Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'amuleto di Samarcanda

Trilogia di Bartimeus Vol. 1

By Jonathan Stroud

(296)

| Hardcover

Like L'amuleto di Samarcanda ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il millenario jinn Bartimeus viene improvvisamente richiamato dal mondo degli spiriti ed evocato a Londra. La sua missione è tra le più difficili e pericolose: rubare il prezioso Amuleto di Samarcanda a Simon Lovelace, mago senza scrupoli e membro de Continue

Il millenario jinn Bartimeus viene improvvisamente richiamato dal mondo degli spiriti ed evocato a Londra. La sua missione è tra le più difficili e pericolose: rubare il prezioso Amuleto di Samarcanda a Simon Lovelace, mago senza scrupoli e membro del Parlamento. Ma il vero problema è che a chiamarlo è stato un ragazzetto di dodici anni, che non sembra affatto in grado di governarlo...
Jonathan Stroud crea una Londra alternativa, in cui si mescolano atmosfere dickensiane e personaggi da mille e una notte. Un mondo apparentemente molto diverso dal nostro, ma agitato dagli stessi intrighi e dalle stesse brame, prima tra tutte quella per il potere. Un potere solo apparente, poiché ottenuto grazie a forze che non vedono l'ora di ribellarsi a chi le ha assoggettate, geniale metafora delle umane ambizioni. Ricercato, ricco di suspense, sapientemente costruito e divertentissimo, L’Amuleto di Samarcanda è un capolavoro della fantasy: sovverte brillantemente le regole, presentandoci un mondo magico 'al negativo', dove gli umani – generalmente meschini, invidiosi e senza scrupoli – sono contrapposti agli spiriti ben più potenti, ingegnosi e astuti di loro.

"Stroud capovolge il tradizionale intreccio delle storie di apprendisti stregoni, dove un ragazzo cerca di eseguire da solo le magie del suo maestro. Ma il tocco davvero originale è come l’autore alterna la storia di Nathaniel con il racconto in prima persona dell’irascibile jinn... Se conoscete ragazzi tra i dieci e i tredici anni, regalate loro L’Amuleto di Samarcanda: chiederanno di avere in dono il seguito. Detto questo, io stessa non vedo l’ora di leggerlo."
Diana Wynne Jones

"Una lettura strepitosa, assolutamente inventiva, ricca di colpi di scena."
The Bookseller

"Uno dei libri più fantasiosi e originali di quest’anno."
The Sunday Times

"Il ritmo è indiavolato, la Londra alternativa è sapientemente costruita..., l’intreccio si avvince ingegnosamente attorno a un complotto. Ma ciò che fa la riuscita di questo Amuleto è l’umorismo di Bartimeus e l’irresistibile ironia dei suoi commenti. Il risultato è un romanzo potente e sapido, in cui le note a piè di pagina sono il contorno più gustoso."
Le Monde

278 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il libro mi ha annoiato dall'inizio alla fine, enso non continuerò con lalettura dei restanti libri del ciclo.

    Is this helpful?

    Ottocentesca said on Oct 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Zero a zero e palla al centro

    Diciamo che pregi e difetti si equivalgono, creando così un libro che, per quanto sia triste da dire, è un po' senza arte né parte (tanto per usare un'altra frase fatta, che quella nel titolo non bastava!:D).
    Tra i pregi, c'è sicuramente il personagg ...(continue)

    Diciamo che pregi e difetti si equivalgono, creando così un libro che, per quanto sia triste da dire, è un po' senza arte né parte (tanto per usare un'altra frase fatta, che quella nel titolo non bastava!:D).
    Tra i pregi, c'è sicuramente il personaggio di Bartimeus, demone irriverente e divertentissimo, che mostra sempre una grandissima ironia! Anche lo stile non è male, il libro è scorrevole e si legge con piacere.
    Tra i difetti c'è sicuramente il protagonista umano, ragazzino insopportabile che provoca un pandemonio (letteralmente :D) solo perché qualcuno gli ha mollato due sberle e a ragione, aggiungerei. Poi, tolti i due protagonisti, gli altri personaggi sono fatti con l'accetta, che più piatti non si può. Non parliamo dei cattivi, che si aggiudicano il secondo premio come peggiori cattivi mai creati da penna umana (il primo premio è degli imbattibili lesser della Ward e il terzo di Voldemort). Anche la trama è decisamente già vista, poco originale e si tiene insieme per miracolo. Il difetto più grande, però, è aver lasciato solo intuire la presenza di una specie di mondo contemporaneo ma distopico, nel quale i maghi governano e i babbani, qui chiamati "comuni", fungono più da sudditi che da cittadini e non hanno neanche il diritto di associazione (per dire, non li fanno andare al pub, a Londra! Ma si può?). I comuni organizzano allora una sorta di resistenza, fatta principalmente di rappresaglie di poco conto. Se l'autore avesse approfondito e delineato meglio questo aspetto della storia, sarebbe stata sicuramente più interessante.
    E' anche vero che è solo il primo volume di una trilogia per ragazzi e forse i prossimi due libri saranno migliori, ma non è che ho tanta voglia di scoprirlo, dopo aver letto questo.

    Is this helpful?

    Eleonora said on Sep 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una specie di via di mezzo fra il fantasy umoristico di Terry Pratchett e le storie di Harry Potter, è una lettura divertente, veloce ma ben scritta (anche se, personalmente, considero il genere fantasy tutt'altra cosa).
    Non sufficientemente coinvolg ...(continue)

    Una specie di via di mezzo fra il fantasy umoristico di Terry Pratchett e le storie di Harry Potter, è una lettura divertente, veloce ma ben scritta (anche se, personalmente, considero il genere fantasy tutt'altra cosa).
    Non sufficientemente coinvolgente da leggere il secondo volume della saga, ma abbastanza interessante da passare direttamente al terzo per vedere come va a finire.

    Is this helpful?

    NoxRuit said on Aug 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un fantasy davvero unico nel suo genere: ciò che lo differenzia è la voce narrante, quella di Bartimeus, tenerissimo demone dotato di irresistibile umorismo e di ingenua presunzione, doti che mi hanno fatto innamorare subito del personaggio. Appassio ...(continue)

    Un fantasy davvero unico nel suo genere: ciò che lo differenzia è la voce narrante, quella di Bartimeus, tenerissimo demone dotato di irresistibile umorismo e di ingenua presunzione, doti che mi hanno fatto innamorare subito del personaggio. Appassionante, divertente, originale: una vera chicca!

    Is this helpful?

    Serena said on Jul 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Avvincente!!!
    Letto in un solo giorno, non riuscivo a mollarlo, si era incollato alle mani.....
    Fantasy spettacolare!!!

    Is this helpful?

    hex said on Jul 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Finalmente!

    Finalmente qualcosa targato "fantasy" che valga la pena di leggere!

    Ultimamente tutti i libri del genere erano nient' altro che scopiazzature di filoni già esistenti, o insane derivazioni del vampiro sbrilluccicante.
    Demoralizzante - e disgustoso ne ...(continue)

    Finalmente qualcosa targato "fantasy" che valga la pena di leggere!

    Ultimamente tutti i libri del genere erano nient' altro che scopiazzature di filoni già esistenti, o insane derivazioni del vampiro sbrilluccicante.
    Demoralizzante - e disgustoso nel secondo caso.

    Ma con Bartimeus eccoci di nuovo a gioire del termine!
    E' una storia brillante, non si può definire altrimenti. Il mondo alla rovescia conta altri esperimenti, ma pochi così ben riusciti come questo!
    Qui la magia è negativa - tutta - i maghi sono i cattivi - pressocché tutti - ed i protagonisti sono i demoni.
    O meglio, un demone.

    Bartimeus è sagace, divertente, ironico, e quasi romantico, in un certo qual modo.
    Se ne seguono divertiti le disavventure, e percepiamo i suoi sentimenti con una chiarezza davvero immedesimante.

    La trama in sè non ha nulla di particolare, a dire il vero, perchè segue sviluppi piuttosto logici. Ma è tutto ciò che vi ruota intorno a dare al libro una vera distinzione.

    Devo dire che sin dalle prime pagine mi ha ricordato Diana Wynne Jones, per il modo di raccontare, e per come ogni dettaglio di fantasia sia in realtà molto ben studiato e coerente.
    Sono sicura già da ora che rimarrà una delle mie letture preferite: non ho neanche finito questo, che sono corsa a procurarmi i restanti volumi della saga.
    E credetemi, non succede spesso.

    Sono già impaziente d' iniziare il secondo.

    Is this helpful?

    Bastet said on May 21, 2014 | 2 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book

Collection with this book

Margin notes of this book