La vita come un romanzo russo

Voto medio di 380
| 73 contributi totali di cui 71 recensioni , 2 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Durante un viaggio in Russia Carrère riprende contatto con le sue origini, con la lingua russa che ha accompagnato la sua infanzia e, soprattutto, inizia a indagare sul nonno materno, che dopo una vita difficile scomparve nell'autunno del 1944, proba ...Continua
Arnaldo Maccarone
Ha scritto il 23/11/17
Scritto nella solita forma di Carere che incrocia in modo inestricabile avvenimenti esterni e vita e ruminazioni interiori dell'autore, anche questo libro prende dalla prima all'ultima pagina, pur senza avere un "centro" forte come in Limonov o l'ass...Continua
84 Charing Cross
Ha scritto il 12/08/17
LA VITA COME UN ROMANZO RUSSO di Emmanuel Carrère
La vita come un romanzo russo è un libro che in poco più di duecento pagine racconta due anni della vita dell’autore: una storia di fallimenti, tanto professionali quanto personali, superati forse proprio grazie ad una narcisistica ma ben riuscita su...Continua
Rocketbabydolls
Ha scritto il 02/05/17
La vita come un disagio
E' un gran libro? No, ma a distanza di due anni dalla fine della lettura mi ricordo alcuni personaggi in modo molto vivido, e per me e la mia memoria colabrodo questo vuol dire sempre qualcosa. La storia interessante unita alla mia profonda passione...Continua
Morelan
Ha scritto il 28/04/17
boh

E' un autore che mi piace, ma qui il suo egocentrismo è debordante, troppo...
Peccato. Il tema, quando c'è, è come sempre scritto bene ed interessante.
PS: non vorrei mai essere una delle sue donne.

Cristiano Pala
Ha scritto il 10/04/17
SPOILER ALERT
"Ti ho fatta soffrire ma non ti ho mai mentito, non comincerò adesso." È con questa frase dal vago sapore Fabiovoliano che ho deciso di interrompere la lettura di "La vita come un romanzo russo". Non ne potevo più, avevo rimandato questa decisione pi...Continua

Agnese P.
Ha scritto il Mar 17, 2016, 16:25
Ha trent'anni più di suo padre quando è scomparso. E quando pensa a lui, pensa: povero ragazzo... [...] Per quanto le si spieghi che, anche se suo padre fosse stato il più compromesso collaborazionista, lei non c'entra affatto, continua a credere che...Continua
Pag. 87
AnG€LiQuE
Ha scritto il Oct 06, 2015, 09:30
Mi domando se scrivere, per me, equivalga necessariamente a uccidere qualcuno.
Pag. 221

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi