Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'arte di ascoltare i battiti del cuore

By Jan-Philipp Sendker

(759)

| Softcover | 9788854503564

Like L'arte di ascoltare i battiti del cuore ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

A Kalaw, una tranquilla città annidata tra le montagne birmane, vi è una piccola casa da tè dall'aspetto modesto, che un ricco viaggiatore occidentale non esiterebbe a giudicare miserabile. Il caldo poi è soffocante, così come gli sguardi degli avven Continue

A Kalaw, una tranquilla città annidata tra le montagne birmane, vi è una piccola casa da tè dall'aspetto modesto, che un ricco viaggiatore occidentale non esiterebbe a giudicare miserabile. Il caldo poi è soffocante, così come gli sguardi degli avventori che scrutano ogni volto a loro poco familiare con fare indagatorio. Julia Win, giovane newyorchese appena sbarcata a Kalaw, se ne tornerebbe volentieri in America, se un compito ineludibile non la trattenesse lì, in quella piccola sala da tè birmana. Suo padre è scomparso. La polizia ha fatto le sue indagini e tratto le sue conclusioni. Tin Win, arrivato negli Stati Uniti dalla Birmania con un visto concesso per motivi di studio nel 1942, diventato cittadino americano nel 1959 e poi avvocato newyorchese di grido... Un giorno in cui sua madre, riordinando la soffitta, non ha trovato una lettera di suo padre. La lettera era indirizzata a una certa Mi Mi residente a Kalaw, in Birmania, e cominciava con queste struggenti parole: "Mia amata Mi Mi, sono passati cinquemilaottocentosessantaquattro giorni da quando ho sentito battere il tuo cuore per l'ultima volta". Una pura, indimenticabile lettera d'amore che ha scosso profondamente Julia. Il desiderio di scoprire i segreti del padre, e magari persino di ritrovarlo, si è fatto così irresistibile che Julia ha deciso di partire immediatamente per Kalaw, quella piccola città annidata tra le montagne, dove tutto ora le appare estraneo.

264 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Tre stelle e mezza...

    ... perché la storia di Tin Win è molto bella, delicata e poetica, ma quando questa viene interrotta e ci si ritrova nel presente, con la figlia, tutta la poeticità passa e arriva l'inutilità. Che senso ha inserire questo personaggio? Non si poteva t ...(continue)

    ... perché la storia di Tin Win è molto bella, delicata e poetica, ma quando questa viene interrotta e ci si ritrova nel presente, con la figlia, tutta la poeticità passa e arriva l'inutilità. Che senso ha inserire questo personaggio? Non si poteva trovare un altro modo per raccontare questa storia senza il pretesto di inserire una figlia, affermato avvocato, che molla tutto e parte per la Birmania dopo quattro anni che il padre è sparito?
    Tutto questo rovina un po' il libro, a mio parere, che sarebbe davvero meraviglioso se raccontasse solo di Tin Win e Mi Mi.

    Is this helpful?

    Frencina said on Sep 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Al plagio!

    Non il mio genere. No. Proprio no. Una grandissima soap, con tutti gli ingredienti del caso: l'amore ostacolato, le lettere scritte ma sottratte dal cattivo, l'handicap fisico a cui però l'amore vero non bada, il colpo di scena prevedibile dall'iniz ...(continue)

    Non il mio genere. No. Proprio no. Una grandissima soap, con tutti gli ingredienti del caso: l'amore ostacolato, le lettere scritte ma sottratte dal cattivo, l'handicap fisico a cui però l'amore vero non bada, il colpo di scena prevedibile dall'inizio del libro.Molto melenso, molto melodrammatico, molto falso, molto clericale. Uno di quei libri (di quegli autori) che si credono il nuovo messia e che in realtà ti non ti vendono neanche l'invenzione dell'acqua calda. A cominciare dalla citazione di Saint-Exupéry, l'essenziale è invisibile agli occhi, che Senker cerca di far passare per sua. Tremendo.

    Is this helpful?

    Clara Mazzi said on Sep 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'arte...

    Bella storia strappalacrime indubbiamente, la narrazione molto serrata e veloce permette una buona lettura senza molti fronzoli, una figlia alla ricerca di una verità, che come molte verità non è mai come la vorremmo noi, ma che comunque alla fine vi ...(continue)

    Bella storia strappalacrime indubbiamente, la narrazione molto serrata e veloce permette una buona lettura senza molti fronzoli, una figlia alla ricerca di una verità, che come molte verità non è mai come la vorremmo noi, ma che comunque alla fine viene accettata e con anche una bella sorpresa finale.
    La storia è bella e merita di essere letta, poteva essere sviluppata meglio e le espressioni filosofiche spirituali sugli insegnamenti della vita a volte sembrano un po' spicciole, ma è comunque una bella storia e per chi ha voglia di piangere, sembra fatta apposta...

    Is this helpful?

    Angelo Anselmo said on Aug 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    banale. sembra la stesura di uno scrittore alle prime armi. trama semplice, storia diluita con alcune pause strategiche, domande inutile sempre prive di risposta, nessuna emozione. assolutamente sopravvalutato.

    Is this helpful?

    intero said on Aug 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sopravvalutato

    Una bella storia d'amore, con qua là qualche bella frase (di quelle da condividere su facebook...), ma niente di più. Commuovente a tratti, non è un romanzo imperdibile. Leggendo le belle recensioni che ha avuto, mi aspettavo molto di più.

    Is this helpful?

    Alessio Pellegrini said on Aug 5, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Era lì. Il battito del suo cuore."

    "E in mezzo a tutto quel crepitare, quello scricchiolare, quel mormorare, quel tubare e quel sgocciolare, scorrere e fischiettare, si distingueva quell'inconfondibile e inequivocabile battito. Lento, tranquillo, uniforme. Come se fosse l'origine, la ...(continue)

    "E in mezzo a tutto quel crepitare, quello scricchiolare, quel mormorare, quel tubare e quel sgocciolare, scorrere e fischiettare, si distingueva quell'inconfondibile e inequivocabile battito. Lento, tranquillo, uniforme. Come se fosse l'origine, la fonte di tutti i rumori, i suoni e le voci della terra. Era forte e delicato al tempo stesso. (...) Tin Win si avvicinò ancora e appoggiò l'orecchio sul petto dell ragazza.

    Era lì. Il battito del suo cuore.

    Anche il cuore di Tin Win cominciò a battere all'impazzata. Capì che quello che stava sentendo gli rivelava qualcosa che non avrebbe dovuto sapere".

    "L'arte di ascoltare i battiti del cuore" rappresenta più che un romanzo un vero e proprio tesoro.
    E' uno di quei libri che inizi quasi per soffocare le emozioni che il romanzo letto in precedenza ha suscitato in te, per ovviare alla malinconia che segue dopo aver chiuso un libro e lasciato dietro (o forse sarebbe più giusto dire dentro) di te i suoi protagonisti... Oppure è uno di quei romanzi che compri svogliatamente, giusto per capire fino a che punto questo Jan-Philipp Sendker sia in grado di farti venire il diabete. E lo inizi proprio per questo. Come se fosse una sorta di sfida, con te stesso o con l'autore/autrice dell'ultimo romanzo che ti ha tenuto sveglio sino a notte fonda.
    Lo inizi, fai la conoscenza di Julia e prendi conoscenza dell'improvvisa scomparsa del padre, svanito nel nulla. Le ultime sue tracce portano in Birmania, ma... lì si perdono.
    Ti chiedi allora se hai in mano un thriller o se, invece, non hai capito un bel nulla di quel piccolo tesoro che stai imparando a conoscere. Sicché, continui la lettura e prendi il volo con Julia, arrivando alla lontana Birmania, in un luogo ricco di tradizioni, superstizioni, povertà, contraddizioni. In un luogo senza tempo, dove tutto sembra essere immobile.
    L'autore riesce a catapultarti, nel giro di pochissime pagine, in due differenti epoche. Una, che potrebbe essere quella nostra, quella odierna... E l'altra, precedente al conflitto mondiale, dove le tensioni tra i vari paesi potevano quasi esser toccate, tanto erano concrete e pesanti.
    E così fai la conoscenza col padre di Julia. Impari a conoscerlo sin da bambino, quando viene rifiutato dai genitori perché "nato in un mese poco propizio", perché considerato porta sfortuna (quasi fosse stato lui la causa delle sventure della sua famiglia, inclusa la morte del padre), che viene abbandonato dalla madre e che ben presto perderà la vista.
    Tin Win però è un bambino speciale. E la sua vicina lo capisce subito, prendendosene cura quotidianamente. Quando Su Kyi capisce che Tin Win è cieco, quando comprende che da sola non può farcela, lo porta in un monastero dove, sotto la guida di U May, il Maestro, il bambino prima e ragazzo poi, comprenderà che non esistono solo gli occhi per vedere il mondo... Comprenderà che "L'essenziale è invisibile agli occhi".
    Tin Win imparerà ad ascoltare tutto ciò che lo circonda e imparerà un'arte ancora più fine eppure più potente di ogni altra: quella di ascoltare i battiti del cuore. Grazie a essa, farà la conoscenza di Mi Mi, il suo eterno amore. Colei che lo aiuterà a scoprire cos'è l'amore e soprattutto colei che lo aiuterà a sconfiggere il più potente dei demoni, la paura.
    Tin Win e Mi Mi ben presto diventeranno inseparabili. Non possono, non riescono a stare l'una senza l'altro. Insieme si completano. Lui vede il mondo attraverso gli occhi e i battiti del cuore di Lei. Lei, invece, esplora il mondo, quel mondo che l'ha vista strisciare a causa di una deformazione ai piedi, sulle spalle di Lui.
    E non potrà neppure la cattiveria dello zio di Tin Win, U Saw, dividerli. L'Amore, nonostante gli anni che passano, incessanti e senza remore, nonostante l'assenza di notizie, riesce a sopravvivere, alimentandosi della consapevolezza d'appartenersi. Tin Win e Mi Mi, infatti, s'appartengono.
    Lo avevano capito tutti, nel villaggio.

    Questo è uno di quei romanzi che finisci in lacrime, che non ti fa trattenere. Che scatena in te un misto d'emozioni difficili da descrivere. Dolcezza, malinconia, desiderio. Nostalgia.
    Un romanzo che mi ha insegnato molto, nella sua disarmante semplicità. Non è uno di quei romanzi banali, dove due innamorati si struggono per la lontananza, dove lei piange disperata per l'assenza di lui. No. Non aspettatevi nulla di tutto ciò.

    Questo è un romanzo che, prescindendo dalle recensioni (positive o negative) che possono leggersi sul web, per essere compreso richiede un'immedesimazione totale, ora in Julia, ora in Mi Mi, ora in Tin Win.

    Rappresenta uno di quei libri che, non appena hai finito di leggere ti fa riflettere. Finirlo in lacrime, col cuore a mille e una morsa dello stomaco... Qualcosa vorrà pur dire. E ti farà dire: "Sono ancora capace d'emozionarmi. Esistono ancora scrittori che sanno toccare le corde del cuore".

    Consigliatissimo :)

    Is this helpful?

    Lexie. said on Aug 1, 2014 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (759)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Softcover 315 Pages
  • ISBN-10: 8854503568
  • ISBN-13: 9788854503564
  • Publisher: Neri Pozza
  • Publish date: 2009-07-01
  • Also available as: Paperback , eBook
  • In other languages: other languages Deutsche Bücher
Improve_data of this book