Parigi, 1968. La storia d'amore tra Annie, pittrice e insegnante, e Julian, banchiere anarchico, si consuma sullo sfondo della rivoluzione studentesca (non della contestazione americana, come erroneamente riportato in numerose descrizioni).
Ha scritto il 10/12/14
Breve romanzo, a tratti ispirato, a tratti — spiace dirlo — di una noia mortale.C'è il '68 parigino (a cui Ferlinghetti vent'anni prima aveva davvero preso parte), ed è interessante leggerne, salvo quando la narrazione si riduce al semplice ...Continua
Ha scritto il 15/10/12
Questo libro ha diversi registri, alcuni piacevoli, altri assolutamente insignificanti (per me).La Poesia è l'aspetto più interessante, ci sono pagine che ti fanno innamorare dei luoghi, che rendono in poche parole l'idea,i profumi,i suoni e le ...Continua
Ha scritto il 27/07/11
SPOILER ALERT
Dichiaratamente ispirato al "Banchiere anarchico" di Pessoa, inventa un'intensa storia d'amore nel maggio francese del 1968. Probabilmente Ferlinghetti non amava il finale paradossale di Pessoa: l'individualismo dell'anarchico protagonista; così ha ...Continua
Ha scritto il 25/01/11
Lento. Pesante. Noioso. Inutile.
Ha scritto il 27/04/10
Probabilmente Ferlinghetti se l'è cavata meglio come editore.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi