Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La volpe e il sipario

Di

Editore: Rizzoli

3.9
(104)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 120 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8817025313 | Isbn-13: 9788817025317 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: B. Centovalli

Disponibile anche come: Altri

Genere: Biography , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace La volpe e il sipario?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Con la poesia di Alda Merini dovremo fare i conti a lungo. La sua straordinaria vitalità traduce l'urgenza di esistere in quella di dire e di dirsi. Un'urgenza cui è impossibile sottrarsi. Fedele ai temi della sua ispirazione sino all'ossessione, ogni libro rinnova il patto con la scrittura. Poesia naturale ed epifanica, quella della Merini, dove le letture sedimentano e riemergono per allucinazioni, per illuminazioni, per strappi, in stato di grazia. Poesia bruciata su un'adolescenza protratta dei sentimenti, di quel sentire che segna gli anni giovanili e li condanna alla cognizione del dolore, del limite del desiderio, del perimetro carcerario della realtà in cui i sogni si ribaltano e si disfano. Ma al fondo, quella della Merini, è nuda poesia d'amore, ogni suo verso si protende nel tentativo di affermare sull'angoscia, sulla sofferenza, sulla follia, la forza dirompente dell'esserci e di amare. "La volpe e il sipario" è un "colpo d'ala" (M. Corti), una raccolta densa ed esemplare, compatta e unitaria della maturità di Alda Merini, fatta di poesie nelle quali si aggira, come sul palcoscenico spento della vita, una volpe esile e feroce.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    "La volpe e il sipario" è, prima di ogni altra cosa, nuda poesia d'amore: ogni sua parola afferma sull'angoscia, sulla sofferenza, sulla follia - la forza dirompente dell'esserci e dell'amare. C'è un' ...continua

    "La volpe e il sipario" è, prima di ogni altra cosa, nuda poesia d'amore: ogni sua parola afferma sull'angoscia, sulla sofferenza, sulla follia - la forza dirompente dell'esserci e dell'amare. C'è un'energia, in queste pagine, che merita di raggiungere un ampio pubblico di lettori; e un'infinita capacità dì stupirci con una scandalosa dichiarazione di felicità: la felicità impossibile dì essere poeta.

    ha scritto il 

  • 3

    Alda Merini, una piccola ape furibonda, è tra le mie personalità preferite.
    Perché alcuni artisti non si possono incasellare in questa o quella categoria.
    Il mondo impone la catalogazione in ogni sett ...continua

    Alda Merini, una piccola ape furibonda, è tra le mie personalità preferite.
    Perché alcuni artisti non si possono incasellare in questa o quella categoria.
    Il mondo impone la catalogazione in ogni settore: impiegato, operaio, imprenditore, studente (e poi tra questi: studente di economia, studente di filosofia, studente di sociologia).
    Così come scrittore, autore, poeta, pittore e via discorrendo.
    Come se l’arte potesse essere racchiusa in un paio di termini preconfezionati.
    Come se quello che si fa fosse indice di quello che si è.

    Continua qui: http://startfromscratchblog.blogspot.it/2013/03/un-caffe-con-alda-merini.html

    ha scritto il 

  • 4

    Finalmente una scrittrice che mi riconcilia con la poesia contemporanea.
    Non sempre mi è facile comprendere a pieno il senso di tutto quello che sto leggendo, e spesso non ho nemmeno particolarmente v ...continua

    Finalmente una scrittrice che mi riconcilia con la poesia contemporanea.
    Non sempre mi è facile comprendere a pieno il senso di tutto quello che sto leggendo, e spesso non ho nemmeno particolarmente voglia di sforzarmi di capire perché la musicalità dei versi è talmente bella che mi lascio portare e mi basta! Mi basta perchè istintivamente sento che c'è amore in quello che sto leggendo, e mi piace, mi da... sollievo, se capite cosa intendo.
    E' come quando ti trovi davanti ad un quadro di Kandinskj o ascolti Bartók: non ha molta importanza se riesci o no a dare un significato a quelle forme e colori, o quale sentimento vogliano trasmettere le note che senti, l'emozione che ti prende è talmente intensa e conturbante che quasi ti viene voglia di piangere.

    http://img808.imageshack.us/img808/5945/ovalerosso001.jpg

    http://www.ricci-art.net/img003/5.jpg

    http://www.youtube.com/watch?v=-9LWHEf0VFo

    ha scritto il 

  • 5

    Le poesie di Alda Merini mi entrano dentro prepotentemente.

    "Mi sento, amore, inseguita da tutti
    come se queste persone, queste bocche
    volessero mangiare la mia carne
    che soffre spasimi di amore e di ...continua

    Le poesie di Alda Merini mi entrano dentro prepotentemente.

    "Mi sento, amore, inseguita da tutti
    come se queste persone, queste bocche
    volessero mangiare la mia carne
    che soffre spasimi di amore e di attesa.
    Tutto ciò che è entrato a far parte della mia faccia,
    tutto ciò che è salito sul mio lungo aspetto di donna
    così circolare, così demoniaco, così bianco,
    ripete nel tuo volto il vagito
    di questa scrittura
    ora inferma e ora piena di salute,
    di quella salute che, paga di se stessa e felice,
    vuole finalmente morire nel tuo ricordo."

    ha scritto il 

  • 5

    Volpe, assurda signora della terra
    senza tentacoli né prede
    con il solo fogliame della bugia
    madre che non hai mai dormito
    sapresti darmi la vellutata immagine
    di una donna che non è mai sazia di vent ...continua

    Volpe, assurda signora della terra
    senza tentacoli né prede
    con il solo fogliame della bugia
    madre che non hai mai dormito
    sapresti darmi la vellutata immagine
    di una donna che non è mai sazia di vento
    e che corre da un posto all’altro
    come se avesse un vicolo nel cuore.

    ha scritto il 

  • 4

    Piccola raccolta di poesie..

    Spegnimi come il lume della notte,
    come il delirio della fantasia.
    Spegnimi come donna e come mimo,
    come pagliaccio che non ha nessuno.
    Spegnimi perché ho rotta la sottana:
    uno strappo che è largo com
    ...continua

    Spegnimi come il lume della notte,
    come il delirio della fantasia.
    Spegnimi come donna e come mimo,
    come pagliaccio che non ha nessuno.
    Spegnimi perché ho rotta la sottana:
    uno strappo che è largo come il cuore.

    ha scritto il 

  • 5

    Favole di una donna che vuole amare

    Inferno e felicità. La poetessa dei Navigli può renderli entrambi con una tale forza esplosiva e carnale da renderli per qualche istante di parola magnificamente coicidenti.

    "Volpe,
    assurda signora de ...continua

    Inferno e felicità. La poetessa dei Navigli può renderli entrambi con una tale forza esplosiva e carnale da renderli per qualche istante di parola magnificamente coicidenti.

    "Volpe,
    assurda signora della terra
    senza tentacoli né prede
    con il solo fogliame della bugia
    sapresti darmi la vellutata immagine
    di una donna che non è mai sazia di vento
    e che corre da un posto all'altro
    come se avesse un vicolo nel cuore."

    ha scritto il 

  • 4

    Una delle più prodigiose voci della poesia del secondo novecento italiano. Una bellissima raccolta di poesie. Consigliato.
    .."Potrei incontrarti per ogni evenienza,
    ma non è così facile ingannarmi
    e n ...continua

    Una delle più prodigiose voci della poesia del secondo novecento italiano. Una bellissima raccolta di poesie. Consigliato.
    .."Potrei incontrarti per ogni evenienza,
    ma non è così facile ingannarmi
    e non è gioia che mi tenga ferma.
    A volte io respiro nella notte
    e penso a quante luci sono morte
    intorno a un cimitero di bambina.
    Darsi a un amore è una cosa così grande
    che potrebbe sconvolgere una guerra
    e disarmare molta gente in pace." ..

    ha scritto il 

  • 5

    Mi sento, amore, inseguita da tutti/ come se queste persone, queste bocche/ volessero mangiare la mia carne/ che soffre spasimi di amore e di attesa.

    ...
    Sono la carne stessa che chiede la sua disfatta
    dopo un cominciamento di amore,
    dopo una sofferenza estrema,
    dopo il canto dell’angelo;
    la carne che trova il suo principio,
    lo esalta fin dentro il
    ...continua

    ...
    Sono la carne stessa che chiede la sua disfatta
    dopo un cominciamento di amore,
    dopo una sofferenza estrema,
    dopo il canto dell’angelo;
    la carne che trova il suo principio,
    lo esalta fin dentro il livore dell’inverno
    perché il tuo amore è l’inverno estremo della paura
    ma anche il tempo della domanda infinita,
    del salto, del rancore aperto.
    Mi sento, amore, inseguita da tutti
    come se queste persone, queste bocche
    volessero mangiare la mia carne
    che soffre spasimi di amore e di attesa.
    Tutto ciò che è entrato a far parte della mia faccia,
    tutto ciò che è salito sul mio lungo aspetto di donna
    così circolare, così demoniaco, così bianco,
    ripete nel tuo volto il vagito
    di questa scrittura
    ora inferma e ora piena di salute,
    di quella salute che, paga di se stessa e felice,
    vuole finalmente morire nel tuo ricordo.

    Alda Merini: una donna prima di tutto... e prima di ogni altra cosa: una donna che ha amato tanto.
    Non si può leggere questa poetessa prescindendo da questi versi: una tra le sue più belle raccolte.

    ha scritto il 

Ordina per