La verdad sobre el caso Harry Quebert

By

Publisher: Alfaguara

3.8
(6652)

Language: Español | Number of Pages: 666 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Italian , German , Catalan , Portuguese , English , Chi traditional

Isbn-10: 8420414069 | Isbn-13: 9788420414065 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Juan Carlos Durán

Also available as: eBook , Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like La verdad sobre el caso Harry Quebert ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Quién mató a Nola Kellergan es la gran incógnita a desvelar en esta incomparable historia policiaca cuya experiencia de lectura escapa a cualquier tentativa de descripción. Intentémoslo: Una novela de suspense a tres tiempos -1975, 1998 y 2008- acerca del asesinato de una joven de quince años en la pequeña ciudad de Aurora, en New Hampshire. En 2008, Marcus Goldman, un joven escritor, visita a su mentor -Harry Quebert, autor de una aclamada novela- y descubre que éste tuvo una relación secreta con Nola Kellergan. Poco después, Harry es arrestado y acusado de asesinato al encontrarse el cadáver de Nola enterrado en su jardín. Marcus comienza a investigar y a escribir un libro sobre el caso. Mientras busca demostrar la inocencia de Harry, una trama de secretos sale a la luz. La verdad sólo llega al final de un largo, intrincado y apasionante recorrido.
Sorting by
  • 4

    mi spaventava la lunghezza del libro, per questo è rimasto molto sullo scaffale. E' stato un grosso errore. Una volta cominciato il libro scorre molto bene. La scrittura non è eccessivamente descritti ...continue

    mi spaventava la lunghezza del libro, per questo è rimasto molto sullo scaffale. E' stato un grosso errore. Una volta cominciato il libro scorre molto bene. La scrittura non è eccessivamente descrittiva ( come piace a me), ed è semplice. La cosa che lo rende un ottimo libro è l'architettura del romanzo, l'utilizzo della prima persona protagonista del libro ed i salti temporali ben fatti che non "incasinano" ma danno, anzi, chiarezza agli avvenimenti. Unica nota per cui non ho messo 5 stelle è il fatto che nelle prime 350,400 pagine la vicenda vera e propria stenta a decollare.

    said on 

  • 2

    la banalità immersa in un'esagerata quantità di pagine! non riesco a trovare un solo motivo valido per consigliare questo libro, è una continua ripetizione di scene e personaggi senza nessuno spessore ...continue

    la banalità immersa in un'esagerata quantità di pagine! non riesco a trovare un solo motivo valido per consigliare questo libro, è una continua ripetizione di scene e personaggi senza nessuno spessore o utilità. peccato, avevo grandi aspettative...

    said on 

  • 5

    Nonostante le sue 770 pagine questo libro scorre che è una meraviglia. Pochi sono i libri che mi tengono incollata alle pagine come una droga,una volta che lo inizi non puoi smetterlo tanto è la vogli ...continue

    Nonostante le sue 770 pagine questo libro scorre che è una meraviglia. Pochi sono i libri che mi tengono incollata alle pagine come una droga,una volta che lo inizi non puoi smetterlo tanto è la voglia di arrivare alla fine per scoprire come sono andate in realtà i fatti. Di questo romanzo se ne è parlato tanto , di peste e corna come si vuol dire, c'è a chi gli è piaciuto alla follia e c'è chi lo ritiene sopravvalutato e scontato. Per quanto mi riguarda io lo trovo avvincente e ricco di colpi di scena,appena pensi di aver intuito la verità ecco che dopo poche pagine lo scrittore rimette tutto in discussione con altri colpi di scena.Con la mia esperienza di lettrice di gialli e thriller che di solito ci azzecco subito qui invece ho toppato anche se alcune verità le avevo ampiamente intuite. Veniamo alla trama: nel 1975 scompare ad Aurora una quindicenne e da allora non se ne sa più niente di lei fino a quando 30 anni dopo non ritrovano il cadavere sepolto in giardino di uno dei più famosi scrittori Harry Quebert ,lui stesso si dichiara assolutamente innocente. Ad investigare sul caso in nome di una vera amicizia ecco che arriva un'altro scritttore Marcus Goldeman in preda ad un blocco creativo. E' la storia di un'amicizia,di un amore proibito,di segreti e tanto altro,in un certo senso ricorda un pò la serie tv twink peakes famosa negli anni 90 tornata adesso nuovamente alla ribalta con la terza stagione in onda su sky 25 anni dopo. Lo consiglio!Troppo bello!

    said on 

  • 3

    Siamo lontani dalle incredibili trame di un Michel Bussi, ma il romanzo di Joël Dicker è molto ben scritto e piacevole. È molto reale la sensazione di un non professionista (lo scrittore protagonista ...continue

    Siamo lontani dalle incredibili trame di un Michel Bussi, ma il romanzo di Joël Dicker è molto ben scritto e piacevole. È molto reale la sensazione di un non professionista (lo scrittore protagonista della vicenda) che fa passare in rassegna i pezzi del puzzle finché tutti non si incastrano alla perfezione e il mistero viene risolto.

    Recensione completa su http://www.aforismidiunpazzo.org/radici/recensione-la-verita-sul-caso-harry-quebert-joel-dicker.html

    said on 

  • 3

    un bel libro

    si si e si, mi è piaciuto moltissimo, ben scritto anche se devo dire che a momenti davvero lento! Ma la trama è molto interessante e vale la pena arrivare fino alla fine,perché il finale è davvero un ...continue

    si si e si, mi è piaciuto moltissimo, ben scritto anche se devo dire che a momenti davvero lento! Ma la trama è molto interessante e vale la pena arrivare fino alla fine,perché il finale è davvero un qualcosa che non ti aspetti.

    said on 

  • 5

    UN BEL LIBRO E' UN LIBRO CHE DISPIACE AVER FINITO. E' l'esatta sensazione che ho provato io quando sono arrivata a pag. 770! Ma vi rendete conto cosa significa tenere avvinto un lettore x così tante p ...continue

    UN BEL LIBRO E' UN LIBRO CHE DISPIACE AVER FINITO. E' l'esatta sensazione che ho provato io quando sono arrivata a pag. 770! Ma vi rendete conto cosa significa tenere avvinto un lettore x così tante pagine e fargli sentire il rammarico di non averne altrettante 700 da continuare a leggere? Io l'ho trovato un romanzo sorprendente ed intelligente: ci descrive una serie di trame e di storie che si svolgono in periodi di tempo diversi, ci sono 100 intrecci, piste false, colpi di scena, dialoghi demenziali del protagonista con la madre che io ho trovato esilaranti e perfetti x interrompere a volte delle situazioni tragiche...Cos'altro aggiungere? Dicker x me è stato una grande e piacevolissima scoperta e x questo devo sempre ringraziare le classifiche di Anobii ed i bellissimi e vari commenti che accompagnano ogni libro. Sono contenta di poter aggiungere anche il mio giudizio entusiasta a quelli dei tanti lettori che lo hanno giudicato in modo più che positivo. Per me è un libro geniale, appassionante e divertente. Assolutamente da leggere!!!

    said on 

  • 5

    Capolavoro

    Un libro nel libro che ruota intorno a due scrittori, agli abitanti di Aurora e al ritrovamento del corpo di Nola Kellergan, che fa da collante non solo alla trama del libro, ma ad ogni singolo person ...continue

    Un libro nel libro che ruota intorno a due scrittori, agli abitanti di Aurora e al ritrovamento del corpo di Nola Kellergan, che fa da collante non solo alla trama del libro, ma ad ogni singolo personaggio presente in esso.
    È uno di quei libri che inizi e che devi continuare a leggere, che ti tiene col fiato sospeso, che ti conduce ad ipotesi che ti fanno credere di essere riuscito ad individuare l'assassino... E due righe dopo ti presenta un colpo di scena che fa rimettere in discussione ogni singola frase detta in precedenza.
    Gran finale ed epilogo che lascia il segno.

    said on 

  • 3

    Mia mamma mi disse: E' come Twin Peaks.
    Ora, io non l'ho mai visto, ma credo renda l'idea: troppo complesso, troppi colpi di scena, troppi colpevoli..troppe pagine.
    E poi il protagonista scrittore ebr ...continue

    Mia mamma mi disse: E' come Twin Peaks.
    Ora, io non l'ho mai visto, ma credo renda l'idea: troppo complesso, troppi colpi di scena, troppi colpevoli..troppe pagine.
    E poi il protagonista scrittore ebreo di New York sa di già sentito: chissà poi perché chiama uno dei personaggi Roth.
    Insomma, mi aspettavo qualcosa di più da un libro che ha fatto così tanto clamore.

    said on 

  • 2

    Banalità, situazioni già viste e riviste, personaggi piatti - poco più che grottesche macchiette - una situazione assurdamente contorta. Come ha fatto questo libro a vendere tanto? Forse la causa è da ...continue

    Banalità, situazioni già viste e riviste, personaggi piatti - poco più che grottesche macchiette - una situazione assurdamente contorta. Come ha fatto questo libro a vendere tanto? Forse la causa è da ricercare nel pubblico attuale, che ricerca in ciò che legge le emozioni immediate, anche se poco originali, dei polizieschi americani o delle telenovelas latine. A questo punto, continuate a guardare la televisione.

    said on 

Sorting by
Sorting by