Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La vita quotidiana nel Medioevo

Di

Editore: Il Giornale (Biblioteca storica. Il Medioevo 40)

3.9
(112)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 264 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: A000044930 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Gustavo Corni

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: History , Da consultazione

Ti piace La vita quotidiana nel Medioevo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Edizione Speciale per Il Giornale.

Un racconto avvincente di cui sono protagonisti contadini e cavalieri, monaci e mercanti, artigiani e nobildonne. In questo volume Robert Delort, uno tra i più prestigiosi storici europei, ritesse le trame della loro vita, dei loro pensieri e delle loro fantasie. Una lettura indispensabile per un'avvincente incursione nel Medioevo 'privato', oltre i grandi eventi e personaggi.
Ordina per
  • 3

    Il testo è ricco di dati minuziosi, numeri, statistiche e dettagli tecnici che, se da un lato forniscono informazioni utili che solitamente non si trovano nei manuali di storia, dall'altro appesantiscono la narrazione rendendola arida e poco coinvolgente; nonostante l'argomento interessante, il d ...continua

    Il testo è ricco di dati minuziosi, numeri, statistiche e dettagli tecnici che, se da un lato forniscono informazioni utili che solitamente non si trovano nei manuali di storia, dall'altro appesantiscono la narrazione rendendola arida e poco coinvolgente; nonostante l'argomento interessante, il discorso appare a tratti sovraccarico e confuso.

    ha scritto il 

  • 3

    Meno affascinante di quanto possa sembrare, abbastanza complesso, adatto solo a appassionati e studenti di storia. Il livello è da esame universitario, può essere letto come un libro divulgativo ma non ha senso secondo me.

    ha scritto il 

  • 4

    Ho trovato interessante come l’autore abbia descritto alcuni aspetti del quotidiano di allora dalla prospettiva di allora. Le dinamiche sociali sono (ovviamente?) permeate dalla “visione del mondo” del momento in cui avvengono. Chissà come saremo visti dagli studiosi fra mille anni e come sarebbe ...continua

    Ho trovato interessante come l’autore abbia descritto alcuni aspetti del quotidiano di allora dalla prospettiva di allora. Le dinamiche sociali sono (ovviamente?) permeate dalla “visione del mondo” del momento in cui avvengono. Chissà come saremo visti dagli studiosi fra mille anni e come sarebbe interessante giudicarci “da noi stessi” tra mille anni alla luce di una diversa interpretazione della “visione del mondo”. Indicato senz'altro per persone come me che non sono esperte della Medioevo.

    ha scritto il 

  • 4

    Il medioevo visto dall'altra parte: per la massima parte non ci sono nozioni che si trovano facilmente, o per lo meno in rilievo, sui libri di scuola: gli eventi ed i personaggi qui vengono messi in secondo piano e viene spiegato in maniera semplice, anche se a volte troppo prolisso, il quotidian ...continua

    Il medioevo visto dall'altra parte: per la massima parte non ci sono nozioni che si trovano facilmente, o per lo meno in rilievo, sui libri di scuola: gli eventi ed i personaggi qui vengono messi in secondo piano e viene spiegato in maniera semplice, anche se a volte troppo prolisso, il quotidiano (ma và?) medievale.

    ha scritto il 

  • 4

    Da rileggere

    Storico, attinente ai fatti, saggio, istruttivo, narrante e piacevole. Un ristratto di tutto ciò che ha afflitto la coscenza e la conoscenza prima del rinascimento.

    ha scritto il 

  • 3

    Un buon libro (abbastanza accademico) che descrive gli usi, i costumi, le divisioni sociali - insomma - la vita quotidiana dei vari ceti medioevali!

    Da leggere, anche se certe sezioni sono molto noiose (ad esempio quella su legislazione e il diritto).

    ha scritto il 

  • 4

    Letto a otto, nove anni. Me lo divorai, nello stupore generale degli adulti. Il primo saggio di storia. Una lettura spesso di difficile comprensione ma che terminai per viva curiosità. Una pietra miliare del mio percorso.

    ha scritto il