La zona morta

Di

Editore: Mondadori

3.9
(3653)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 464 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Tedesco , Svedese , Olandese , Chi tradizionale , Greco , Portoghese , Ungherese , Polacco , Ceco , Russo

Isbn-10: 8804297263 | Isbn-13: 9788804297260 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Andrea Terzi

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace La zona morta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Non è un horror (e meno male)

    è l'indimenticabile storia di una vita irrimediabilmente segnata dal dolore, un personaggio tanto tragico quanto umano, che nonostante tutto lotta fino alla fine.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    La Zona Morta risponde ad un interrogativo che personalmente, ma so di non essere il solo, mi sono sempre posto. Se fossi in grado di conoscere il futuro come mi comporterei?
    Johnny Smith, il veggente ...continua

    La Zona Morta risponde ad un interrogativo che personalmente, ma so di non essere il solo, mi sono sempre posto. Se fossi in grado di conoscere il futuro come mi comporterei?
    Johnny Smith, il veggente, mi ha aiutato a capire che le cose non sono per niente semplici come possono sembrare.
    Ho trovato infatti molto verosimili tutte le problematiche che un potere tale può portare e la resa da parte di King è stata impeccabile. Tutto il percorso di Johnny è ben curato, studiato nei minimi particolari, approfondito e fa molto riflettere.
    Quello che personalmente non mi ha convinto è stata la scelta dell'antagonista dell'opera. Stillson non mi ha entusiasmato molto, in più se non nelle parti iniziali, dove ci viene mostrata subito la sua natura, è man mano nel corso del racconto lasciato sempre più da parte e rappresentato solo da altri punti di vista. Mi sarebbe piaciuto approfondire meglio il personaggio.
    Anche la storia dell'assassino poteva essere resa meglio, invece è stata frettolosa e povera di pathos.
    Resta comunque un bel libro, accattivante e toccante specialmente per il finale.

    ha scritto il 

  • 5

    Bello tutto

    Il racconto del protagonista è al contempo triste e avvincente, tutto sommato. La classica atmosfera king-hiana si respira molto: si sente proprio. Consigliato a chi conosce già King e ha ancora vogli ...continua

    Il racconto del protagonista è al contempo triste e avvincente, tutto sommato. La classica atmosfera king-hiana si respira molto: si sente proprio. Consigliato a chi conosce già King e ha ancora voglia di lui, Consigliato a chi ancora non lo conosce.
    Il finale mi ha lasciato dentro una grande forza. La ingiustizia perpetrata dal caso nelle vicende che possono capitare a chiunque è descritta molto bene, e mi ha lasciato la voglia di combatterla ogni giorno.

    ha scritto il 

  • 3

    Carino niente di più

    Storia tutto sommato carina e coinvolgente, con un protagonista a cui alla fine ci si affezziona. Senza dubbio, però, non è uno di quei "libri da consigliare"

    ha scritto il 

  • 3

    Non è sicuramente il miglior King, e di percepisce soprattutto in una seconda parte appesantita e che si trascina. L'idea di partenza è sicuramente vincente, e secondo me meritava uno sviluppo miglior ...continua

    Non è sicuramente il miglior King, e di percepisce soprattutto in una seconda parte appesantita e che si trascina. L'idea di partenza è sicuramente vincente, e secondo me meritava uno sviluppo migliore. Purtroppo il romanzo alla distanza soffre di una trama non troppo articolata e di una sensazione di slegatezza tra i capitoli. FIno al ritorno a casa il libro prende ed è veramente interessante.

    ha scritto il 

  • 3

    appassionante dall'inizio alla fine, Stephen King ha delle idee da vero genio e questo bisogna riconoscerlo che poi piaccia o no il suo modo di scrivere, ma le sue idee sono sempre assolutamente genia ...continua

    appassionante dall'inizio alla fine, Stephen King ha delle idee da vero genio e questo bisogna riconoscerlo che poi piaccia o no il suo modo di scrivere, ma le sue idee sono sempre assolutamente geniali.

    ha scritto il 

  • 5

    Scorrevole e accattivante, il libro si scioglie come burro nella mani del lettore. La vicenda attira lungo il suo cammino una serie di intrecci che tengono costantemente alta l'attenzione, percependo ...continua

    Scorrevole e accattivante, il libro si scioglie come burro nella mani del lettore. La vicenda attira lungo il suo cammino una serie di intrecci che tengono costantemente alta l'attenzione, percependo assieme al protagonista la vibrante sensazione di alienazione dovuta al dono/condanna acquisito e interrotto dalla zona morta.

    ha scritto il 

Ordina per