La zia marchesa

Di

3.9
(1703)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Svedese , Spagnolo , Francese

Isbn-10: 8807881446 | Isbn-13: 9788807881442 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , CD audio

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace La zia marchesa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Storia di una casata nobile siciliana nell'800. La protagonista principale è Costanza Safamita, ma la vicenda è raccontata da una donna della servitù a lei vicina. Interessante dal punto di vista stor ...continua

    Storia di una casata nobile siciliana nell'800. La protagonista principale è Costanza Safamita, ma la vicenda è raccontata da una donna della servitù a lei vicina. Interessante dal punto di vista storico e linguistico, ma non mi ha appassionato a livello narrativo. La Mennullara rimane per ora il romanzo migliore della trilogia.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi piace l'autrice e il suo modo di scrivere, soprattutto per la caratteristica di evocare modi e costumi di diverse epoche con ricchezza di particolari. Molto apprezzato il collegamento con i cibi ...continua

    Mi piace l'autrice e il suo modo di scrivere, soprattutto per la caratteristica di evocare modi e costumi di diverse epoche con ricchezza di particolari. Molto apprezzato il collegamento con i cibi

    ha scritto il 

  • 5

    Ho ritrovato la Agnello Hornby de La Mennulara!

    Mi è piaciuto molto e ho ritrovato la scrittrice che mi aveva conquistata con La Mennulara e delusa invece con altri suoi libri. L'ambientazione nella Sicilia del XIX secolo è splendida e molto effica ...continua

    Mi è piaciuto molto e ho ritrovato la scrittrice che mi aveva conquistata con La Mennulara e delusa invece con altri suoi libri. L'ambientazione nella Sicilia del XIX secolo è splendida e molto efficace l'inquadratura nel periodo storico, con cenni precisi ma mai pedanti. La trama è avvincente e scorrevole. Ho apprezzato anche le innumerevoli "incursioni" dialettali che, non solo ho trovato comprensibilissime (nonostante non sia siciliana), ma anche perfettamente giustificate per dare maggiore incisività alla storia e far assaporare quella particolare atmosfera della società siciliana dell'epoca, cosa altrimenti impossibile. I personaggi sono ben delineati, anche se in realtà un po' troppi (alla fine c'è uno schema preciso per una migliore comprensione, ma...purtroppo è già tardi!). In particolare, di grande interesse è quello della sfortunata protagonista Costanza, alla quale è impossibile non affezionarsi.

    ha scritto il 

  • 3

    Letto da: Laura.

    Ambientazione spettacolare e ideale per i racconti della Hornby, che però vuole intrecciare troppi personaggi, troppe sfumature e troppe descrizioni in una storia che alla fine ho tro ...continua

    Letto da: Laura.

    Ambientazione spettacolare e ideale per i racconti della Hornby, che però vuole intrecciare troppi personaggi, troppe sfumature e troppe descrizioni in una storia che alla fine ho trovato scarna.
    Preferisco di gran lunga l'autrice quando ci parla e ci racconta del cibo della sua terra.

    ha scritto il 

  • 4

    Splendido! E consiglio di dare un'occhiata all'albero genealogico alla fine del romanzo, per agevolare la lettura.

    Primo romanzo di Simonetta Agnello Hornby e già non vedo l'ora di leggere l'intera sua opera.
    Ho trovato questo libro splendido: scorrevolissimo (capitoli molto brevi, ognuno con un senso ben preciso ...continua

    Primo romanzo di Simonetta Agnello Hornby e già non vedo l'ora di leggere l'intera sua opera.
    Ho trovato questo libro splendido: scorrevolissimo (capitoli molto brevi, ognuno con un senso ben preciso per il racconto della vita della protagonista), una scrittura corposa, ricca, intensa, personaggi molto ben delineati, colpi di scena molto ben costruiti e la chicca dei proverbi siciliani all'inizio di ogni capitolo una vera chicca.
    E poi lo sfondo della Sicilia durante l'unità d'Italia, la nascita dei gruppi mafiosi, le tradizioni, la saggezza popolare, il chiacchiericcio, il declino dell'aristocrazia, l'infelicità, la disillusione: ecco, tutti questi aspetti mi hanno fatto amare moltissimo questo testo.
    Un avvertimento: alla fine del libro l'autrice ha elencato l'albero genealogico della famiglia Safamita: io me lo sono trascritto sotto forma di schema, così da consultarlo tutte le volte che l'intrico dei nomi dei familiari mi confondeva.
    Romanzo straconsigliato.

    ha scritto il 

  • 5

    Davvero una bella sorpresa

    Costanza , anche se non con un fascino estetico ai limiti dell 'impossibile , anzi tutt'altro, si rivela una donna di notevoli doti interiori e saranno proprio quest' ultime a fare in modo che il suo ...continua

    Costanza , anche se non con un fascino estetico ai limiti dell 'impossibile , anzi tutt'altro, si rivela una donna di notevoli doti interiori e saranno proprio quest' ultime a fare in modo che il suo sposo Pietro, con il tempo riesce a vederla con altri occhi fino ad innamorarsene perdutamente .
    La protagonista , nobile donna ereditiera, sposera' Pietro che inizialmente non ricambia il suo amore . Sotto la cura e l'indirizzo del padre , Costanza riuscira' a concquistare la sua autostima che ne determinera' il riscatto del proprio valore .

    ha scritto il 

  • 4

    Ho comprato questo libro attratta dall'immagine in copertina non conoscendo affatto l'autrice.
    Letto con calma, arrivata alla fine ti sembra di conoscere perfettamente Costanza, che, nonostante abbia ...continua

    Ho comprato questo libro attratta dall'immagine in copertina non conoscendo affatto l'autrice.
    Letto con calma, arrivata alla fine ti sembra di conoscere perfettamente Costanza, che, nonostante abbia cercato per tutta la vita di compiacere gli altri non ha ricevuto in cambio altro che cattiveria dettata fondamentalmente dalla usa diversità: i suoi capelli rossi.
    La sua figura, la sua vita, il suo essere nobildonna nell'ottocento ti resta dentro, così come ti resta dentro la bella Sicilia descritta nei profumi e nei sapori in maniera impeccabile.

    ha scritto il 

  • 4

    La Sicilia della Hornby è la Sicilia favolosa che porto nel cuore. Aristocrazia, feudo, campagne, cameriere, sperpero e buona cucina. Un mondo in rovina, tremante di fascino e orrore per il mondo nuov ...continua

    La Sicilia della Hornby è la Sicilia favolosa che porto nel cuore. Aristocrazia, feudo, campagne, cameriere, sperpero e buona cucina. Un mondo in rovina, tremante di fascino e orrore per il mondo nuovo.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per