"Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie». Si apre così la lettera che Vanda scrive al marito che se n'è andato di casa, lasciandola in preda a una tempesta di rabbia impotente e domande che non trovano risposta. ...Continua
Botanica55
Ha scritto il 25/08/18
Lacci

Come una famiglia "malata" possa irrimediabilmente danneggiare i figli.
Un finale inaspettato e sorprendente.

Antonello Bellanca
Ha scritto il 26/07/18
Interessante
Non conoscevo ancora Starnone, ho letto lacci insieme al suo 'le memorie erotiche di Aristide Sgambia'' sembrano legati da un filo logico tanto che mi domando se i restanti testi di Starnone abbiamo il medesimo denominatore: la famiglia, il sesso, la...Continua
enzo
Ha scritto il 02/06/18
C'è poco da dire su questa storia. Già sentita, già letta altrove, eppure è una storia che colpisce, e questo perché l'autore sa scrivere come Dio comanda. Starnone riesce a coniugare perfettamente una prosa semplice e asciutta a un'analisi profondis...Continua
Mariolino
Ha scritto il 08/04/18
La coppia contemporanea
Sarà più consapevolezza rispetto a un tempo, ma mi ritrovo negli ultimi tempi solo a vedere, parlare, sentire di coppie che scoppiano. Sembra che in coppia ci si distrugga, a vicenda e anche singolarmente. Come se la coppia non fosse una dimensione g...Continua
Denise
Ha scritto il 05/04/18

https://tucc-per-tucc.blogspot.it/2018/03/lacci-domenico-starnone.html


Annalisa
Ha scritto il Feb 26, 2018, 08:46
Si legge in un soffio
AleBi
Ha scritto il Dec 11, 2017, 10:39
Mi imbarazzai. Avevo insegnato a Sandro ad allacciarsi le scarpe? Non me lo ricordavo. E a quel punto, senza una ragione immediata, non mi meravigliai piú che mi fossero estranei, il senso di estraneità era implicito nel nostro rapporto originario. F...Continua
Niketes
Ha scritto il Nov 02, 2017, 11:06
Su una cosa sola non si discute: è da nostra madre che ci deriva l’ossessione del denaro. Papà ne ha guadagnato parecchio, ma era cosí preso dalle sue ambizioni che è come se non se ne fosse nemmeno accorto. Per lui contava il lavoro, il bisogno di c...Continua
Niketes
Ha scritto il Nov 02, 2017, 11:05
(...) cambiavo, cambiavo in tutto, ero in espansione, tu non te ne rendevi nemmeno conto e se te ne rendevi conto ti disgustavi, guizzavi via, mi distruggevi con mezza parola, con uno sguardo, con un gesto. Il suicidio, caro mio, è stato una ratifica...Continua
Niketes
Ha scritto il Nov 02, 2017, 11:05
Dio santo, sei proprio un uomo debole e confuso, privo di sensibilità, superficiale, l’opposto di come per ben dodici anni ho creduto che fossi. A te non interessano le persone, come si modificano, come evolvono. Tu delle persone ti servi. Tu alle pe...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

e-bookworm (do...
Ha scritto il Dec 10, 2014, 12:14

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi