Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'amuleto d'ambra

By Diana Gabaldon

(755)

| Paperback | 9788850210411

Like L'amuleto d'ambra ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

The Outlander Series 2

Scozia, 1945. Claire Randall, infermiera militare, attraversa un magico cerchio druidico e, misteriosamente, si trova catapultata nelle Highlands del 1743, straniera in una terra dilaniata dalla guerra e dalle faide dei Continue

The Outlander Series 2

Scozia, 1945. Claire Randall, infermiera militare, attraversa un magico cerchio druidico e, misteriosamente, si trova catapultata nelle Highlands del 1743, straniera in una terra dilaniata dalla guerra e dalle faide dei clan rivali. È il 1968 e dopo vent'anni di silenzio durante i quali Claire non ha svelato a nessuno il suo segreto, torna con la figlia Brianna, una splendida ragazza dai capelli color del rame, alla Collina delle Fate, il luogo incantato dove è cominciata la sua avventura. Qui cerca il coraggio di raccontarle il suo viaggio nel tempo e il suo amore per un guerriero scozzese che in un'altra vita e in un'altra epoca l'aveva conquistata. E sarà nel tentativo di ritrovare il suo amato che Claire si ritufferà nelle vertigini di un passato che dalle terre desolate e solitarie della Scozia l'aveva portata sino alla sfarzosa corte di Versailles. Ma il cammino che dovrà percorrere sarà lungo e non privo di ostacoli e di sorprese' Sospeso tra sogno e realtà, L'amuleto d'ambra è la storia di un incantesimo e di una passione amorosa che trascende i confini del tempo.

128 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Quando una scrittrice si prefigge di scrivere una saga di ben 12 volumi, non c'è da stupirsi se nel secondo la tira un po' in lungo su questioni varie che al lettore non sembrano di estrema importanza. Quindi si alternano pagine un po' noiosette ad a ...(continue)

    Quando una scrittrice si prefigge di scrivere una saga di ben 12 volumi, non c'è da stupirsi se nel secondo la tira un po' in lungo su questioni varie che al lettore non sembrano di estrema importanza. Quindi si alternano pagine un po' noiosette ad altre più coinvolgenti che fanno ricordare il primo volume. La protagonista ad ogni modo si rivela sempre un ottimo personaggio.

    Is this helpful?

    Pollapollina said on Oct 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Prima di cominciare la saga avevo già visto quattro episodi della serie televisiva da essa tratta, Outlander. La serie tv è molto accurata, ricca di particolari storici, che vanno dagli eventi narrati ai costumi di scena all'utilizzo del gaeli ...(continue)

    Prima di cominciare la saga avevo già visto quattro episodi della serie televisiva da essa tratta, Outlander. La serie tv è molto accurata, ricca di particolari storici, che vanno dagli eventi narrati ai costumi di scena all'utilizzo del gaelico nel parlato - e anche se non ne capisco un'acca, amo questo tipo di meticolosità. Soprattutto, la serie si immerge nella vita del Settecento in Scozia e mostra cosa accadrebbe se una donna del XIX secolo all'improvviso venisse catapultata indietro di duecento anni, del come la storia potrebbe cambiare con la semplice esistenza di una persona con conoscenze mediche avanzate rispetto al contesto storico e del panico di chi invece nel '900 si ritroverebbe a perderla in circostanze misteriose.
    Purtroppo non ho ritrovato proprio gli stessi temi nei libri. La straniera all'inizio sembra mantenersi su questo sentiero, dal matrimonio in poi vira in maniera definitiva. Ormai con L'amuleto d'ambra sono arrivata alla conclusione che il tutto sia una scusa per parlare della storia d'amore, tant'è che tutto gravita intorno ad essa e le stesse scelte di Claire si compiono per amore, ma non verso l'uomo che ha lasciato, bensì per quello appena scoperto. Sono rimasta delusa nel vedere che non c'era poi tutto questo dolore per la perdita di Frank, non c'era tutta questa ansia di ritornare a casa. La prima vera decisione di voler tornare avviene in questo libro, ma si dissolve di nuovo davanti all'opzione "Jamie". Tra l'altro, non ho amato neanche l'evoluzione nel rapporto Claire-Jamie: mentre nel telefilm è graduale e la proposta di matrimonio è un colpo di scena coi fiocchi, nei libri è scontato e non solo perché già sapevo che sarebbe successo. Jamie è al centro della trama dei libri sempre e infatti in questo è poco presente, per cui per evitare la noia ne succedono di tutti i colori.
    Un'altra delusione specifica è per gli antagonisti: dico che tutto è in funzione della storia d'amore perché i cattivi non hanno dei motivi personali per perseguitare i protagonisti, ma vengono tirati in ballo solo quando conviene per dare un po' di verve. Black Jack Randall ha acquisito molto più spessore nella serie con un semplice discorso di cinque minuti.
    Infine, i motivi per cui L'amuleto d'ambra si becca meno stelle de La straniera è perché speravo migliorasse, ma non lo fa e in più non siamo più in Scozia, e la storia è abbandonata molto perché Claire diviene anch'essa è spesso spettatrice. La trama è molto diluita, così come ne La straniera il lettore veniva trascinato a destra e a manca nella brughiera, anche qui molte cose potevano essere eliminate, come il tentato omicidio che poi non ha un seguito, né uno scopo preciso.
    Dunque, per ora mi aspettano sette lunghi mesi di attesa e di astinenza, perché non credo che proseguirò con la lettura, sia perché vorrei scoprire la storia episodio dopo episodio evitando confronti, sia perché ormai non ritengo che i libri possano uguagliare l'accuratezza e la bellezza di Outlander. Dopo l'ottavo episodio della prima stagione, dopo la scena sulla collina di Craigh na Dun di Clair e Frank, credo che alcune cose per i libri non siano proprio possibili.

    Is this helpful?

    Giusi said on Oct 5, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro sicuramente più maturo rispetto al precedente, ma che manca di quel qualcosa di adrenalico vissuto con " La Straniera ". L'inizio non può che spiazzare un lettore che aveva lasciato Claire e Jamie, insieme, innamorati e pronti a vivere la st ...(continue)

    Un libro sicuramente più maturo rispetto al precedente, ma che manca di quel qualcosa di adrenalico vissuto con " La Straniera ". L'inizio non può che spiazzare un lettore che aveva lasciato Claire e Jamie, insieme, innamorati e pronti a vivere la storia d'amore.. ma è quell'inizio il prologo di tutto il romanzo, un continuo e totale flashback che racconta la vita della coppia presso la corte parigina con intrighi, nuovi amicizie, nemici nuovi e ritrovati, delusioni e paure, dolori e fraintendimenti. Trovo sempre più affascinante il personaggio di Jamie, forte e altruista, ingenuo e determinato. Ho trovato meno interessante il personaggio di Claire. E, in alcune parti, la narrazione si è rivelata troppo puntigliosa, tale di diventare quasi noiosa. Ma a brevissimi tratti, perchè, anche questo secondo capitolo, lascia il lettore con domande, dubbi e questioni in sospeso. In attesa del prossimo libro..

    Is this helpful?

    leggereinsilenzio said on Sep 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    comincio a capire perché i volumi della saga sono 11 ...
    ogni gesto viene menzionato... dalla frequente copula allo svuotamento del vaso da notte , spero presto si torni in Scozia perché la Francia mi ha già rotto.

    PS: considerazioni che mi sono ven ...(continue)

    comincio a capire perché i volumi della saga sono 11 ...
    ogni gesto viene menzionato... dalla frequente copula allo svuotamento del vaso da notte , spero presto si torni in Scozia perché la Francia mi ha già rotto.

    PS: considerazioni che mi sono venute a metà del secondo libro mentre il primo mi è volato tra le mani... vediamo gli altri 9.
    Certe cose saranno molto difficili da mettere in scena...sono curiosa di come faranno procedere la serie TV... ciao a tutti

    Is this helpful?

    Punky2003 said on Sep 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ottima crescita dei personaggi e calibrato climax

    Ho trovato questo secondo volume della saga (anche se si tratta solo della prima parte del secondo libro originale) decisamente più matura dal punto di vista dei contenuti e dello stile di narrazione rispetto alla "Straniera". La delicata condizione ...(continue)

    Ho trovato questo secondo volume della saga (anche se si tratta solo della prima parte del secondo libro originale) decisamente più matura dal punto di vista dei contenuti e dello stile di narrazione rispetto alla "Straniera". La delicata condizione di gravidanza di Claire l'ha aiutata a crescere come donna, rafforzando il suo carattere e questo si nota non solo nel suo rapporto con Jamie ma anche nei rapporti che intrattiene con tutti i personaggi secondari. Inoltre tutti i delicati intrighi politici e di potere che si dipanano nella Parigi aristocratica e poco moralista descritta nel libro incrementano i colpi di scena, sempre ben concepiti e dimostrano una splendida intesa tra i due coniugi. Forse l'unica pecca che mi sento di indicare è l'eccessiva minuziosità con cui l'autrice tratta alcune vicende e il concentrasi troppo su alcune questioni che avrebbero potuto essere risolte con un utilizzo decisamente inferiore di pagine e capitoli.

    Is this helpful?

    hermès said on Sep 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi riservo di dare un’opinione a lettura terminata. Intendo naturalmente quella del romanzo in lingua originale, e che i furbissimi editor italiani hanno diviso in due.
    Per quanto riguarda questa prima parte, devo dire che è piuttosto altalenante: al ...(continue)

    Mi riservo di dare un’opinione a lettura terminata. Intendo naturalmente quella del romanzo in lingua originale, e che i furbissimi editor italiani hanno diviso in due.
    Per quanto riguarda questa prima parte, devo dire che è piuttosto altalenante: alterna momenti interessanti a momenti che sembrano non c’entrano nulla con la narrazione.
    La Francia e Parigi del XVIII secolo sono un’ambientazione molto affascinante; ma Jamie… Jamie appartiene alle Highlands.

    PS: Ho scoperto di avere molto in comune con Diana. Anche lei ha schifato Amabili resti ed ha una serie di libri “carta igienica”, libri che si leggono - anche con piacere - ma che non hanno altro scopo che riempire uno spazio di tempo, come ad esempio un viaggio. Molto, molto carina quindi l’intervista con l’autrice. Ma poi, avete visto che pezzo di donna?

    Is this helpful?

    Lucy said on Aug 23, 2014 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (755)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 496 Pages
  • ISBN-10: 8850210418
  • ISBN-13: 9788850210411
  • Publisher: TEA (TEAdue)
  • Publish date: 2006-xx-xx
  • Also available as: Hardcover , Others , eBook
Improve_data of this book