Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'arte di correre

By Haruki Murakami

(981)

| Paperback | 9788866213109

Like L'arte di correre ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Lo straordinario autoritratto di uno scrittore-maratoneta

Quando, nel 1981, Murakami chiuse Peter Cat, il jazz bar che aveva gestito nei precedenti sette anni, per dedicarsi solo alla scrittura, ritenne che fosse anche giunto il momento di camb Continue

Lo straordinario autoritratto di uno scrittore-maratoneta

Quando, nel 1981, Murakami chiuse Peter Cat, il jazz bar che aveva gestito nei precedenti sette anni, per dedicarsi solo alla scrittura, ritenne che fosse anche giunto il momento di cambiare radicalmente abitudini di vita: decise di smettere di fumare sessanta sigarette al giorno, e - poiché scrivere è notoriamente un lavoro sedentario e Murakami per natura tenderebbe verso una certa pinguedine - di mettersi a correre. Da allora, di solito scrive quattro ore al mattino, poi il pomeriggio corre dieci o più chilometri. Qualche anno più tardi si recò in Grecia dove per la prima volta percorse tutto il tragitto classico della maratona. L'esperienza lo convinse: da allora ha partecipato a ventiquattro di queste competizioni, ma anche a una ultramaratona e a diverse gare di triathlon. Scritto nell'arco di tre anni, "L'arte di correre" è una riflessione sulle motivazioni che ancora oggi spingono l'ormai sessantenne Murakami a sottoporsi a questa intensa attività fisica che assume il valore di una vera e propria strategia di sopravvivenza. Perché scrivere - sostiene Murakami - è un'attività pericolosa, una perenne lotta con i lati oscuri del proprio essere ed è indispensabile eliminare le tossine che, nell'atto creativo, si determinano nell'animo di uno scrittore. Al tempo stesso, questo insolito libro propone però anche illuminanti squarci sulla corsa in sé, sulle fatiche che essa comporta, sui momenti di debolezza e di esaltazione che chiunque abbia partecipato a una maratona avrà indubbiamente provato.

795 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    per quanto si avanzi negli anni,finchè si campa si scopre sempre qualcosa di nuovo su se stessi

    e correndo,mattino dopo mattino,si elaborano le scoperte facendole proprie

    Is this helpful?

    Jane Austen said on Jul 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi è piaciuta la parte iniziale , poco interessante la parte descrittiva delle sue gare, mi interessava conoscere più le sue motivazioni e la sua "filosofia"

    Is this helpful?

    Lcogliati said on Jul 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Se mi chiedessero qual è la qalità più importante per uno scrittore dopo il talento, direi senza esitare la capacità di concentrazione... Chi non è capace di fare questo non riuscirà a portare a compimento nulla di buono... Dopo la capacità di conce ...(continue)

    "Se mi chiedessero qual è la qalità più importante per uno scrittore dopo il talento, direi senza esitare la capacità di concentrazione... Chi non è capace di fare questo non riuscirà a portare a compimento nulla di buono... Dopo la capacità di concentrazione, viene la perseveranza. Per fortuna la capacità di concentrazione e la perseveranza... con l'allenamento si possono acquisire e coltivare, anche potenziare."
    ---
    "Perché quando faccio qualcosa, qualunque essa sia, se non mi ci dedico anima e corpo non concludo nulla... Quando ho un progetto, mi ci butto a capofitto... se dovessi fallire perché ho fatto le cose a metà, probabilmente me ne pentirei finché campo."
    ---
    "Il motivo del mio smacco mi era chiarissimo. Non mi ero allenato abbastanza, non mi ero allenato abbastanza, non mi ero allenato abbastanza. Tutto qui."

    Is this helpful?

    Cr said on Jul 20, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quando Correre all'infinito diventa Arte...

    Disciplina, umanità, forza e coraggio.
    Un libro che fa sentire i propri limiti fisici meno invalidanti, un libro che mette volontà nelle scarpe e fa andare lontano.

    "Tagliare il traguardo è stata un'emozione, poi accompagnato dalle note trionfali de ...(continue)

    Disciplina, umanità, forza e coraggio.
    Un libro che fa sentire i propri limiti fisici meno invalidanti, un libro che mette volontà nelle scarpe e fa andare lontano.

    "Tagliare il traguardo è stata un'emozione, poi accompagnato dalle note trionfali del Theme from Rocky, andarmene via con noncuranza, senza fretta, nella luce del tramonto. In realtà, fino al momento della gara, nel mio cuore avevo cullato la speranza che questo sogno si avverasse. Era il mio piano A. Un piano magnifico.
    Purtroppo però nella realtà le cose non sempre vanno come si vorrebbe. A un certo punto della nostra vita, quando abbiamo veramente bisogno di risposte chiare, chi viene a bussare alla nostra porta di solito è qualcuno che ci porta cattive notizie. Non si può dire che sia sempre così, ma per esperienza so che il più delle volte la notizia è deludente. Il messaggero porta la mano al berretto con l'aria di scusarsi, ma questo non rende più lieto il contenuto della lettera che ci consegna. Non è colpa sua. Non possiamo prendercela con lui. Non possiamo afferrarlo per il bavero e scuoterlo avanti e indietro . Il poveraccio non fa che svolgere onestamente il compito che gli è stato affidato. Da chi? Bè, dalla realtà.
    E' per questo che noi essere umani abbiamo bisogno di un piano B."

    Is this helpful?

    Elisa said on Jul 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Talento - concentrazione - perseveranza

    "Ciò che conta per me, per il corridore che sono, è tagliare un traguardo dopo l'altro, con le mie gambe. Usare tutte le forze che sono necessarie, sopportare tutto ciò che devo, e alla fine essere contento di me.
    Imparare qualcosa di concreto - pic ...(continue)

    "Ciò che conta per me, per il corridore che sono, è tagliare un traguardo dopo l'altro, con le mie gambe. Usare tutte le forze che sono necessarie, sopportare tutto ciò che devo, e alla fine essere contento di me.
    Imparare qualcosa di concreto - piccolo finché si vuole, ma concreto - dagli sbagli che faccio e dalla gioia che provo. E gara dopo gara, anno dopo anno, arrivare in un luogo che mi soddisfi. O almeno andarci vicino".

    Is this helpful?

    Pierica said on Jun 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro che bisogna saper leggere

    Non ho dato 5 stelle perché è un libro particolare. E' una sorta di introspezione dell'autore relativa al mondo running.
    Temo - dico temo - che alcuni passaggi possano essere ritenuti folli o esagerati per chi non ha abbastanza "chilometri sulle gamb ...(continue)

    Non ho dato 5 stelle perché è un libro particolare. E' una sorta di introspezione dell'autore relativa al mondo running.
    Temo - dico temo - che alcuni passaggi possano essere ritenuti folli o esagerati per chi non ha abbastanza "chilometri sulle gambe".

    Ci sono cose che solo chi corre da un po' e su lunghe distanze può capire. Io l'ho apprezzato molto, ha risvegliato molto la mia passione, nonostante fosse già molto forte.

    Non avevo mai letto nulla di suo: non mancherò!

    Is this helpful?

    Merlinox said on Jun 25, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book