Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'anima di Hegel e le mucche del Wisconsin

Una riflessione su musica colta e modernità

By Alessandro Baricco

(307)

| Paperback | 9788807721373

Like L'anima di Hegel e le mucche del Wisconsin ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Secondo Hegel, la musica deve elevare l'anima al di sopra di se stessa. I ricercatori dell'Università del Wisconsin si sono invece fatti un'idea più prosaica della funzione della musica: hanno scoperto che la produzione di latte nelle mucche che asco Continue

Secondo Hegel, la musica deve elevare l'anima al di sopra di se stessa. I ricercatori dell'Università del Wisconsin si sono invece fatti un'idea più prosaica della funzione della musica: hanno scoperto che la produzione di latte nelle mucche che ascoltano musica sinfonica aumenta del 7,5 per cento. Alessandro Baricco esplora l'universo che va da Beethoven a Sting alla ricerca di indizi per ritrovare il senso della musica nella società contemporanea: polemizzando contro le rigidità formalistiche dell'avanguardia, con l'assolutezza della sua ricerca linguistica, e con il supermarket delle hit parade. Per recuperare invece un piacere che può essere innescato dalla spettacolarità sonora di un Mahler o di un Puccini e dalle infinite sottigliezze dell'interpretazione.

57 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Riflessione molto interessante su musica colta (comunemente detta "classica" ) e modernità. Sarebbe stata ancora più efficace se condensata nella metà delle pagine...

    Is this helpful?

    Raffa said on May 28, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    LA MODERNITÀ SPETTACOLARIZZATA

    Nel 1992, un trentaquattrenne Baricco – laureato in filosofia con Gianni Vattimo e già autore di un libro su Rossini – riflette sulla relazione tra musica “colta” e modernità in un testo dal titolo L’anima di Hegel e le mucche del Wisconsin.
    Il libro ...(continue)

    Nel 1992, un trentaquattrenne Baricco – laureato in filosofia con Gianni Vattimo e già autore di un libro su Rossini – riflette sulla relazione tra musica “colta” e modernità in un testo dal titolo L’anima di Hegel e le mucche del Wisconsin.
    Il libro è diviso in quattro saggi: l’idea di musica colta, l’interpretazione, la Nuova Musica, la spettacolarità.

    Il resto su IL PICKWICK: http://www.ilpickwick.it/index.php/letteratura/item/324…

    Is this helpful?

    Giuseppe Varriale said on Jan 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tutto quello che avete sempre pensato sulla Nuova musica e che non avete mai osato dire; liberatorio.

    Is this helpful?

    michel said on Oct 12, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mancano gli esempi!!!

    Troppo astratto, troppo breve, si può citare un paio di musicisti in un saggio sulla musica colta? Baricco ha fatto molto di più come saggista.

    Is this helpful?

    ferrigno said on Sep 15, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Ma che titolo è mai questo!? Sembra una presa in giro per lettori sprovveduti che, però, non volendo cedere alla provocazione, vanno a fondo e si ritrovano in un mondo di passione e di poesia, tanto che, alla fine, elaborano una propria spiegazione, ...(continue)

    Ma che titolo è mai questo!? Sembra una presa in giro per lettori sprovveduti che, però, non volendo cedere alla provocazione, vanno a fondo e si ritrovano in un mondo di passione e di poesia, tanto che, alla fine, elaborano una propria spiegazione, la mia è questa: dal mondo fantasioso ed ingegnoso della teoria a quello più tangibile e non meno ingegnoso della pratica.
    Il tema fondamentale è la musica, in particolare ”Musica Colta e Nuova Musica”, per avere l’opportunità di offrire delle risposte parziali a domande infinite, ma anche per analizzare le stesse alla luce di un passato difficile da mantenere vivo con gli stessi punti di riferimento e di un presente, più o meno recente, che ha pretese di aprire orizzonti diversi in nome di una ”modernità” tutta da (ri)definire. Nulla da obiettare, purché, al fuori e al di sopra di tutto, - leggi anche commercializzazione - non si trascuri il ” piacere” sia dell’interpretazione che dell’ascolto.
    Quindi, dall’idea di musica in cui sono immanenti valori come ” cuore, spirito, verità” che servono ad elevarla sul piano ” spirituale e filosofico” alla sua manifestazione e rivelazione a fruitori/ascoltatori che, però, non ne conoscono, veramente, la sua genesi, il suo sviluppo ed il suo scopo. ”Idea e divenire” sono alla base del sentire immediato e del suo sviluppo nei tempi e nei luoghi più idonei, per cui facilmente si rischia che il passato si cristallizzi in schemi difficili da rimuovere, mentre il presente, inteso in senso lato, mirerebbe ad una frattura di codici che non può, per la sua naturale spinta progressista e rigeneratrice, più riconoscere.
    Azione e reazione sarebbero, pertanto, l’espressone più prossima di verità troppo scontate che rischiano di morire per mancanza di ‘fiato’ e di verità da (ri)scoprire per rendere vivo il valore intrinseco dell’espressone musicale, un diverso approccio perché la parola ‘musica’ conservi il suo significato/valore che altri non è che ”idea che diventa”. Fondamentale, come afferma Baricco, è ”la prassi dell’interpretazione”, la sola che può offrire al ”prodotto musicale...’una vita seconda’” per assurgere ad ”opera d’arte”, un diritto sacrosanto per affermare, nella sua ‘spiritualità’, la sua vitalità oltre il paesaggio/tempo reali, garantita dalla sua capacità di spingersi in una sfera trascendentale.
    ”La musica è suono ed esiste nel momento in cui la si suona: e nel momento in cui la si suona non si può fare a meno di interpretarla.

    Is this helpful?

    Gabbiano said on Aug 30, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    A. Baricco - L’anima di Hegel e le mucche del Wisconsin (Feltrinelli, 2009)

    www.laorilla.it

    Era il 1992 quando un quasi sconosciuto Alessandro Baricco scriveva di critica musicale. L’anima di Hegel e le mucche del Wisconsin raccoglie quattro saggi d’argomento musicale (per l’appunto) che polemizzano in diverso modo la tende ...(continue)

    www.laorilla.it

    Era il 1992 quando un quasi sconosciuto Alessandro Baricco scriveva di critica musicale. L’anima di Hegel e le mucche del Wisconsin raccoglie quattro saggi d’argomento musicale (per l’appunto) che polemizzano in diverso modo la tendenza piuttosto diffusa, e comunque spesso vittima di inutili pregiudizi, a classificare la musica in generi di serie A e B. Un lavoro suggestivo, ma di non facile lettura. Siamo evidentemente lontani dal Baricco maturo che conosciamo e apprezziamo per la sua immediatezza e limpidezza di scrittura. Se il suo intento, senza dubbio lodevole, era di stimolare il lettore alla riflessione sui misteri della musica considerata 'colta', l’obiettivo resta raggiunto solo in parte. Colpa del linguaggio, difficile, farinoso, forse troppo ricco di riferimenti teorici e, di conseguenza, non per tutti. È una densità di scrittura che limita la comprensione di chi la musica l’ascolta, emotivamente, e senza supporti tecnico-teorici.

    Quando è nata la musica cosiddetta colta? Davvero si rivolge a un pubblico di nicchia? Perché risulta legata (a nodo strettissimo) ai rigidi cliché della classificazione di genere?

    Partendo dalla contrapposizione tra l’assunto hegeliano per cui missione santificatrice della musica è elevare l’anima al di sopra di se stessa, e uno studio dell’Università del Wisconsin che dimostra come la produzione del latte aumenti del 7,5% se le mucche ascoltano musica sinfonica, Baricco costruisce le sue argomentazioni passando dalla complessa spiritualità innovativa e anticommerciale di Beethoven, alla spettacolarità del cromatismo teatrale melodrammatico di Puccini, fino alle sinfonie di Mahler, caratterizzate da un linguaggio musicale che anticipa certi carismi dell’inquadratura cinematografica fissa e muta. Al centro Baricco ci lascia la trascendenza interpretativa di Mozart e la ricerca continua e serrata della diversificazione dal resto, rappresentata dalla musica atonale di Schönberg. La musica colta «deve tornare ad essere idea che diventa e non parola d’ordine che si svuota nel tempo» e, per questo motivo, ha il dovere di essere ben radicata nel tempo in cui sorge e si evolve.

    L’opera d’arte non si fa, non si costruisce, né si concepisce, ma succede insieme agli accadimenti della storia e delle storie. Per questo, non può e non deve esistere una differenza netta tra colto e commerciale, tra sacro e profano: divisioni, queste, che irrigidiscono e, di conseguenza, contraddicono il significante della cultura, tout court. L’arte, per sua stessa natura, non si chiude, ma accoglie e raccoglie spunti. Continuamente. E continuamente si evolve, attraverso la gente. E, all’anima della gente, l’arte va restituita. Qui ed Ora.

    Is this helpful?

    Lakesys said on Aug 15, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (307)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 89 Pages
  • ISBN-10: 8807721376
  • ISBN-13: 9788807721373
  • Publisher: Feltrinelli
  • Publish date: 2009-09-09
  • Also available as: Others
  • In other languages: other languages Livres Français
Improve_data of this book