Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La vuelta al día en 80 mundos

La 2 tomos

By Julio Cortázar

(7)

| Paperback | 9789876291040

Like La vuelta al día en 80 mundos ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Este libro puede leerse como un collage de textos: un conjunto de invenciones, homenajes, digresiones y retratos, que vuelven el mundo irremediablemente cortazariano. Publicado originalmente en 1967, La vuelta al día en ochenta mundos lleva las marca Continue

Este libro puede leerse como un collage de textos: un conjunto de invenciones, homenajes, digresiones y retratos, que vuelven el mundo irremediablemente cortazariano. Publicado originalmente en 1967, La vuelta al día en ochenta mundos lleva las marcas de la época: la juventud era toda rebeldía, el jazz de vanguardia ya convivía con Los Beatles, la imaginación tomaba el poder, y el espíritu del surrealismo, la patafísica y el situacionismo inundaba un arte que se había vuelto pop. Si hay algo superlativo en este libro, es que esa frescura se mantiene intacta. Alcanza con leer apenas unas páginas para comprobarlo, para quedar absortos frente a su libertad formal, para tener ganas de ir por más: de seguir a Cortázar hasta Duchamp, y de ahí saltar a Boris Vian, pasando por Rimbaud y por Thelonious Monk.

24 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Non mi ga catturato come altre volte, ho visto la continua speriamentazione di quegli anni ma poco di più.

    Is this helpful?

    Fabio Ridolfi said on Sep 11, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Frammenti di ricordi, voli pindarici e riflessioni filosofiche, tra Teodoro Adorno che fa le fusa in giardino o guarda un punto invisibile nell’aria ed il Vescovo Evreux ingabbiato come un cardellino al centro di una stanza, mentre una nuvola passegg ...(continue)

    Frammenti di ricordi, voli pindarici e riflessioni filosofiche, tra Teodoro Adorno che fa le fusa in giardino o guarda un punto invisibile nell’aria ed il Vescovo Evreux ingabbiato come un cardellino al centro di una stanza, mentre una nuvola passeggera dipinge nel cielo di Cazeneuve, involontariamente, il profilo de La bataille de l’Argonne di René Cezanne… Voli onirici di cronopios, sfatamento dei luoghi comuni. Per imtestare una lettera ad un collega scrittore come si scrive: caro amico, egregio o il nome e basta? Si sta in equilibrio tra la troppa lascivia e il rischio di apparire ingessati. Un grave problema argentino… Essere sudamericano, soprattutto argentino, è una vera fortuna perché non ci si sente obbligati a scrivere sul serio e si può addirittura dire “Che ridere, piangevano tutti!”. È molto rilassante la consapevolezza di non doversi sedere davanti alla macchina da scrivere con le scarpe lucidate, di non doversi tenere addosso quella serietà di chi scrive come se andasse ad una veglia funebre… Leggere il supplemento scientifico di “Le Monde” dev’essere un’attività molto istruttiva: ha il vantaggio di muovere in senso opposto a quello verso il quale vuole indurre. Insomma, invece di sottrarre all’assurdo, spinge ad accettarlo come il modo naturale in cui ci si presenta una realtà inconcepibile. Vuol dire accettare l’assurdo come una sfida, più che accogliere come tale una raltà inconcepibile… Che cos’è scrivere? Eccentricità rispetto ad un’immaginaria parallasse effettiva, un pò più a sinistra o più sul fondo rispetto al posto in cui si dovrebbe essere, perché tra scrivere e vivere non si ammette mai una netta differenza. Vivendo si può dissimulare, scrivendo no perché non si esiste veramente, o si esiste a metà. Jamais réel et toujour vrai… Chi ci riscatterà dalla serietà, da quei monoliti/tartarugoni che non ridono mai, specie in letteratura? La serietà si crede onnicomprensiva dal sonetto al romanzo, è pervasiva mentre l’umorismo risulta volgare, letteratura di serie B. Ma Albee lo dice chiaro “il sintomo più profondo di un’infermità sociale è l’assenza del senso dell’umorismo” e Man Ray lo ribadisce “Se riuscissimo a sradicare la parola ‘serio’ dal nostro vocabolario, si aggiusterebbero tante cose”…
    “Questo giorno ha ottanta mondi, la cifra è indicativa ed è questa perché piaceva al mio omonimo, ma forse ieri erano cinque e questo pomeriggio centoventi, nessuno può sapere quanti mondi ci siano nel giorno di un cronopio o di un poeta”. Il giro del giorno in ottanta mondi è la chiave d’accesso alla sfera più privata di Cortázar, una pittoresca e frastagliata autobiografia. Mica facile stargli dietro, aprire queste pagine significa salire su un ottovolante impazzito, lanciato in cielo e vertiginosamente catapultato a terra. Prende i vecchi racconti e li riutilizza per scrivere altro, ripercorrendo la propria vita artistica e personale; la propria esperienza umana e quello che ci sta dentro. Una vera e propria passerella di facce e di nomi, citazioni sulla più accesa e svariata policromia della sua esistenza: il jazz, il pugilato, i gatti, il tagliente (e non sempre comprensibile) umorismo; l’argentinità tracimante; il mestiere di traduttore e quindi Parigi; i poeti ed i colleghi scrittori. Una rete fitta di ragionamenti e aneddoti che si incastrano tra loro come presi a martellate eppure (dopo esserci passati sopra due o tre volte senza distrarsi) lineari ed illuminanti. Maledettamente facile stranirsi e disorientarsi nel frullatore metafisico di Cortázar, il lettore si sente preso a schiaffi dall’acume intellettuale e dal sense of humor dello scrittore rispetto al quale ci si sente sempre un passo (abbondante) indietro. Il gusto estremo per la parola punta dritto a stravolgerne il senso senza intaccarne la sostanza, come fanno i grandi del jazz, come per Lester Young in Three little words: “Quell’invenzione che rimane fedele al tema mentre lo combatte, lo strasforma e lo irida”. Cortázar fa lo stesso con i suoi racconti onirici e le sue riflessioni che sembrano eleganti e puliti salti con l’asta. Per capirsi, Gabriel García Márquez raccontava sempre: “Fuentes domandò a Cortázar come, quando e per iniziativa di chi fosse stato introdotto il pianoforte nell’orchestra jazz. Era una domanda casuale e prevedeva solo una data e un nome, ma la risposta fu una lezione sorprendente che durò fino all’alba, fra enormi bicchieri di birra e hot-dog. Cortázar, che sapeva dosare bene le parole, fece una ricostruzione storica ed estetica con una competenza e una semplicità quasi incredibili, che culminò con le prime luci del giorno in un’apologia omerica di Thelonius Monk. Non parlava solo con una profonda voce da organo piena di erre mosce, ma anche con le sue mani dalle ossa grandi, espressivo come non ne ricordo altre”. Chapeau.

    Is this helpful?

    Romina Arena said on May 21, 2012 | Add your feedback

  • 7 people find this helpful

    Sopraffatta, ancora una volta, dallo straordinario Cortázar.

    Sono davvero "istruzioni per arricchire la vita", come scrive Enrico Rava, fra doppi arcobaleni, gatti, jazz, arte, lettura, scrittura, e grandissimi cronopios come Louis Armstrong o Lezama Lima (e grazie a questo Cortázar, al suo "approccio per via ...(continue)

    Sono davvero "istruzioni per arricchire la vita", come scrive Enrico Rava, fra doppi arcobaleni, gatti, jazz, arte, lettura, scrittura, e grandissimi cronopios come Louis Armstrong o Lezama Lima (e grazie a questo Cortázar, al suo "approccio per via simpatica" da cronopio a cronopio con l'autore cubano, prenderò finalmente in mano, dopo tanti anni di attesa e di sguardi, Paradiso).

    Cortázar, ‎"... un temperamento che non ha rinunciato alla visione puerile come prezzo della visione adulta, e questa giustapposizione che crea il poeta e forse il criminale, e anche il cronopio e l'umorista (questione di dosaggi diversi, di tronche e di sdrucciole, di scelte: ora gioco, ora uccido), si manifesta nel sentimento di non esserci del tutto in nessuna delle strutture, delle tele che tesse la vita e in cui siamo al tempo stesso ragno e mosca".

    Is this helpful?

    Sarah said on Jan 10, 2012 | 5 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Preferisco quando scrive racconti. Qui gioca con le parole, si diverte ad inventare linguaggi. Ho fatto fatica a seguirlo a volte, a volte mi sono divertita molto, ogni tanto ho trovato il Cortazar che amo.

    Is this helpful?

    smith said on Nov 1, 2011 | Add your feedback

  • 18 people find this helpful


    A volte sono alla ricerca di qualcosa che non so definire. "La" cerco dappertutto anche se non ci metto tanto impegno, anzi spesso me ne dimentico.
    Scelgo dalla libreria "Il giro del giorno in ottanta mondi" e so che non è un caso: mi trovo in uno d ...(continue)


    A volte sono alla ricerca di qualcosa che non so definire. "La" cerco dappertutto anche se non ci metto tanto impegno, anzi spesso me ne dimentico.
    Scelgo dalla libreria "Il giro del giorno in ottanta mondi" e so che non è un caso: mi trovo in uno di quei momenti in cui sono consapevole della mia ricerca. Non ho letto recensioni su questo libro che, per sua natura, sfugge comunque a qualsiasi classificazione ma so che mi sarà di aiuto. So anche che raccoglie considerazioni di Cortazar su vari argomenti espressi in forme diverse. Alla fine scoprirò che ha un leitmotiv: la gioia di vivere dei cronopios e l'appassionata esemplificazione delle loro caratteristiche:
    "senso dell'umorismo, spontaneità, predilezione per il gioco, estraniamento, capacità di entrare nelle crepe dell'apparenza, vedere il fantastico, negare la presunta unità e finitezza dei fatti, inventare un'isola di assoluto nel disordine, pensare all'unicorno, essere idiota, riuscire a entusiasmarsi per qualunque cosa piaccia, scrivere poesie, fare teatro anonimo, accorgersi quando si blocca l'ordine prestabilito delle cose, perdersi nei propri sogni, entrare nei libri per osmosi, per magia simpatica, essere mediatori di quelle zone che godono senza capire, del tatto che ascolta, del labbro che vede..."

    "Da gallina uno scritto"

    Mare il finito al libro ho. Casa nei salire ancora pensieri in prima di assorta miei, ascensore al davanti, ho ragazzo incontrato un che enorme trasportava vuota gabbia una. Dentro metti cosa che lì ci? Chiedere istintivamente da è venuto mi. Il cane. Lui faccia detto brutta con ha una famas da. Cronopio molto sentita sono mi (felice e anche) immaginato quello a che pensando avevo io.

    Is this helpful?

    Melinda said on Aug 28, 2011 | 1 feedback

Book Details

Improve_data of this book