La via del tabacco

Di

Editore: Einaudi

3.9
(423)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 203 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Tedesco , Catalano , Francese , Giapponese

Isbn-10: 8806399411 | Isbn-13: 9788806399412 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Martone

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace La via del tabacco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Profondo sud della Georgia. Protagonisti la grande depressione e la "famiglia" Lester. Metto la parola famiglia fra le virgolette perché più che famiglia è un covo di barbari,abbruttiti dalla povertà, ...continua

    Profondo sud della Georgia. Protagonisti la grande depressione e la "famiglia" Lester. Metto la parola famiglia fra le virgolette perché più che famiglia è un covo di barbari,abbruttiti dalla povertà, dall' inazione, dall'ignoranza. Vivono in modo animalesco, confidando nell'impossibile aiuto di Dio, dal quale implorano senza ritegno, né vergogna, il perdono per i loro misfatti e la loro ignavia. Non c'è speranza per queste "persone" e Caldwell ce lo dice fuori dai denti. Un bel pugno nello stomaco.

    ha scritto il 

  • 4

    Siamo delle stesse parti di un romanzo di Steinbeck (non geograficamente of course), con gli stessi personaggi sconfitti, ma orgogliosi, senza pseranza, ma pieni di aspettative. Tuttavia questo non è ...continua

    Siamo delle stesse parti di un romanzo di Steinbeck (non geograficamente of course), con gli stessi personaggi sconfitti, ma orgogliosi, senza pseranza, ma pieni di aspettative. Tuttavia questo non è un romanzo di Steinbeck; Caldwell è uno spietato osservatore che ama accanirsi, con calma e placidità, sui suoi personaggi; non c'è tenerezza, non c'è affetto, solo lo squallore perfettamente descritto di vite inutili e di personaggi che sono la rovina di sé stessi.

    ha scritto il 

  • 0

    Il fascino del grottesco

    La via del tabacco è il romanzo nel quale Erskine Caldwell riprende tutti gli elementi della southern literature. È un libro di denuncia, che evidenzia le condizioni di povertà, l'irreparabile ignoran ...continua

    La via del tabacco è il romanzo nel quale Erskine Caldwell riprende tutti gli elementi della southern literature. È un libro di denuncia, che evidenzia le condizioni di povertà, l'irreparabile ignoranza e i (conseguenti) pregiudizi razziali della gente di campagna del sud degli Stati Uniti negli anni che seguirono la grande crisi. Ma il realismo utilizzato da Caldwell nel racconto è così estremo, così estremamente reale, che gli eventi più drammatici si combinano in modo assurdo, paradossale, quasi inverosimile, e la tensione raggiunge livelli insostenibili. Dal contrasto tra dramma e comicità nasce il grottesco, quell'aggettivo così fluido che non si riesce mai a collocare nel modo giusto. E allora, se volete farvi un'idea un po' più precisa di che cosa sia il grottesco, dovete conoscere la famiglia Lester.

    http://www.scratchbook.net/2016/08/jeeter-lester.html

    ha scritto il 

  • 3

    Grottesco e delirante, in alcuni punti (le ultime 10 pagine) assume un tono amaro e trasmette davvero il senso della miseria di quegli anni. I personaggi delineati sono tutti davvero troppo stupidi e ...continua

    Grottesco e delirante, in alcuni punti (le ultime 10 pagine) assume un tono amaro e trasmette davvero il senso della miseria di quegli anni. I personaggi delineati sono tutti davvero troppo stupidi e ignoranti che quasi non si puo' pensare ad essi come ipotesi reali.
    Non riesco a trovare in questo romanzo le stesse cose che Agee o Steinbeck hanno messo nei loro, e mi pare piu' una commedia deformata dello squallore umano, dove quasi nessuno ne esce in modo dignitoso, che non un credibile specchio dei tempi andati.

    Menzione d'onore per la nonna.

    ha scritto il 

  • 4

    Paletos

    Muy buena aunque bastante dura. Me he pasado todo la lectura sorprendido y escandalizado por como son y por como viven estos personajes. Profundamente estúpidos, ignorantes, vagos, insensibles, con ta ...continua

    Muy buena aunque bastante dura. Me he pasado todo la lectura sorprendido y escandalizado por como son y por como viven estos personajes. Profundamente estúpidos, ignorantes, vagos, insensibles, con taras físicas y mentales, son unos paletos de la peor especie. Por argumento me ha recordado a Steinbeck, la diferencia es que con los personajes del Premio Nobel te identificas y sufres con ellos sus penalidades, mientras que con los de esta novela es imposible sentir empatía, son demasiado imbéciles.

    ha scritto il 

  • 4

    randissimo romanzo, la versione sporca, volgare e degradata di “Furore”. La campagna americana della depressione perde tutto il suo fascino romantico per lasciare spazio esclusivamente a degrado, lasc ...continua

    randissimo romanzo, la versione sporca, volgare e degradata di “Furore”. La campagna americana della depressione perde tutto il suo fascino romantico per lasciare spazio esclusivamente a degrado, lascivia, sesso ed istinti primordiali. Il fastidio di vivere in tutta la sua miseria. Imprescindibile, soprattutto per gli amanti di Lansdale.

    ha scritto il 

  • 4

    Brutale

    Mi è stato consigliato dicendo se ti piace Steinbeck leggi Caldwell e così mi sono approcciata a questo schiaffo in faccia. Brutale, amorale e cinico. Altro che Steinbeck.
    Però bello, da leggere. ...continua

    Mi è stato consigliato dicendo se ti piace Steinbeck leggi Caldwell e così mi sono approcciata a questo schiaffo in faccia. Brutale, amorale e cinico. Altro che Steinbeck.
    Però bello, da leggere.

    ha scritto il 

  • 0

    Indubbiamente bello. Anche se l’ambientazione, i soggetti narrati e l’epoca storica sono gli stessi di quelli raccontati da Steinbeck, lo stile è diverso. Il paragone è facile ma irriguardoso nei conf ...continua

    Indubbiamente bello. Anche se l’ambientazione, i soggetti narrati e l’epoca storica sono gli stessi di quelli raccontati da Steinbeck, lo stile è diverso. Il paragone è facile ma irriguardoso nei confronti di Caldwell. Innanzitutto perché Steinbeck è davvero una cima irraggiungibile e poi perché Tabacco Road ha a d'altra parte suo favore un cinismo che di certo il suo sodale non ha. Lo consiglio, anche per capire i nostri tempi.

    ha scritto il 

  • 5

    Se questo è un uomo

    Sullo sfondo di una strada polverosa in mezzo al niente si muovono alcune figure umane, o pseudo tali, di cui apprendiamo vicende e storia attraverso un susseguirsi di dialoghi (il narratore è quasi i ...continua

    Sullo sfondo di una strada polverosa in mezzo al niente si muovono alcune figure umane, o pseudo tali, di cui apprendiamo vicende e storia attraverso un susseguirsi di dialoghi (il narratore è quasi inesistente, è quasi un'opera teatrale, anche per come è strutturata).
    Le scene sono insieme raggelanti e comico/grottesche, ma l'effetto finale non è comico affatto.
    In scena è la povertà, non solo quella materiale, ma quella dell'animo, dei sentimenti, di quelle qualità umane che fanno di un uomo un uomo.
    (Come viene sottolineato nell'introduzione: "[...] quei contadini del Sud che si muovono [...] come se la miseria li avesse privati di ogni caratteristica umana, prima fra tutte la posizione eretta conquistata durante il processo evolutivo. [...] Jeeter passa la sua breve esistenza letteraria accovacciato a terra come un animale da cortile, e compie soltanto i gesti e i movimenti necessari alla sopravvivenza")

    Una lettura che scuote.

    ha scritto il