Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La zone d'inconfort

une histoire personnelle

By

Editeur: Editions de l'Olivier

3.4
(424)

Language:Français | Number of pages: 252 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) English , Italian , German , Spanish , Portuguese

Isbn-10: 2879295599 | Isbn-13: 9782879295596 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Travel

Aimez-vous La zone d'inconfort ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 0

    A volte, con un libro si creano inspiegabili legami, questa è stata una di quelle volte. Non so cosa pensare del libro, sono brevi raccontini (i primi); articoli riciclati (l'ultimo); saggi sulla ...continuer

    A volte, con un libro si creano inspiegabili legami, questa è stata una di quelle volte. Non so cosa pensare del libro, sono brevi raccontini (i primi); articoli riciclati (l'ultimo); saggi sulla fenomenologia dei Peanuts; appunti biografici di un ragazzo che cresce; brevi "saggi" (bellissime parti) di letteratura tedesca. Appunti disorganici, il cui unico legame è il protagonista e i suoi ricordi, messi lì in maniera estemporanea, in ordine temporale ma senza altri grandi fili logici. Alcune parti (in particolare l'ultima) sono noiosi e forse anche inutili; una è pieno di passione e amore per la letteratura; un'altra con spunti di divertente ironia in mezzo a un desolante piattume e scherzi scemi; altre sono ricordi di un ragazzino,non abbastanza fico da essere uno dei leader della scuola né abbastanza sfigato da essere uno dei nerd della scuola, che cerca di barcamenarsi tra l'aspirazione ad essere un capo, la consapevolezza di non esserlo e la necessità di fare le cose che fanno il resto dei coetanei. Questo è il massimo disagio espresso dal libro, tanto da far chiedere "ma dove sarebbe il disagio?". Eppure questo piccolo romanzo di formazione mi è piaciuto, nonostante parli di un mondo e di un vissuto diverso dal mio; mi ha emozionato, in alcune occasioni facendomi chiudere il libro con una sensazione di piacevole pienezza, e mi ha ricordato il mio amatissimo/odiatissimo prof del liceo con il suo dire che i tedeschi sono invidiosi degli italiani ("C'era il commovente e riabilitante anelito dei tedeschi a non essere affatto tedeschi, bensì italiani, anelito che Goethe catturò nel classico verso del Wilhelm Meister"). Misteri dei libri.

    dit le 

  • 3

    Dimenticabile.

    Raccolta disorganica di articoli giornalistici a sfondo autobiografico di Jonathan Franzen che, partendo dalla morte della madre, e dalla vendita della casa di famiglia, cerca di ripercorrere ...continuer

    Raccolta disorganica di articoli giornalistici a sfondo autobiografico di Jonathan Franzen che, partendo dalla morte della madre, e dalla vendita della casa di famiglia, cerca di ripercorrere attraverso i suoi ricordi d'infanzia e dell'adolescanza quella che dovrebbe essere stata una vita costantemente vissuta fuori dalla zona di comfort* (da cui il titolo originale The Discomfort Zone). Ne risulta, come dicevo all'inizio, una raccolta slegata, discontinua e a tratti noiosa, in mezzo alla quale si pescano rare perle di scrittura e poche pagine di interesse: su tutte il capitolo sulla lingua e la letteratura tedesca (molto interessanti alcune riflessioni su La Montagna incantata di Thomas Mann), quello sulla sua passione ornitologica sfociata in un lungo periodo di birdwatching, e alcune considerazioni interessanti sui Peanuts e Charles Schulz. Tutto il resto è noia, soprattutto quando Franzen avvicina la lente e anziché limitarsi a raccontare gli Stati Uniti e i mutamenti sociali (del Midwest e di Webster Groves nel Missouri, nello specifico) attraverso la sua memoria, decide di avvicinarsi e raccontare anche personaggi e dialoghi (piuttosto inutili) dei quali non importa niente a nessuno, forse nemmeno più a lui. Pensare che un suo amico carissimo (e un autore fra quelli che più amo), raccontando il Midwest in un memorabile reportage, è riuscito ad appassionarmi persino alla fiera del bestiame: segno che per essere uno scrittore dalla penna magica non è sufficiente saper scrivere o anche solo aver storie da raccontare, ma che bisogna anche saper parlare al lettore e portarlo con sé in luoghi dove mai avrebbe pensato di andare.

    Tre stelle, molto generose, che prima dell'ultimo capitolo - Il mio problema ornitologico - erano due.

    *«La Comfort Zone nella psicologia comportamentale è una condizione mentale di sicurezza, dove tutto è rassicurante, noto; dove ti muovi a tuo agio, senza grandi sorprese»

    http://annaconforti.blogspot.it/2010/05/partiamo-da-una-definizione_13.html

    dit le 

  • 2

    Da uno famoso come Franzen ci si aspetta molto di più. Un memoir poco interessante, che forse non valeva neanche la pena di raccontare; nessuna traccia di quello che potrebbe essere il percorso che ...continuer

    Da uno famoso come Franzen ci si aspetta molto di più. Un memoir poco interessante, che forse non valeva neanche la pena di raccontare; nessuna traccia di quello che potrebbe essere il percorso che lo porta a essere uno scrittore. Tutto appare come casuale o quasi. Buona la parte sui Peanuts, che però sembra un saggio a se stante; pessime le figure femminili. In sostanza, un libro che si dimentica di aver letto

    dit le 

  • 1

    Zona di noia profonda. Tutto il brillare della prosa di Franzen (almeno quello che mi aveva catturata ne Le correzioni) disperso in un piatto e sciatto tentativo di autobiografia. Spiace.

    dit le 

  • 3

    zona onanismo

    parziale biografia dell'autore molti temi sono comuni ai suoi romanzi, le scelte esistenziali, il racconto del passato dell'autore ma anche di figure marginali della sua vita (con qualche sbadiglio ...continuer

    parziale biografia dell'autore molti temi sono comuni ai suoi romanzi, le scelte esistenziali, il racconto del passato dell'autore ma anche di figure marginali della sua vita (con qualche sbadiglio del lettore qua e là e pure qualche "ma chi se ne frega") interessanti considerazioni su Snoopy e altre cose che nei romanzi funzionano meglio incompleto per scelta deludente per chi si aspettava un'analisi più approfondita delle motivazìoni dell'autore, che invece si sofferma sul racconto, però stranamente non avvince come fosse un romanzo...

    ps. piccola divagazione: Franzen racconta di essersi messo a fare bird watching in risposta al dolore per la morte della madre, questo punto ritorna in Libertà quando il protagonista ci si dedica in risposta alla morte della compagna...straziante e realistico, ma chissà come mai funziona incredibilmente meglio nel romanzo...

    dit le 

  • 4

    Autobiografia di Jonathan Franzen e anche un romanzo di formazione anche se in poco più di 200 pagine c'è tutto, leggendolo si rivivono attraverso i racconti dell'autore le vicende sociali ...continuer

    Autobiografia di Jonathan Franzen e anche un romanzo di formazione anche se in poco più di 200 pagine c'è tutto, leggendolo si rivivono attraverso i racconti dell'autore le vicende sociali dell'America di quel tempo, dagli anni '70-'80 in poi. Qualcuno mi ha fatto notare che è una raccolta di racconti, in realtà non ho mai pensando che fossero dei racconti, o almeno non c'ho fatto proprio caso a questa interpretazione, per me è chiaramente un'autobiografia e i racconti sono semplici paragrafi, che, a mio avviso, hanno un senso compiuto solo se letti consecutivamente.

    dit le 

  • 0

    Non è un libro indimenticabile, anzi. In questo modo, senza fantasia, senza incutere un briciolo di interesse, annoiando il lettore, potrei scrivere anche io zona noia, zona demotivazione e zona ...continuer

    Non è un libro indimenticabile, anzi. In questo modo, senza fantasia, senza incutere un briciolo di interesse, annoiando il lettore, potrei scrivere anche io zona noia, zona demotivazione e zona apatia. Di 215 pagine ne salverei una settantina credo. Il resto solo noia e sbadigli. Lunghissime divagazioni sul birdwatching, sulla Chiesa Congregazionalista, su esperienze autobiografiche pescate da ricordi frammentari lungo tutta la sua vita, fanno di questo libro di Franzen una noiosa e pedante confessione, che cerca di trovare disagio anche quando non ce ne è traccia.

    dit le 

  • 3

    Non al livello de Le correzioni, ma lo stampino quello è...ed è per me un immenso piacere sorridere delle disgrazie altrui! L'ultimo capitolo "Il mio problema ornitologico" è di una palla mortale, ...continuer

    Non al livello de Le correzioni, ma lo stampino quello è...ed è per me un immenso piacere sorridere delle disgrazie altrui! L'ultimo capitolo "Il mio problema ornitologico" è di una palla mortale, pari solo al bird-watching! Lodevole, invece, l'analisi di Schulz e dei suoi Peanuts.

    A chi talvolta si sente prossimo alla felicità... http://images3.wikia.nocookie.net/__cb20120126085514/nonciclopedia/images/thumb/1/14/Charlie_Brown_e_Linus_-_Peanuts.jpg/280px-Charlie_Brown_e_Linus_-_Peanuts.jpg

    dit le 

Sorting by