Lady Susan

Di

Editore: Newton Compton (Live, 12)

3.6
(1545)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 125 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco , Ceco , Catalano

Isbn-10: 8854151521 | Isbn-13: 9788854151529 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Daniela Paladini ; Prefazione: Ornella De Zordo

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Lady Susan?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Edizione integrale.

La città di provincia, le chiacchiere misurate dei salotti, le ferree regole e convenzioni dell'universo piccolo-borghese: in questa breve opera gli ingredienti per entrare nello straordinario mondo della Austen ci sono tutti. La protagonista di "Lady Susan", frizzante romanzo epistolare, è una donna energica, intelligente, senza scrupoli, che si diverte a giocare con i sentimenti degli uomini. Il Settecento inglese della borghesia di provincia, delle buone maniere, del matrimonio come aspirazione suprema: Jane Austen ha saputo dipingere il suo tempo con grazia ed eleganza, ma ne ha lasciato accuratamente emergere, con le stesse armi tipiche di quei salotti - arguzia, bon ton, ironia -, gli aspetti più retrogradi, rivelandosi, pur tra le pareti domestiche, donna di spirito e femminista "ante litteram".
Ordina per
  • 4

    Lo stile epistolare con cui è scritto questo romanzo differisce sicuramente dal resto dei romanzi della Austen. Inizialmente ho storto un po' il naso, essendo abituata alla sua tipica narrazione, ma a ...continua

    Lo stile epistolare con cui è scritto questo romanzo differisce sicuramente dal resto dei romanzi della Austen. Inizialmente ho storto un po' il naso, essendo abituata alla sua tipica narrazione, ma alla fine devo dire che l'ho gradito piacevolmente.
    Lady Susan indubbiamente non è un personaggio che si fa amare, infatti l'ho detestata sin dalle prime lettere. Si presenta come una donna senza scrupoli, maestra dell'inganno, manipolatrice e civetta ( come non odiarla ?) che pensa solo ed esclusivamente ai suoi interessi senza minimamente curarsi degli altri. Cerca in tutti i modi di perseguire un matrimonio per lei il più vantaggioso possibile e allo stesso tempo anche per sua figlia, di cui non si cura affatto considerandola una ragazza viziata e vanesia (cosa assolutamente non vera) e di cui cerca in tutti i modi di sbarazzarsi mandandola un po' in collegio , un po' dagli zii ecc...
    Il romanzo è brioso, frizzante e scorrevole, insomma , una lettura piacevole in cui si può senz'altro riconoscere il tipico incantevole stile della Austen. La conclusione invece è l'unica che può lasciare un po' interdetti poiché viene fatta in terza persona in una forma abbastanza sbrigativa, togliendoci il gusto di poter assaporare pagina dopo pagina lo svilupparsi della storia.

    ha scritto il 

  • 3

    Il primo libro di Jane Austen che ho letto! Prima, avevo visto solo film, come Orgoglio e Pregiudizio e Ragione e Sentimento. Che dire, pur nella sua brevità mi è piaciuto, è divertente, scritto in mo ...continua

    Il primo libro di Jane Austen che ho letto! Prima, avevo visto solo film, come Orgoglio e Pregiudizio e Ragione e Sentimento. Che dire, pur nella sua brevità mi è piaciuto, è divertente, scritto in modo scorrevole e frivolo nel senso buono della parola, con personaggi per caratterizzati. Qualche pagina di sana leggerezza e freschezza con le quali è piacevole stare in compagnia per qualche ora.

    ha scritto il 

  • 3

    Una storia molto scorrevole, sicuramente un approccio alla Austen molto più leggero dei suoi grandi romanzi. Interessante la scelta del romanzo epistolare con dei personaggi intriganti e ben caratter ...continua

    Una storia molto scorrevole, sicuramente un approccio alla Austen molto più leggero dei suoi grandi romanzi. Interessante la scelta del romanzo epistolare con dei personaggi intriganti e ben caratterizzati.

    ha scritto il 

  • 4

    Un romanzo epistolare breve, molto breve - letto per impulso nel bel mezzo della notte - mi riavvicina ad una delle mie scrittrici più amate, la cara Jane Austen.
    Che dire: è, come sempre, un piccolo ...continua

    Un romanzo epistolare breve, molto breve - letto per impulso nel bel mezzo della notte - mi riavvicina ad una delle mie scrittrici più amate, la cara Jane Austen.
    Che dire: è, come sempre, un piccolo gioiellino vittoriano dalla poetica pungente, nato dalla fervida mente di una ragazza che conosceva bene il mondo di cui faceva parte.
    Coinvolge e appassiona, ma si vede che non è che un esperimento dell'autrice, soprattutto per come viene concluso un po' sbrigativamente alla fine.
    Ovviamente il risultato più scontato che ha ottenuto è stato di farmi venire voglia delle sue eroine più buone, perché Lady Susan è veramente troppo indigesta per i miei gusti romantici.
    Comunque ottimo, perché è ottima la mano che l'ha scritto.

    ha scritto il 

  • 3

    Romanzo epistolare di una giovanissima Jane Austen. Una piccola delizia con una protagonista dalla personalità inusuale rispetto alle future eroine austeniane e in cui si riconosce già tutta la finezz ...continua

    Romanzo epistolare di una giovanissima Jane Austen. Una piccola delizia con una protagonista dalla personalità inusuale rispetto alle future eroine austeniane e in cui si riconosce già tutta la finezza e l'arguzia della scrittrice.

    ha scritto il 

  • 3

    Se penso a Orgoglio e pregiudizio, Emma, Persuasione, Ragione e sentimento, quest'opera sicuramente differisce dai titoli citati. Prima di tutto per due motivi che chiunque sia navigato nell'opera aus ...continua

    Se penso a Orgoglio e pregiudizio, Emma, Persuasione, Ragione e sentimento, quest'opera sicuramente differisce dai titoli citati. Prima di tutto per due motivi che chiunque sia navigato nell'opera austeniana fa notare, ovvero che stavolta la nostra protagonista è un'antieroina e il romanzo è del genere eoistolare. Lady Susan è una vedova, probabilmente nel "mezzo del cammin di nostra vita", che s'è guadagnata una pessima reputazione per la sua civetteria, la sua incuranza verso una certa morale austera che si aspettava che le signore seguissero e la sua voglia sempre accesa di solleticare il suo ego, attraverso la seduzione. Di conseguenza la morte recente del marito non le impedirà di "fare i suoi giochi" nella casa di campagna del fratello, Mr Vernon, dove s'è rifugiata in attesa di una sistemazione migliore (attraverso un matrimonio, per cominciare quello della figlia), specialmente davanti alla sfida di far mutare parere a un uomo, Reginald DeCourcy, fratello minore della cognata, che si accinge a incontrarla armato di tutte le voci di corridoio sulla sua pessima reputazione. Lady Susan non ha nulla della modestia di altri personaggi austeniani, anzi, è piuttosto egocentrica e dotata d'amor proprio, e di una certa assenza di interesse e cura degli altri (se non per i suoi fini). Ecco perchè il gusto di guadagnarsi con le sue sottili armi eloquenti il cuore di Reginald la tenta molto, una soddisfazione non indifferente di fronte alla schiera di pessimi giudizi su di lei. In questo senso il genere epistolare si addice: un "dicono di lei", continui resoconti indiretti della vicenda, oltre il presente del fatto narrato e spesso da parte di altri personaggi, calzano davvero. Importante tra gli altri è la cognata, che tenta di recuperare il senno perduto e abbindolato di Reginald, e anche la figlia di Susan, Frederica, in procinto di cadere in un matrimonio infelice. Ovviamente uno piu uno fa due e si intuisce facilmente come si concluderà la vicenda.
    Tuttavia il romanzo differisce dagli altri della stessa autrice per un altro motivo: non si può negare che il fatto che la Austen l'avesse scritto agli albori dei suoi vent'anni abbia influito sulla qualitá dell'opera, giá buona, ma acerba rispetto ai lavori successivi. Si vede dal tratto superficiale con cui i personaggi maschili sono delineati. Il pretendente di Frederica, James, é poco piú che un nome e un epiteto ("sciocco"); cosí anche Mr Vernon (praticamente dabbene), e Reginald viene raggirato troppo facilmente, per essere descritto come un uomo che vaglia tutto il possibile prima di sigillare la propria fiducia o consenso ad una persona, o per essere descritto da una persona assennata come la sorella come un uomo di indubbia intelligenza. Frederica non é molto piú approfondita di cosí. Di conseguenza Lady Susan, di caratterizzazione maggiore, risulta chiaramente piú interessante.
    Inutile dire che il cambio stilistico sul finale e la conclusione sbrigativa nella forma di una narrazione in terza persona regolare tolgono un altro punto al romanzo, essendo chiaramente la conseguenza di una toppa posta da Jane per un romanzo che al momento non voleva ultimare con piú dedizione, forse perché trovava allettanti altri progetti.
    Chiaramente, trattandosi pur sempre della Austen, il romanzo non é niente di meno che una piacevole lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    Amore epistolare

    Opera giovanile della Austen, Lady Susan è un romanzo breve in forma epistolare, come non ricordare Dracula di Stoker o I dolori del giovane Werther di Goethe? In totale leggeremo 41 lettere, di cui l ...continua

    Opera giovanile della Austen, Lady Susan è un romanzo breve in forma epistolare, come non ricordare Dracula di Stoker o I dolori del giovane Werther di Goethe? In totale leggeremo 41 lettere, di cui la maggior parte tra Lady Susan e Mrs Johnson, sua cara amica e complice negli intrighi e sotterfugi descritti. Eh già, perché Lady Susan è una donna energica, intelligente, senza scrupoli, che si diverte a giocare con i sentimenti degli uomini.

    Trama (che nulla ha da invidiare a Beautiful)
    Lady Susan, cognata di Mr Vernon, vedova da soli quattro mesi, fa visita alla sua famiglia Vernon presso la tenuta di Churchill, con lo scopo di fuggire dalle voci su una doppia relazione che la donna intrattiene a Londra con un uomo già sposato, Mr Manwaring, e con un uomo molto più giovane di lei, Mr James Martin, di cui è innamorata Miss Manwaring, nipote di Mr Manwaring.
    Dopo essersi recata presso la famiglia Vernon, Lady Susan, attraverso il suo ingegno e la sua eloquenza, riesce a far innamorare di sé Mr Reginald De Courcy, fratello di Mrs Vernon. Ella è decisamente preoccupata per il fratello, avendo compreso la vera natura della donna. Lady Susan ha una figlia, Frederica, odiata dalla madre e reclusa in un collegio, dal quale cerca di fuggire dopo che la madre le comunica di volerle far sposare lo stesso Mr Martin con la quale la donna aveva intrattenuto una relazione. La sua tutrice, Miss Summers, non vuole più tenerla in collegio e per questo la ragazza viene portata a Churchill dallo zio. Qui Frederica si innamora di Reginald, al quale si appella per evitare il matrimonio, dopo che Mr Martin si reca alla tenuta per chiedere la sua mano. Nonostante Reginald sia sconvolto per le dichiarazioni della ragazza, Lady Susan riesce a rigirare gli eventi in suo favore, liberandosi della presenza di Mr Martin e riottenendo i favori di Reginald. E mi fermo qua, altrimenti vi svelo il finale.

    Che altro dire? Vi consiglio di leggerlo, anche per conoscere gli inizi della Austen, e le tematiche che poi affronterà nei suoi capolavori come Orgoglio e Pregiudizio o Ragione e Sentimento. Buona lettura, allora!

    ha scritto il 

  • 4

    ah, le lettere

    Protagonista antipatica, falsa e arrogante, eppure, forse per questo, una lettura divertente. Lettere, inciuci e uomini che si fanno menare per il naso: ne vale di certo la pena. Peccato per la conclu ...continua

    Protagonista antipatica, falsa e arrogante, eppure, forse per questo, una lettura divertente. Lettere, inciuci e uomini che si fanno menare per il naso: ne vale di certo la pena. Peccato per la conclusione.

    ha scritto il 

Ordina per