Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'adolescente

By Fedor M. Dostoevskij

(241)

| Paperback | 9788806175672

Like L'adolescente ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

La cronaca famigliare che Dostoevskij inventa ispirandosi alle rubriche dei giornali è molto diversa da quella cui ci aveva abituato Tolstoj, con la sua rappresentazione di un solido mondo patriarcale. Lacerata e divisa, la famiglia di Dostoevskij è Continue

La cronaca famigliare che Dostoevskij inventa ispirandosi alle rubriche dei giornali è molto diversa da quella cui ci aveva abituato Tolstoj, con la sua rappresentazione di un solido mondo patriarcale. Lacerata e divisa, la famiglia di Dostoevskij è lo specchio dei tempi nuovi, dei traffici di una società avida e iniqua che non esita a lanciarsi nelle imprese più spregiudicate, a perdersi in tormentosi conflitti con i demoni che la agitano.Confessione autobiografica di un giovane ventenne, "L'adolescente" snoda una sequenza vertiginosa di fatti, un turbine di avvenimenti incalzanti. Figlio naturale di un proprietario terriero, Arkadij coltiva sogni di potere e rivincita, ma non riuscirà a sottrarsi al giro di ricatti e intrighi.

75 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    “ ...Alle tenebre delle basse verità preferisco l'inganno che mi innalza ? “

    La crescita e la maturazione del giovane Arkadij Dolgorukij , figlio illegittimo di un nobile e di una serva , che cerca di riscattare i suoi natali coltivando un' “idea” , fantastica quanto scarsamente realizzabile, prima di rendersi conto che l'ob ...(continue)

    La crescita e la maturazione del giovane Arkadij Dolgorukij , figlio illegittimo di un nobile e di una serva , che cerca di riscattare i suoi natali coltivando un' “idea” , fantastica quanto scarsamente realizzabile, prima di rendersi conto che l'obiettivo prefisso si può invece raggiungere più semplicemente vivendo la vita stessa , con tutte le sue avversità , le sue difficoltà , ma anche le le sue conquiste.
    Ogni tanto , specie dopo letture poco impegnative (anche se divertenti... ) , mi prende il desiderio di isolarmi , di rifugiarmi almeno per un po' in un mondo lontano e totalmente diverso dall'attuale , come quello che si può ritrovare nella grande letteratura russa , per riassaporare il piacere intimo di un certo tipo di scrittura.
    E sebbene la struttura di questo romanzo non sia delle più semplici sia per il numero dei personaggi , ovviamente citati con nome e patronimico , che per lo sviluppo non sempre lineare della trama, basterebbe tuttavia la potente e splendida parte finale , nella quale alle parole di Nikolàj Semenovié , ex precettore di Arkadij ossia del narratore e protagonista principale , viene affidato un commento relativo alle “Memorie” che costituiscono appunto l'intero corpo dell'opera , per trovarvi motivo sufficiente per affrontare un testo che , pur nella sua complessità, vale comunque la pena di leggere .

    Is this helpful?

    Jimmy said on Jun 24, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Letto da: Peppe.

    Un'anima in formazione si affaccia all'uscio della società. Un adolescente è l'idea stessa dello sperimentare. Dostoevskij utilizza l'ennesimo strumento per scavare la recondita psicologia umana e per suggerire vie salvifiche per l' ...(continue)

    Letto da: Peppe.

    Un'anima in formazione si affaccia all'uscio della società. Un adolescente è l'idea stessa dello sperimentare. Dostoevskij utilizza l'ennesimo strumento per scavare la recondita psicologia umana e per suggerire vie salvifiche per l'umanita', suggerendo un messaggio che sia universale. Si rintracciano nel romanzo molte idee poi sviluppate in altre opere dostoevskijane.

    Is this helpful?

    PeppeLaura said on Apr 23, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Quasi come Dumas

    Uno legge Dostoevskij: Delitto e castigo, capolavoro (ah, Raskolnikov!); L'idiota, capolavoro (ah, Myshkin!); I demoni, capolavoro (ah, Stavrogin!); L'adolescente, capol... ah, no.

    È uno strano romanzo. Si direbbe quasi che D si sia sfidato a far e ...(continue)

    Uno legge Dostoevskij: Delitto e castigo, capolavoro (ah, Raskolnikov!); L'idiota, capolavoro (ah, Myshkin!); I demoni, capolavoro (ah, Stavrogin!); L'adolescente, capol... ah, no.

    È uno strano romanzo. Si direbbe quasi che D si sia sfidato a far entrare i suoi personaggi (qui, più esagitati che tormentati, diventano quasi delle formule) in un intrigo alla Dumas. C'è troppo di tutto: troppe lettere, troppi impazzimenti, troppi suicidi, troppi innamoramenti repentini... per non farsi mancar nulla, persino una banda di ricattatori (uno dei quali si suicida: ricattatore sì, ma russo).

    Troppe cose: al punto che alcune (la passione del padre e del figlio per la stessa donna, il figlio illegittimo, l'uomo di Dio) saranno ricombinate e riutilizzate, con altra arte, nei Fratelli Karamazov. Che è il libro immenso che sappiamo.

    Is this helpful?

    Leo Mischle said on Dec 30, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ah, Fëdor, Fëdor, giungerà mai il momento in cui terrò fra le mani una tua opera che non abbia amato sino alla follia?

    Che dire? Che le aspettative sono state soddisfatte, se non addirittura superate. L'adolescente è la storia, assolutamente ...(continue)

    Ah, Fëdor, Fëdor, giungerà mai il momento in cui terrò fra le mani una tua opera che non abbia amato sino alla follia?

    Che dire? Che le aspettative sono state soddisfatte, se non addirittura superate. L'adolescente è la storia, assolutamente non lineare, di Arkadij Makàrovič, giovane ragazzo figlio illegittimo del ricco Versilov, padre adorato e disprezzato, figura emblematica e instabile, verso cui il protagonista riversa un amore misto a rabbia, nonché un'adulazione eretta su un terreno fatto di dubbi. La storia si dipana ribollente di sentimenti e ansietà, sprezzante e mai piatta, come una piccola barca in una tempesta di pioggia e vento, in cui pochi sono gli appigli e gli scogli sicuri: uno di questi è il personaggio, indimenticabile, di Sof'ja Andrèevna, madre di Arkadij, simbolo di amore, umiltà, devozione. E aggiungerei, seppur sia un carattere minore, il personaggio di Makàr Ivanovič, originario marito di Sof'ja, rappresentante di una vita semplice e forse incosciente, intrisa di una bellezza che non fa uso delle parole. E attraverso questi personaggi lo svolgersi delle vicissitudini che li investono, in un crescendo di emozioni e avvenimenti, sino al finale esplosivo ma riflessivo, perfettamente e splendidamente "dostoevskijano".

    «Addio, Kraft! A che pro cacciarsi fra la gente che non vi vuole? Non vale meglio forse mandar tutto all’aria, e farla finita?»
    «E poi? Dove andare?», domandò egli accigliato guardando in terra.
    «A casa, a casa! Spezzare tutti i vincoli e ritirarsi nel proprio guscio.»
    «In America?»
    «In America! A casa, sì… Ecco tutta quanta la mia idea, Kraft.»
    Egli mi fissò curioso.
    «E l’avete voi questo posto che chiamate a casa?»
    «L’ho. Arrivederci, Kraft. Vi ringrazio, dolente di avervi disturbato. Nei vostri panni, per poco che mi figurassi una Russia come voi la vedete, manderei tutti al diavolo: via di qua, intrigate, rodetevi… A me di voi non importa niente.»

    Is this helpful?

    Edoardo said on Dec 6, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dostoevskij è sempre Dostoevskij

    Il carattere geniale del suo scrivere alla fine viene a galla in tutti i suoi racconti e non si smentisce mai. Devo dire che ad un certo punto ho dubitato che questo avvenisse ne L'ADOLESCENTE, ma dopo una prima parte un pò farraginosa che fatica a f ...(continue)

    Il carattere geniale del suo scrivere alla fine viene a galla in tutti i suoi racconti e non si smentisce mai. Devo dire che ad un certo punto ho dubitato che questo avvenisse ne L'ADOLESCENTE, ma dopo una prima parte un pò farraginosa che fatica a farsi seguire, piena di temi filosofici e psicologici e con pochi accadimenti, dalla seconda parte il racconto parte come un fiume in piena, ti travolge e come un fiume in piena raccoglie pietre e detriti dalle sponde per trascinarli con sè fino alla foce, così Dostoevskij raccoglie lungo il suo narrare personaggi che spuntano dal nulla e che diventano essenziali per lo sviluppo e la perfetta comprensione della novella.
    I bassifondi, i diseredati, gli istinti meschini e vili degli uomini, trovano ancora in Dostoevskij la mano eccelsa che li porta alla luce e ne racconta le gesta.
    L'odore delle bettole, il tanfo descritto in certi tuguri dove alcuni personaggi vivono sembra quasi sentirlo esalare dalle pagine che si sfogliano una dopo l'altra con avidità che è propria degli stessi personaggi e da cui il lettore viene contagiato.
    Le anticipazioni, le digressioni, i flashback ed i commenti del narratore rendono la scrittura Dostoevskiana unica nel suo genere ed ineguagliabile.
    La storia si snoda in seno ad una che oggi verrebbe definita "famiglia allargata", vista dagli occhi di un figlio illegittimo con tutti i sentimenti che ne scaturiscono: gli amori per la madre e la sorella, il rispetto verso il padre legittimo che gli ha dato il nome e la venerazione per quello naturale ma illegittimo, visto come "futuro padre" che crea un'antitesi tra ammirazione e odio a seconda della fase narrativa. Poi l'amore impossibile accarezzato con la fantasia giovanile e la tragedia, sempre pronta a colpire e prendersi la scena.
    Un Doestoevskij completo e maturo che racchiude in questo romanzo molti aspetti, secondo me, di altre sue opere com IL GIOCATORE e DELITTO E CASTIGO, per non parlare de L'IDIOTA, onnipresente nella scrittura Dostoevskiana.

    Is this helpful?

    Ukkiu74 said on Sep 18, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi mancano 100 pagine circa, ma non ce la faccio proprio più! Sorry, Fiodor, non prendertela a male, dopotutto adoro I DEMONI e DELITTO E CASTIGO :D

    Is this helpful?

    Andrejas74 said on Sep 5, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book