Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La vita degli uomini infami

By Michel Foucault

(74)

| Mass Market Paperback | 9788815133267

Like La vita degli uomini infami ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

10 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Tre stelle non per il contenuto che meriterebbe di più, ma perchè sembra la mia tesi di laurea: font enorme, spaziatura esagerata fra le righe e bordi pagina indegni per aumentare il volume di qualcosa che non è un libro. Grazie a questi accorgimenti ...(continue)

    Tre stelle non per il contenuto che meriterebbe di più, ma perchè sembra la mia tesi di laurea: font enorme, spaziatura esagerata fra le righe e bordi pagina indegni per aumentare il volume di qualcosa che non è un libro. Grazie a questi accorgimenti il testo vero e proprio di Foucault arriva a totalizzare 59 pagine, anzi 52 perchè il libro comincia a pagina 7 (?), che si leggono in fretta nonostante l'argomento complesso proprio perchè impaginate come un libro "vero" sarebbero state ben che vada una ventina (ma sospetto meno). Per fortuna l'ho trovato gratis in biblioteca, che 9 euro il contenuto li vale, ma un prodotto editoriale così ti fa sentire preso per il c..o.

    Is this helpful?

    Klaus said on Dec 2, 2010 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    L'arte (?) di allungare il brodo

    Iniziativa editoriale spregevole. In principio si legge: Il testo avrebbe dovuto costituire l'introduzione a un'antologia di manoscritti rinvenuti negli archivi di internamento dell'Hopital Général e della Bastiglia. Il progetto come tale non ebbe se ...(continue)

    Iniziativa editoriale spregevole. In principio si legge: Il testo avrebbe dovuto costituire l'introduzione a un'antologia di manoscritti rinvenuti negli archivi di internamento dell'Hopital Général e della Bastiglia. Il progetto come tale non ebbe seguito ma si declinò in altre iniziative editoriali.
    La presunta introduzione si trova invece in questo libricino di 80 pagine, alte 17 cm e stiracchiate in carattere corpo 14, poco più di 100 parole a pagina.
    A parte questo, ho trovato anche il contenuto piuttosto inutile, molta retorica e nessuna sostanza: nessuna discussione di metodo, nessuna vera presentazione della fonte, cose che, francamente, mi sarei aspettate da uno storico. Inoltre, essendo stata concepita come una introduzione, rimane monca senza i documenti che era destinata a presentare.

    Is this helpful?

    Flavia Bruni said on Nov 11, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Amo quest'uomo! :D

    Fossero tutti gli storici guidati dal criterio di Foucault.

    (il montaggio delle frasi è mio)

    "l'unico criterio che ho seguito e che ha orientato la scelta è stato il mio gusto, il mio piacere, un'emozione, il riso, la sorpresa, un certo sgoment ...(continue)

    Fossero tutti gli storici guidati dal criterio di Foucault.

    (il montaggio delle frasi è mio)

    "l'unico criterio che ho seguito e che ha orientato la scelta è stato il mio gusto, il mio piacere, un'emozione, il riso, la sorpresa, un certo sgomento o qualche altro sentimento di cui mi sarebbe forse difficile giustificare l'intensità, ora che è passato il momento della prima scoperta. Forse una di quelle impressioni di cui si dice che sono "fisiche", come se potessero essercene altre. é un libro di convenzione e di gioco, il libro di una piccola mania che si è creata il proprio sistema.

    Più che lezioni da meditare, brevi effetti la cui forza si spegne quasi subito. Dallo shock di queste parole e di queste vite scaturisca per noi ancora un certo effetto misto di bellezza e di spavento. Le vite più miserabili vi sono descritte con le imprecazioni o l'enasi che sembrano convenire a quelle più tragiche. Donne scostumate e figli ribelli che non impallidirebbero accanto a Nerone o a Rodoguna. Personaggi di Céline che vogliono avere udienza a Versailles. Il discorso politico della banalità non poteva essere più solenne.

    Chiunque, purchè abile, può diventare per l'altro un monarca terribile e senza legge: homo hominis rex; un intero ordito politico viene a intrecciarsi con la trama del quotidiano. Bisogna 'sedurlo' questo potere, per farne uso a proprio vantaggio; esso diviene al contempo oggetto di cupidigia e oggetto di seduzione; desiderabile quindi, proprio nella misura in cui è assolutamente temibile.

    Non voglio dire che la lettre de cachet sia all'origine di forme letterarie inedite, ma. Nel gioco del 'favoloso esemplare' l'indifferenza al vero e al falso era dunque fondamentale. Dovere di dire il più comune dei segreti: la letteratura non riassume in sè sola tutta questa grande politica, questa grtande etiche discorsiva e neppure si può ricondurre interamente ad essa: ma vi trova il suo luogo e le sue condizioni di esistenza. La letteratura fa quindi parte del grande sistema di costrizione mediante il quale l'Occidente ha obbligato il quotidiano a mettersi in discorso."

    Is this helpful?

    spiumato said on Apr 27, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    'vite infime, divenute cenere nelle poche frasi che hanno stroncate. il potere le ha attese al varco, le ha perseguitate, ha prestato attenzione, anche solo per un attimo, al loro lamento e al loro strepito, e le ha segnate con i propri artigli.'

    Is this helpful?

    fb said on Mar 28, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    storie senza storie

    Originariamente tradotto in Archivio Foucault 2, questo La vita degli uomini infami è l'introduzione scritta da Foucault per una purtroppo mai realizzata raccolta di documenti provenienti dai manicomi e dalle prigioni parigine del secolo 1670-1770, i ...(continue)

    Originariamente tradotto in Archivio Foucault 2, questo La vita degli uomini infami è l'introduzione scritta da Foucault per una purtroppo mai realizzata raccolta di documenti provenienti dai manicomi e dalle prigioni parigine del secolo 1670-1770, il secolo in cui il sorvegliare e punire, tanto cari al filosofo, raggiunsero l'apice della burocratizzazione. Una lettura scarna, ma forte, anche perché oggi le cose, talora, non sono così diverse...

    (la recensione sta qua: http://cheremone.ilcannocchiale.it/2010/03/19/storie_se…

    Is this helpful?

    cheremone said on Mar 18, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (74)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Mass Market Paperback 88 Pages
  • ISBN-10: 8815133267
  • ISBN-13: 9788815133267
  • Publisher: Il Mulino
  • Publish date: 2009-01-01
Improve_data of this book