invano luddismo, Pax Britannica, marxismo e Compagnia delle Indie.

    ha scritto il 

  • 1

    Ideologie?!?!

    Mi fu regalato per un onomastico dal mio migliore amico che non sopportava più la mia soffocante passione politica di quel tempo. La possibilità, 15 anni dopo, di poter recensire le mie impressioni mi ...continua

    Mi fu regalato per un onomastico dal mio migliore amico che non sopportava più la mia soffocante passione politica di quel tempo. La possibilità, 15 anni dopo, di poter recensire le mie impressioni mi sembra un giusto riconoscimento alla pazienza che ho avuto nell'arrivare alla fine di questo inutile, sconclusionato racconto di fanta-politica ferocemente anti-comunista. Per citare il grande Fantozzi, il libro è "una cagata pazzesca!!!"

    ha scritto il 

  • 2

    Un errore pensare che lo stile e l'umorismo dell'uomo scimmia del Pleistocene fossero il marchio di Lewis. Era uno scrittore serio e qui ha riprovato a fare satira politica, ma non ci è riuscito. Noio ...continua

    Un errore pensare che lo stile e l'umorismo dell'uomo scimmia del Pleistocene fossero il marchio di Lewis. Era uno scrittore serio e qui ha riprovato a fare satira politica, ma non ci è riuscito. Noioso.

    ha scritto il