Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'arte della gioia

By Goliarda Sapienza

(1560)

| Hardcover | 9788806189464

Like L'arte della gioia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"L'arte della gioia" è un libro postumo: giaceva da vent'anni abbandonato in una cassapanca e, dopo essere stato rifiutato dai principali editori italiani, venne stampato in pochi esemplari da Stampa Alternativa nel 1998. Ma soltanto quando usci all' Continue

"L'arte della gioia" è un libro postumo: giaceva da vent'anni abbandonato in una cassapanca e, dopo essere stato rifiutato dai principali editori italiani, venne stampato in pochi esemplari da Stampa Alternativa nel 1998. Ma soltanto quando usci all'estero - in Francia, Germania e Spagna - ricevette il giusto riconoscimento. " Una narratrice siciliana meravigliosa", "una vera rivelazione ", "magnifico, magico, commovente: un capolavoro", "un romanzo impostosi con il passaparola", "forse un altro "Gattopardo"": con queste parole la stampa d'oltralpe accolse la pubblicazione del libro in Francia, facendone un vero caso editoriale. In quasi ogni recensione veniva provocatoriamente sottolineata l'incapacità dell'Italia di riconoscere e valorizzare i capolavori che ha in casa. Nel romanzo, tutto ruota intorno alla figura di Modesta: una donna vitale e scomoda, potentemente immorale secondo la morale comune. Una donna siciliana, una "carusa tosta" in cui si fondono carnalità e intelletto, che attraversa bufere storiche e tempeste sentimentali protetta da un infallibile talismano interiore: "l'arte della gioia".Modesta nasce il primo gennaio del 1900 in una casa povera, in una terra ancora piú povera. Ma fin dall'inizio è consapevole, con il corpo e con la mente, di essere destinata a una vita che va ben oltre i confini del suo villaggio e della sua condizione. Ancora ragazzina è mandata in un convento e da lì, alla morte della madre superiora che la proteggeva, in un palazzo di nobili. Qui, il suo enorme talento e la sua intelligenza machiavellica le permettono di controllare i cordoni della borsa di casa, e di convertirsi in aristocratica attraverso un matrimonio di convenienza. Tutto ciò senza mai smettere di sedurre uomini e donne di ogni tipo. Amica generosa, madre affettuosa, amante sensuale: Modesta è una donna capace di scombinare ogni regola del gioco pur di godere del vero piacere. Sfidando la cultura patriarcale, fascista, mafiosa e oppressiva in cui vive, Modesta attraversa la storia del Novecento con quella forza che distingue ogni grande personaggio della letteratura universale.

468 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Forse è uno di quei libri che O si amano incondizionatamente O non si ama affatto: per me buona la seconda.
    Le prime 150 pagine sono volate: bella ed originale la delineazione della figura femminile di Modesta, poi... Poi, si perde la storia che di ...(continue)

    Forse è uno di quei libri che O si amano incondizionatamente O non si ama affatto: per me buona la seconda.
    Le prime 150 pagine sono volate: bella ed originale la delineazione della figura femminile di Modesta, poi... Poi, si perde la storia che diventa sempre più confusa ed improbabile, i piani del racconto si confondono, lo stile è involuto, non autentico, a tratti retorico.
    Forse non l'ho capito io, non ho capito dove voleva andare a parare o forse non c'era niente da capire. E' più interessante e avvincente la biografia dell'autrice che il suo romanzo. Se io fossi stata l'editor di una delle case editrici che rifiutarono il suo romanzo...temo che sarebbe rimasto nel cassetto.
    I'm sorry Goliarda.

    Is this helpful?

    cost said on Jul 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non ce l'ho fatta a finirlo. Noioso, personaggi troppo schematici, dialoghi scombinati. Non mi ha preso per niente.

    Is this helpful?

    Paola said on Jul 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Appassionante, una storia che ti coinvolge fino all'ultimo. Fantastico il personaggio di Modesta, una donna ultra moderna per l'epoca, che con corraggio, caparbieta' e intelligenza e' riuscita ad emergere in un mondo dove le donne non contavano nien ...(continue)

    Appassionante, una storia che ti coinvolge fino all'ultimo. Fantastico il personaggio di Modesta, una donna ultra moderna per l'epoca, che con corraggio, caparbieta' e intelligenza e' riuscita ad emergere in un mondo dove le donne non contavano niente.
    Da leggere.

    Is this helpful?

    Ancecons22 said on Jul 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo! Scrittura stupenda e storia che lascia il segno. Questo è uno di quei libri che quando li finisci ti lasciano nostalgia del mondo narrato e dei personaggi.
    La protagonista è una donna fortissima, femminista quando ancora il femminismo no ...(continue)

    Bellissimo! Scrittura stupenda e storia che lascia il segno. Questo è uno di quei libri che quando li finisci ti lasciano nostalgia del mondo narrato e dei personaggi.
    La protagonista è una donna fortissima, femminista quando ancora il femminismo non c'era. Il romanzo è molto forte e tocca temi caldi e delicati con una naturalezza spiazzante.
    L'unico difetto che posso trovare è che a tratti è un libro un po' noioso, soprattutto quando parla di tutti i figli e i nipoti.

    Is this helpful?

    Jennifer Colombari said on Jun 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Posso dire che alla fine a me questo libro non è piaciuto così tanto? Partito benissimo, al punto da far sembrare di essere davanti a un romanzo epico di altri tempi e di altre levature, poi a un certo punto vira sul regisro di dialoghi sterminati, o ...(continue)

    Posso dire che alla fine a me questo libro non è piaciuto così tanto? Partito benissimo, al punto da far sembrare di essere davanti a un romanzo epico di altri tempi e di altre levature, poi a un certo punto vira sul regisro di dialoghi sterminati, oziosi, quasi, che intorbidano la narrazione al punto da farti perdere spesso l'orientamento. Se non fosse per qualche riflesso indiretto del contesto storico, che rimane sullo sfondo in modo un po' posticcio, non si riuscirebbe nemmeno a dare un'età a personaggi che parlano un lingiaggio elevatissimo e dalla finissima capacità introspettiva, al limite del credibile, e a volte anche un bel po' più in là.

    Is this helpful?

    Idreno said on Jun 16, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book