Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'altra Ester

By Magda Szabó

(93)

| Hardcover

Like L'altra Ester ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

57 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Eszter non è mai stata la protagonista, nonostante sia un'attrice affermata: non è mai stata la protagonista della sua stessa vita, ha sempre avuto un posto in seconda fila, tenuta in disparte dal totalizzante amore dei suoi genitori l'una per l'altr ...(continue)

    Eszter non è mai stata la protagonista, nonostante sia un'attrice affermata: non è mai stata la protagonista della sua stessa vita, ha sempre avuto un posto in seconda fila, tenuta in disparte dal totalizzante amore dei suoi genitori l'una per l'altro, dalla povertà della sua famiglia che la costringeva a tagliare la punta alle scarpe, a ingannare gli altri per guadagnare qualche soldo.. E poi c'è Angéla, c'è sempre stata Angéla ad incarnare tutto ciò che Eszter non ha mai avuto: la ricchezza, l'affetto, una vita facile, qualcuno che facesse le cose al suo posto, che si occupasse di lei.

    E' del marito di Angéla che Eszter si innamora, del marito di Angéla che Eszter diventa l'amante: neanche in amore ha il ruolo da protagonista, anche in amore è seconda a qualcuno. E' a lui che Eszter si rivolge, raccontando la sua infanzia, i vuoti della sua anima, la sua invidia, la sua sofferenza.
    Non c'è felicità per Eszter, non c'è serenità, pace; la sua gelosia ci scava dentro, fa emergere i nostri lati oscuri, la nostra compassione per la bambina che era e la comprensione per la donna che è diventata, e a cui in qualcosa di noi assomiglia.

    Is this helpful?

    Sognodime said on Oct 19, 2013 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    In un monologo immaginario, Ester si racconta, bambina e donna, al suo uomo che non c’è più. E si apre totalmente, mettendo in luce soprattutto il peggio di sé, il suo essere “cattiva, scontrosa, irritabile e invidiosa”. Ne esce, in effetti, u ...(continue)

    In un monologo immaginario, Ester si racconta, bambina e donna, al suo uomo che non c’è più. E si apre totalmente, mettendo in luce soprattutto il peggio di sé, il suo essere “cattiva, scontrosa, irritabile e invidiosa”. Ne esce, in effetti, un ritratto odioso. Ma Ester… sarà davvero così? Qualche dubbio è lecito, perché lei stessa avverte: “Quand’ero bambina, ho taciuto per tanti anni, e poi è stato troppo tardi per imparare a parlare: so soltanto mentire o tacere. La mia biografia è una menzogna.” E un altro grosso dubbio viene dal fatto che è una grande attrice, Ester Encsy, in perenne recita: “Io non ho neanche una faccia, non ho lineamenti, tutto in me è confuso quando non sono truccata. Io ho solo delle maschere.” E allora… qual è la vera Ester? E quale “l’altra”?
    Domande senza risposta. Quello che di certo arriva al lettore è un clima pesante, che persiste pagina dopo pagina, legato in parte alla costruzione del romanzo in sé, complessa anche per il transito veloce di molteplici personaggi; ma dovuto soprattutto all’imperante cattiveria odiosa della donna che narra: una protagonista - sincera o menzognera, poco importa - che non si vede l’ora di abbandonare.

    Is this helpful?

    Frabe said on Jul 5, 2013 | 1 feedback

  • 3 people find this helpful

    Siamo andati a camminare sulla passeggiata dei bastioni lasciavo che mi precedessi d’un passo per poterti fare smorfie e linguacce mentre sgambettavo dietro a te come Puck. Ti odiavo.

    Appartiene alla schiera dei libri anomali e furiosi in cui un personaggio senza rèquie avvelena l’esistenza agli altri e a se stessa. Eszter è un donna implacabile, sgradevole, esasperata. Sdegnata col mondo, non si sente amata, sa che l’unica cosa p ...(continue)

    Appartiene alla schiera dei libri anomali e furiosi in cui un personaggio senza rèquie avvelena l’esistenza agli altri e a se stessa. Eszter è un donna implacabile, sgradevole, esasperata. Sdegnata col mondo, non si sente amata, sa che l’unica cosa per la quale l’apprezzano è la recitazione (diventerà attrice di teatro). Sdegnata con i suoi genitori che si amano troppo e il loro amore non arriva a lei, con Angela la sua compagna di classe bella e gentile e sdegnata in modo furibondo col suo amato Lorinc che sposerà proprio Angela. Nonostante Eszter sappia che già prima di sposarsi Lorinc prova una forte attrazione per lei non è affatto contenta, vorrebbe che Angela non esistesse, vorrebbe che le persone buone e caritatevoli come Angela non fossero al mondo.
    “Ho odiato Angela dal primo istante in cui l’ho vista, e non ho mai smesso, la odio mentre dormo, la odio da sveglia, la odierò sempre persino quando sarò morta, ammesso che qualcosa esista dopo la morte”.

    “Che senso ha insegnare a scuola fesserie del tipo «chi ha bene agito s’aspetti il bene»? Magari qualcuno prende la frase sul serio, compie sforzi, nutre speranze, ma poi non capita nulla”.

    Quando Lorinc e Angela saranno sposati lei continuerà la relazione clandestina con Lorinc, facendolo ingelosire, facendo capire ad Angela che lui ama lei. Arriva a pensare che anche se Lorinc dovesse lasciare sua moglie per lei lo rifiuterebbe finché non ci sarà l’oblio della mente, perché Lorinc ha conosciuto Angela e si adoperato per la gentilezza di lei. Eszter è un personaggio inquietante, causa la fuga del capriolo che Angela aveva in casa, capriolo che finirà sotto un’auto, spia il suo primo ragazzo mentre parla di lei con un suo amico e rimedierà calci e pugni. Spacca le tazze in cui Angela beve il tè. Sarà artefice delle disavventure di Lorinc fino ad un epilogo che non racconto. Tuttavia è un personaggio capace di dire e fare cose ammalianti. Recita per lui a teatro e recita nella vita.
    “Quando sei venuto a prendermi, in quella sera di pioggia, dicendomi che volevi mostrarmi le colline avvolte dalla nebbia, e siamo andati a camminare sulla passeggiata dei bastioni lasciavo che mi precedessi d’un passo per poterti fare smorfie e linguacce mentre sgambettavo dietro a te come Puck. Ti odiavo”.

    “Ti amavo più di mia madre. Ti amavo persino più di mio padre”.

    Is this helpful?

    Domenico Fina said on Feb 26, 2013 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    È il romanzo dell'invidia assoluta,totale di una ragazzina,poi donna verso una compagna.Libro difficile e scostante,ma la Szabo,come al solito,e' fine conoscitrici dell'animo umano

    Is this helpful?

    Rosispri said on Jan 10, 2013 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Questo romanzo mi ha lasciato un'enorme senso di tristezza.
    Tristezza verso una donna che solo nel momento sbagliato è in grado di parlare apertamente di se stessa.
    Tristezza verso una donna che per tutta la sua esistenza ha dovuto combattere contro ...(continue)

    Questo romanzo mi ha lasciato un'enorme senso di tristezza.
    Tristezza verso una donna che solo nel momento sbagliato è in grado di parlare apertamente di se stessa.
    Tristezza verso una donna che per tutta la sua esistenza ha dovuto combattere contro tutto, tutti e anche contro se stessa. Quest'ultima battaglia si rivelerà persa in partenza. Estzer non riuscirà mai a mettersi alle spalle il suo "lato oscuro" quell'insieme di senso di inadeguatezza, gelosia e vuoto interiore che la sofferenza patita per tutta la sua vita l'ha spinta a crearsi. Non una corazza per evitare di soffrire, ma una vergine di Norimberga che la stritola nel suo mortale abbraccio, non permettendole di vivere la propria vita come meglio crede.
    Sia nel rapporto con i suoi genitori che in quello con il grande amore della sua vita, la protagonista sembra sempre sentirsi come il terzo incomodo, pronta in ogni momento a vedersi chiudere la porta in faccia.

    Is this helpful?

    Schrödinger's cat said on Nov 29, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book