La via per l'Oxiana

Di

Editore: Adelphi (Gli adelphi, 176)

4.0
(150)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 401 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese

Isbn-10: 8845915743 | Isbn-13: 9788845915741 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Maria Grazia Bellone ; Prefazione: Bruce Chatwin

Disponibile anche come: Altri

Genere: Arte, Architettura & Fotografia , Narrativa & Letteratura , Viaggi

Ti piace La via per l'Oxiana?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Gentiluomo erudito, eccentrico ed esteta, Robert Byron scrisse opere innovative sulla civiltà bizantina e sull'architettura islamica. Si sa che per un vero viaggiatore esiste un epicentro dell'attrazione e questo sta ad alcune migliaia di chilometri nell'Asia centrale fra l'Afghanistan, l'altopiano iranico e quella terra di sogni che si chiamò Oxiana, semideserta, ma popolata dal ricordo di un antico, verdissimo paradiso. Verso l'Oxiana si può procedere sulle orme di Alessandro o di Marco Polo, ma è più divertente seguire quelle di Byron, partendo da Venezia, porta di ogni Oriente e poi risalire verso il cuore dell'Asia da Cipro alla Palestina alla Siria e così via.
Ordina per
  • 4

    MUST

    Un must per i viaggiatori virali, seppur non manchi di lacune a livello di stesura.
    Spesso molto prolisso, ma fondamentale per chi vuol viaggiare tra Iran e Afganistan.

    ha scritto il 

  • 5

    Stava nello zaino di Bruce Chatwin

    La sua lunghezza totale è di 2650 chilometri ed è navigabile per oltre 1450 chilometri. Nell'antichità classica, era conosciuto con il nome di Oxus (da cui Oxiana) ma oggi si chiama Amu Darya.
    Le tapp ...continua

    La sua lunghezza totale è di 2650 chilometri ed è navigabile per oltre 1450 chilometri. Nell'antichità classica, era conosciuto con il nome di Oxus (da cui Oxiana) ma oggi si chiama Amu Darya.
    Le tappe principali di questi straordinari diari degli anni '30 sono Venezia, Cipro, Palestina, Siria, Persia e Afganistan. Ma solo i principali.

    ha scritto il 

  • 0

    Una splendida base di partenza per qualsiasi avventuroso turista digitale:)

    Bruce Chatwin nella prefazione scrive che quel volume se l’è portato dietro in ogni dove fino a consumarlo; per quanto mi riguarda sono contento che ci vorrà ancora molto tempo per finire di visitare ...continua

    Bruce Chatwin nella prefazione scrive che quel volume se l’è portato dietro in ogni dove fino a consumarlo; per quanto mi riguarda sono contento che ci vorrà ancora molto tempo per finire di visitare tutti quei posti remoti e affascinanti che Byron così mirabilmente descrive, sia che lo faccia ricamandoci sopra con la fantasia sia che li veda dall'alto con Google Earth :)

    ha scritto il 

  • 0

    Se qualcuno ha immaginato che lo stessi leggendo....
    ....allora lo sto leggendo.

    :)))))))))))))))))))))))))))))

    (chi non ha capito non si preoccupi... è normale)
    :) ...continua

    Se qualcuno ha immaginato che lo stessi leggendo....
    ....allora lo sto leggendo.

    :)))))))))))))))))))))))))))))

    (chi non ha capito non si preoccupi... è normale)
    :)

    ha scritto il 

  • 4

    Robert Byron's account of the trip he undertook to Iran and Afghanistan together with Christopher Sykes is very funny indeed. It's easy to see why it is a classic. I think most travel modern writers a ...continua

    Robert Byron's account of the trip he undertook to Iran and Afghanistan together with Christopher Sykes is very funny indeed. It's easy to see why it is a classic. I think most travel modern writers are indebted to him. Some passages are a bit difficult to follow (at least that's what I thought, having little knowledge of Islamic art and the history of the region) but the humour and sheer Britishness shining through amply make up for this.

    ha scritto il