Las cuatro estaciones

By

Publisher: Orbis-Fabri

4.3
(3171)

Language: Español | Number of Pages: 472 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Chi traditional , English , Chi simplified , Italian , French , Dutch , German , Portuguese , Polish , Czech , Russian

Isbn-10: 844022074X | Isbn-13: 9788440220745 | Publish date: 

Translator: José Manuel Álvarez Flórez

Also available as: Paperback

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Las cuatro estaciones ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    L'eterna primavera della speranza - Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank
    L'estate della corruzione - Un ragazzo sveglio
    L'autunno dell'innocenza - Il corpo
    Una storia d'inverno - Il metodo di re ...continue

    L'eterna primavera della speranza - Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank
    L'estate della corruzione - Un ragazzo sveglio
    L'autunno dell'innocenza - Il corpo
    Una storia d'inverno - Il metodo di respirazione

    Sono le storie di Andy, banchiere in carcere con l’accusa d’aver assassinato la moglie. Del tredicenne Todd che riconosce nel signor Denker il vecchio nazista Dussander. Dei quattro amici adolescenti che trovano il corpo senza vita di un loro coetaneo. Di David, notaio di mezz’età che ascolta il dr. McCarron raccontare la storia di un parto che nulla ha di “naturale”.
    King afferma d'aver scritto ciascuno di questi racconti subito dopo aver terminato un romanzo, come se ultimata l’opera fosse rimasto nel serbatoio ancora carburante sufficiente per dar vita a una novella. “Il corpo”, il racconto più vecchio, fu scritto subito dopo “Salem’s Lot”; “Un ragazzo sveglio” seguì “The Shining”; “Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank” prese vita conclusa “La zona morta”; “Il metodo di respirazione”, il più recente, dopo “L’incendiaria”.

    Il mio primo incontro col Re fu infelice. Lo abbandonai e non lo cercai più. Ci ho riprovato dopo decenni su consiglio di una carissima amica. L’ho fatto con Stagioni diverse. Inquietante quanto basta, lo definirei più drammatico che orrorifico. Drammatico perché il raccapriccio fra le pagine in fondo è niente rispetto a quello che s’insinua nel quotidiano. Riflettendoci, c’è più malinconia che vizio, tenerezza più che avversione.
    Non è il mio genere, però la scrittura è davvero notevole. King traccia con grande capacità gli stati d’animo tutti. Non sento d’essergli diventata amica. Non ancora, almeno. Tengo le distanze, come fanno quei gatti curiosi ma diffidenti.
    E a proposito di gatti: King! Il gatto nel forno non me lo dovevi mettere! Non si fa. Imperdonabile!

    P.S. Fastidiose le “d” eufoniche nella traduzione del secondo racconto. Non le digerisco. Problema mio, direte. Ma tant’è.

    said on 

  • 3

    Secondo me l'autore ha cercato di far sembrare i bambini dei duri, ma ha ottenuto solo dei bambini "ridicoli". MI sembra abbastanza difficile che bambini di dieci anni fumino e cerchino cadaveri; nono ...continue

    Secondo me l'autore ha cercato di far sembrare i bambini dei duri, ma ha ottenuto solo dei bambini "ridicoli". MI sembra abbastanza difficile che bambini di dieci anni fumino e cerchino cadaveri; nonostante ciò l'autore è riuscito a farmi affezionare ai ragazzi e a non riuscire più a contenere la "foga" di scoprire il finale.

    Nicolò - Prima media

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    0

    不是每個故事,都有美好結局

    四篇故事的三篇都改編成電影,動力完全來自於首篇。我先看電影,再看小說。史蒂芬金自己在後記裡說,中篇的故事很難印也很難賣。但鯊堡的救贖這個106頁的故事改編成電影,導演幾乎照實把小說所有的情節搬演一遍,拍完還不到兩個半小時差不多剛剛好。有人寫這是基度山恩仇記的變形,我覺得只有被關起來像而已。

    兩位電影男主角的人種身高設定跟小說不同,但這一點也不妨礙情節的推展。典獄長諾頓被演得很好,原著裡帶來謀殺案真 ...continue

    四篇故事的三篇都改編成電影,動力完全來自於首篇。我先看電影,再看小說。史蒂芬金自己在後記裡說,中篇的故事很難印也很難賣。但鯊堡的救贖這個106頁的故事改編成電影,導演幾乎照實把小說所有的情節搬演一遍,拍完還不到兩個半小時差不多剛剛好。有人寫這是基度山恩仇記的變形,我覺得只有被關起來像而已。

    兩位電影男主角的人種身高設定跟小說不同,但這一點也不妨礙情節的推展。典獄長諾頓被演得很好,原著裡帶來謀殺案真相的湯米小子只是被諾頓轉到別的監獄,但電影裡他在監獄外的牆邊被諾頓滅口。諾頓在小說裡最後只是辭職退休,到了電影裡面對司法機關的追捕,卻拿出了手槍向自己的下巴轟了一槍。前一個鏡頭諾頓抵住下巴的位置跟下一個鏡頭槍傷的位置不一樣,是整部電影最明顯的goof。導演沒把戲連好,據說他後來很後悔一直想重拍這一幕,但他的改編更精彩。大師已經很喜歡把人弄死了,導演還多附贈兩個。

    小說也給我一些知識。現代水泥是1870年才發展出來的,而混凝土更要等到21世紀。工程界一直嘗試水跟砂石的最佳比例,所以在30年代做出豆腐渣或者海砂屋很正常。不過到了今天,水泥在灌注良好的條件下可以維持一百年甚至更久的時間,苦幹實幹紅葉少棒的時代已經過去了。

    回頭讀小說,最震撼的情節是紅頭不敢想像安迪怎麼能忍受那種惡臭跟污水,爬了五個美式足球場的距離,而且儘管他讀過監獄的建築藍圖,仍有未知的變數。「萬一安迪鑽進污水管,在黑暗和惡臭中幾乎不能呼吸地爬了五百碼後,卻發現盡頭是一堵厚實的鐵柵欄的話,哈哈,不是太好笑了嗎!」對啊,那樣該怎麼辦?我一點也笑不出來。

    電影製造了幾個重疊,被體制化的老人布魯克離開監獄以後不能適應外面的社會上吊自殺,而紅頭從年輕時誠惶誠恐地假釋面談,到年老時看盡千帆後的滿不在乎,卻一步步朝布魯克的路上走,這幾段也是原著小說沒有做出來的效果。紅頭在獄裡曾經告誡安迪,「希望是危險的。」是我對摩根費里曼的口氣印象最深刻的一句話,小說裡也沒有。但至少最後的畫面,費里曼照著原著唸出最後幾句話,「我希望太平洋就跟我夢中所見的一樣蔚藍,我希望。」

    我是為了鯊堡救贖才借了這本書的。看完最熟悉的情節以後書就一路放到過期的最後幾天才繼續翻。不過果然也沒有最初的好看。就像之前在廣播節目上聽過的,曾經在你心中掀起洶湧波濤的作品,作者之後無論如何再接再厲都很難重現那份震撼。納粹追凶是剩下三篇中最驚聳的故事,除了慢慢挖掘出人性邪惡的一面,還從內而外,披著溫文儒雅的外衣將殘酷推向無辜無助的小動物跟流浪漢。你一面看會一面想,如果沒有後來的殺戮,那麼無論兩位主角如何爾虞我詐勾心鬥角,最後仍然沒什麼大不了的,不過是小孩跟老人的口述歷史罷了。只是兩人最後都耐不住彼此挑起的恐怖記憶,將彼此推向無盡深淵。這篇的佈局非常完整,初期描述毫不起眼的細節,後面會變成攸關生死的關鍵,好像看了一篇推理小說。前面撒了一個謊,後面要用更大的謊來圓,彷彿春蠶吐絲,作繭自縛,自個兒把自個兒逼進了黑洞裡。納粹的幽魂過了七十年仍能攝惑人心,並讓遙遠的年輕世代付出生命的代價。

    以前對總要找到你的電影只有主題曲的記憶,看完了全篇以後仍然只有主題曲值得一提。洋溢著青春氣息的回憶,這篇的敘述口吻很容易看成大師的半自傳,懷疑裡頭的情節到底有幾分真實。那些在大人眼中不值一哂的小奸小惡或憂慮悲傷,卻是少年們鋪天蓋地的沈重壓力。但由於背景離我成長無論時空都太過遙遠,因此也得不到多少共鳴,要勉強讀下去才能度過那些冗長平淡的情節,插了兩篇小說裡的小說,一篇毫無頭緒,另一篇開懷大笑以後發覺笑點不過是誇張跟噁心,跟陳小魚講到尿尿跟大便就會露出酒窩沒什麼差別。我想這是典型的公路電影,一夥人走向未知的旅途,只是沒有車開。你也許會嘆息改編成電影以後演員跟劇中角色一樣早逝,但最可惜的是這些人物的逝世,跟前面一大篇的情節其實沒有什麼關連,欠缺了頭尾呼應的張力。相反地,鯊堡救贖或納粹追凶都能予人恍然大悟之感。

    最後一篇呼吸在前面的介紹中都說是全本書最符合大師本格派的作品,讓人非常期待。結果採用了鏡框式的劇中劇架構,鋪陳了一大段俱樂部的敘述卻沒有給什麼答案,最後的高潮情節恐怖程度又遠不及大師其他名作,份量跟內容都是四篇當中最弱的。如果重寫可能會好一點。

    said on 

  • 0

    Ho letto i primi due racconti: "Rita Hayworth e la redenzione di Shawshan" e "Un ragazzo sveglio". King è un buon narratore, entrambi i racconti sono ben costruiti, e sarebbero anche avvincenti, ma pu ...continue

    Ho letto i primi due racconti: "Rita Hayworth e la redenzione di Shawshan" e "Un ragazzo sveglio". King è un buon narratore, entrambi i racconti sono ben costruiti, e sarebbero anche avvincenti, ma purtroppo sono prolissi. E' soprattutto "Un ragazzo sveglio" ad essere insopportabilmente tirato per le lunghe (oltre 200 pagine, poteva tranquillamente essere dimezzato senza nulla perdere). Chiedo scusa ai tanti fan di King. Non metto le stelle (sarebbero al massimo due) perchè ho abbandonato a metà. Addio King!

    said on 

  • 0

    Belle trame.
    Forse.
    Credo.

    Lo saprei con certezza se non mi cadesse continuamente la testa sulle pagine, tramortita dalla scrittura più pallosa di sempre.

    said on 

  • 4

    Un King che esce dal seminato dell'horror (quasi), Different Seasons è una raccolta di novelle che lo zione aveva scritto nel corso degli anni precedenti alla pubblicazione, tutte diversissime tra lor ...continue

    Un King che esce dal seminato dell'horror (quasi), Different Seasons è una raccolta di novelle che lo zione aveva scritto nel corso degli anni precedenti alla pubblicazione, tutte diversissime tra loro.
    * Rita Hayworth and Shawshank Redemption è una storia sulla libertà, pura e semplice, sull'amicizia e sui sogni.
    * Apt Pupil è forse la più oscura delle quattro. Anche se l'orrore esplicito latita, il rapporto malato e ossessivo che si instaura tra i due protagonisti è quanto di più inquietante King abbia mai scritto.
    * The Body è un racconto di formazione all'apparenza molto scanzonato, ma nasconde in sé i germi della tematica cara a King dell'amicizia infantile e della perdita dell'innocenza e della magia nel passaggio all'età adulta, temi che saranno sviluppati appieno nel capolavoro It.
    * The Breathing Method è forse il più kinghianamente classico dei quattro, una storia orrorifica dal finale dolceamaro che pecca di prolissità nella prima parte.

    said on 

  • 4

    Quattro storie raccapriccianti, ma allo stesso tempo intriganti e appassionanti. Tre di queste diventeranno un film, Stand by me, L'allievo e il capolavoro Le ali della Libertà. Da leggere assolutamen ...continue

    Quattro storie raccapriccianti, ma allo stesso tempo intriganti e appassionanti. Tre di queste diventeranno un film, Stand by me, L'allievo e il capolavoro Le ali della Libertà. Da leggere assolutamente se si ama il genere horror. King è un maestro in questo genere, fa veramente paura, non annoia e stupisce.

    said on 

  • 4

    Non sono un appassionato lettore di Stephen King: ne ho apprezzato il breve saggio sulla storia della letteratura dell’orrore “Dance macabre”, e tanti film tratti dai sui libri, ma che non ho mai volu ...continue

    Non sono un appassionato lettore di Stephen King: ne ho apprezzato il breve saggio sulla storia della letteratura dell’orrore “Dance macabre”, e tanti film tratti dai sui libri, ma che non ho mai voluto leggere un po’ per la loro mole (non meno di 3-400 pagine) un po’ proprio perché i film, se visti prima, tolgono interesse a romanzi che ti trascinano nella loro lunghezza soprattutto per vedere “come andranno a finire” e come verrà sciolto (se lo verrà) il mistero che ne è alla base.
    Per questo tomo (più di 400 pagine anche questo) ho fatto un ‘eccezione. Innanzitutto perché non si tratta di un unico romanzo, ma di 4 racconti (anche se uno solo di essi non raggiunge le 100 pagine, ed un altro ne supera abbondantemente le 200!), o romanzi brevi che dir si voglia, e si possono quindi anche leggere in tempi diversi; poi perché rappresentano, forse, il meglio di quanto King abbia mai scritto: o (almeno) tra di essi c’è quella storia che anche su pellicola mi aveva colpito di più in tutta la vasta produzione di S.K. , quella che nettamente si distingue dalle altre per la sua “diversità”: “Stand by Me”(al cinema) o “Il Corpo” (nelle prime edizioni cartacee).
    Già il film di R.Reiner (con River Phoenix, Kiefer Sutherland, e Richard Dreyfuss) era un vero e proprio gioiellino, e mi aveva meravigliato come una storia così delicatamente melanconica, così sottile e soffusa nel raccontare le vicende di quattro ragazzini in cerca del cadavere di un loro coetaneo sconosciuto (è la radio che ha diffuso la notizia della sua sparizione), il loro superamento dell’infanzia e dell’innocenza grazie (tramite questa “caccia al morto”) al loro primo reale incontro con la morte, così lontana da ogni effetto artificioso creato ad arte per generare quella paura, angoscia e terrore (che davano a King una sorta di “marchio di fabbrica”) fosse il prodotto di quello stesso autore.
    Per questo il racconto in qualche modo l’avevo già letto; ma l’ho riletto, ora, e con grande piacere (da solo vale pienamente le“5 stellette” riservate ai capolavori), insieme agli altri tre che formano la raccolta.
    Degli altri uno solo, “Il metodo di respirazione” (l’ultimo e il più breve) non è ancora mai stato soggetto cinematografico, ed è l’unico dove fa capolino in qualche modo (ma solo verso il finale) il “sovrannaturale” e che quindi si inserisce forse più degli altri nel solco del classico Stephen King.
    Quanto a al primo (Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank) fu il soggetto di “Le ali della libertà”, film con Tim Robbins e Morgan Freeman che non ho mai veduto, è la storia di ambiente carcerario che finisce con una sorprendente evasione. Della medesima ambientazione gli ho preferito, e di gran lunga il più fantasioso (e fantastico) “Miglio Verde”, o almeno il film con Tom Hanks, non avendo letto il romanzo. Da solo comunque vale più di “3 stellette”.
    Quanto al secondo (“Un ragazzo sveglio”) è il più lungo e complesso dei quattro. Anche nella sua struttura segue più le regole del romanzo che quelle del racconto, e forse per questo soffre di mancanza di concisione e della forza degli altri tre. Tratta del fascino che un adolescente intelligente ma introverso e solitario può subire dalle forze oscure del male e della morte (fino a tramutarlo in uno di quei mostri che continuano ad apparire a genitori, insegnanti e vicini un” tanto bravo ragazzo”) attraverso il contatto con un vicino di casa che solo lui riconosce come un ex comandante di Lager nazista, rifugiatosi in America dopo la guerra, naturalmente sotto falsa identità. Ne fu tratto un film (di non grande successo): “L’Allievo” che vidi alcuni anni fa in televisione e che mi risultò interessante anche se non indimenticabile, con Ian McKellen (il Gandalf del Signore degli anelli) e forse non del tutto riuscito. Comunque migliore dello stesso romanzo o racconto che dir si voglia, ambizioso ma non pienamente sviluppato, e per alcuni aspetti non del tutto convincente: tra le 2 e le 3 stellette come giudizio finale.
    4 stelle invece (e forse anche qualcosa di più) le merita tutte il quarto ed ultimo: quello che più degli altri segue le regole del racconto classico, e che in qualche modo io avvicinerei più a una novella di E.A. Poe che a un tipico Stephen King: una narrazione in prima persona di un fatto avvenuto in passato, un lento calarsi dal mondo del razionale quotidiano a un luogo dove alcune cose non trovano una spiegazione logica (piccoli misteriosi indizi ) e solo verso la fine una scena di horror che ci vede già preparati ad aspettarla e ad accettare l’inspiegabile per ciò che è, quello che è destinato a restare un mistero.
    Nella media 4 stelle al libro nel suo complesso.

    said on 

  • 3

    Questo libro è stato il mio primo incontro con King. Snobbato fino ad oggi, non ho resistito quando ho letto una sua dichiarazione dove diceva che il film "le ali della libertà" è il migliore tra quel ...continue

    Questo libro è stato il mio primo incontro con King. Snobbato fino ad oggi, non ho resistito quando ho letto una sua dichiarazione dove diceva che il film "le ali della libertà" è il migliore tra quelli tratti dai suoi scritti, nonché uno dei miei film preferiti.
    E devo dire che il racconto che apre il libro, primavera, è bellissimo, emozionante tanto quanto il film.
    Il secondo lungo racconto, estate, non mi ha preso, invece. Tanti nuovi personaggi compaiono soprattutto alla fine ma poi il racconto sembra chiuso frettolosamente. La storia non appassiona.
    Il terzo, autunno un po' meglio del secondo ma anche qui... tante pagine e non prende, se non la parte finale.
    L'ultimo, inverno, invece si rialza con un bel racconto che arriva ai picchi del primo.

    said on 

  • 3

    很難決定要給三星或四星...

    這是我第一本史蒂芬˙金的小說...
    由四個單篇構成...
    "麗泰海倫絲與蕭山克監獄的救贖",也就是電影"刺激1995"的原稿,由獄友寫下的日記描述了越獄的始末,跟電影一樣好看啊!!若能分別評分,五星實至名歸!

    "納粹追兇"與"總要找到你"這兩篇完全拖垮了閱讀的進度,雖說相當喜愛犯罪小說,就算描寫多殘忍的犯案過程,也沒覺得噁心不舒服過.....但...."納粹追兇"著實 ...continue

    很難決定要給三星或四星...

    這是我第一本史蒂芬˙金的小說...
    由四個單篇構成...
    "麗泰海倫絲與蕭山克監獄的救贖",也就是電影"刺激1995"的原稿,由獄友寫下的日記描述了越獄的始末,跟電影一樣好看啊!!若能分別評分,五星實至名歸!

    "納粹追兇"與"總要找到你"這兩篇完全拖垮了閱讀的進度,雖說相當喜愛犯罪小說,就算描寫多殘忍的犯案過程,也沒覺得噁心不舒服過.....但...."納粹追兇"著實讓人從血液就覺雞皮疙瘩,散發的惡意是天性,近朱者赤更是無法同情! 至於"總要找到你",嗯....大概是無法理解男孩間的友誼(我是女的),怎樣就是融不入小說@@

    "呼-吸-呼-吸"倒是不錯,講述一個很詭譎的故事,雖說是第一人稱所見所聞,但抽離了主觀情緒,黑色調的節奏讓人忍不住繼續閱讀...

    由於百分之五十的喜好,最終,還是決定給予三顆星!
    (看來史帝芬˙金的恐怖小說實在不合胃口,暫時掰囉~)

    said on 

Sorting by