Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'altra parte

Un romanzo fantastico

By Alfred Kubin

(360)

| Paperback | 9788845916441

Like L'altra parte ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Che cos’è Perla, la città artificiale in cui Alfred Kubin, grande disegnatore e maestro del fantastico, ha ambientato il suo unico romanzo? È un mosaico di ruderi, di antichità, di avanzi decrepiti e corrosi del passato, tratti dai più famosi angoli Continue

Che cos’è Perla, la città artificiale in cui Alfred Kubin, grande disegnatore e maestro del fantastico, ha ambientato il suo unico romanzo? È un mosaico di ruderi, di antichità, di avanzi decrepiti e corrosi del passato, tratti dai più famosi angoli del mondo. Una quinta perfetta per la sua popolazione di nevrastenici e nostalgici in fuga dal proprio tempo – ma anche il dominio di un sovrano inafferrabile che tiene sotto il suo incantesimo uomini e cose, accomunandoli in un unico, allucinante disegno. Nato nel 1908 dalle visioni che tormentavano l’autore, e illustrato dal suo pennino febbrile, questo libro ha finito col sembrare, nei decenni, sempre meno un ordito di incubi e sempre più l’evocazione di un mondo che a poco a poco si sta svelando – e suona molto più plausibile se lo situiamo nell’epoca di Blade Runner che all’inizio del Novecento.

45 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il demiurgo è un ibrido - Der Demiurg ist ein Zwitter

    Romanzo unico nel suo genere, unico perché è il solo romanzo di Kubin, unico perché è veramente difficile spiegare o dare un giudizio al libro.
    Forse stridente e angosciante sono gli aggettivi migliori per descrivere Perla, la capitale del Regno del ...(continue)

    Romanzo unico nel suo genere, unico perché è il solo romanzo di Kubin, unico perché è veramente difficile spiegare o dare un giudizio al libro.
    Forse stridente e angosciante sono gli aggettivi migliori per descrivere Perla, la capitale del Regno del Sogno e ciò che gli accadimenti suscitano nel narratore/protagonista e in noi lettori. La vicenda è letteralmente inafferrabile, il mondo onirico descritto da Kubin è totalmente privo di leggi, di ordine e di logica; è un terreno scivoloso dove il pensiero, così come lo si considera normalmente, trova terreno sterile e non può attecchire. Ed è giusto che sia così, non si può comprendere "l'altra parte" seguendo l'ordinario, lo stabile e il precostituito.
    Su questo romanzo si leggono molte recensioni negative e per lo più si soffermano sulla forma che, è vero, non è delle più piacevoli ma al tempo stesso è la più adatta a ricreare l'atmosfera fumosa e sfuggente del mondo da incubo.
    "L'altra Parte" è un romanzo che ti lascia tutto e niente, ti porge l'universo e poi lo fa sprofondare davanti ai tuoi occhi.

    Is this helpful?

    Velleitά said on Aug 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La scrittura è veramente buona e ho trovato molto interessante l'aspetto interiore dei personaggi, la variabilità delle loro emozioni è descritta in modo magistrale e contribuisce a trascinare il lettore in un'atmosfera visionaria e allucinante nella ...(continue)

    La scrittura è veramente buona e ho trovato molto interessante l'aspetto interiore dei personaggi, la variabilità delle loro emozioni è descritta in modo magistrale e contribuisce a trascinare il lettore in un'atmosfera visionaria e allucinante nella quale non si sa mai con precisione cosa sia realtà e cosa suggestione. Il Regno del Sogno, e la città di Perla in paticolare, rappresentano dapprima un luogo ameno ed ideale di pace e distacco dallo stress della modernità, ma si trasformano via via in un incubo crescente, complice la comparsa dell'antagonista del loro creatore. In questo senso questo romanzo si inserisce nel filone distopico che tanto amo, ma rispetto agli altri romanzi di genere non mi ha coinvolta profondamente forse per la grande componente allucinata che presenta, soprattutto verso la fine.

    Is this helpful?

    Morgana(piumosa) said on Feb 6, 2014 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    Perla, capitale del Regno del Sogno, città nata decrepita e polverosa, scricchiolante e ammuffita, sotto un cielo perennemente cupo, è la ricostruzione improbabile e bizzarra di una comune città europea in una remota zona dell’Asia centrale oppure è ...(continue)

    Perla, capitale del Regno del Sogno, città nata decrepita e polverosa, scricchiolante e ammuffita, sotto un cielo perennemente cupo, è la ricostruzione improbabile e bizzarra di una comune città europea in una remota zona dell’Asia centrale oppure è una comune città europea osservata attraverso la lente distorta delle visioni di un nevrastenico?

    Libro inclassificabile, diviso tra il fantastico avventuroso, l’utopia sociale e il delirio puro, L’Altra Parte è un romanzo disorganico e irrazionale, fatto della stessa (friabile) sostanza degli incubi; un’opera senza capo né coda salvata da un fascino malato ed inconsapevolmente surrealista, ovvero gratuitamente onirico. Quello che manca dal punto di vista della qualità letteraria (perché Kubin non è un grande scrittore) viene infatti compensato con la fantasia perversa e la suggestione nera dei disegni a corredo.

    Facile richiamare Meyrink per le atmosfere inquietanti e le allucinazioni sinistre, ma Kubin non ha un progetto, non mette i suoi incubi al servizio di un’allegoria esoterica; Kubin lascia semplicemente galoppare senza freni le sue fantasmagorie come un macilento e cieco cavallo bianco, folle di terrore, per gli umidi ed oscuri sotterranei della mente, fino a perdere completamente ogni controllo in un’orgia finale di follia e devastazione.

    Is this helpful?

    Calibano said on Dec 21, 2013 | 1 feedback

  • 2 people find this helpful

    Romanzo illustrato con crollo psicologico

    Kubin nel 1907 genialmente anticipa i movimenti letterari e soprattutto pittorici degli anni '10 e '20 e '30. Il Mondo del Sogno, Perla, l'Utopia insediata nei territori asiatici, si rivela dopo il 1960 una creazione ancora viva e capace di influenza ...(continue)

    Kubin nel 1907 genialmente anticipa i movimenti letterari e soprattutto pittorici degli anni '10 e '20 e '30. Il Mondo del Sogno, Perla, l'Utopia insediata nei territori asiatici, si rivela dopo il 1960 una creazione ancora viva e capace di influenzare nel bene e nel male la mente di scrittori e musicisti. Un testo che non si definisce classico o immancabile per non incorrere nell'errore che David Foster Wallace incita a evitare (nota 10 Il Dostoevskij di Joseph Frank).

    Is this helpful?

    Franacesco Papa Jr. said on Oct 19, 2013 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    La sensibilità estenuata e nevrotica di inizio Novecento in una fiaba lugubre di incredibile bellezza.

    Unico dispiacere: la maggior parte dei lettori non intuisce neppure lontanamente la profondità e la quantità di piani prospettici di quest'opera, ...(continue)

    La sensibilità estenuata e nevrotica di inizio Novecento in una fiaba lugubre di incredibile bellezza.

    Unico dispiacere: la maggior parte dei lettori non intuisce neppure lontanamente la profondità e la quantità di piani prospettici di quest'opera, che è una sorta di compendio di storia di dio, di introspezione di fronte al lutto, di storia della malattia e del desiderio di fuga dalla realtà condensati in 300 pagine di immagini folgoranti.

    Is this helpful?

    Lux Lisbon in London said on Jul 31, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Misticismo esagerato

    Molto bella la prima parte, dove si descrive la vita dei residenti della fantomatica città di Perla, fondata e popolata da un arcimiliardario ex-compagno di classe del protagonista.
    Si perde nella seconda, dove il misticismo entra un po' tro ...(continue)

    Molto bella la prima parte, dove si descrive la vita dei residenti della fantomatica città di Perla, fondata e popolata da un arcimiliardario ex-compagno di classe del protagonista.
    Si perde nella seconda, dove il misticismo entra un po' troppo nel racconto. Peccato perché invece uno sviluppo piú razionale delle premesse avrebbe dato maggior forza al racconto.

    Is this helpful?

    Leppie said on Jul 18, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book