Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Las llanuras del tránsito

Los hijos de la Tierra, 4

By

Publisher: Círculo de Lectores

3.8
(834)

Language:Español | Number of Pages: 959 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , Italian , Dutch , Swedish , German , Portuguese , Norwegian , Catalan , Polish

Isbn-10: 8422646064 | Isbn-13: 9788422646068 | Publish date: 

Translator: Aníbal Leal

Also available as: Others , Paperback , Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , History , Romance

Do you like Las llanuras del tránsito ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Ayla y Jondalar emprenden de nuevo el camino. Tras su estancia y aprendizaje con los Mamutoi, Jondalar siente el irreprimible deseo de volver de nuevo a su hogar. Ayla le acompaña. Situada en el periodo glacial, hace unos 25.000 años, Las llanuras del tránsito, nueva entrega de la serie de novelas que Jean M. Auel ha decidido denominar genéricamente como "Los hijos de la Tierra", es la más épica de todas sus narraciones. En plena naturaleza, inhóspita e inestable, Ayla y Jondalar inician el último viaje que les llevará a atravesar todo el mundo conocido. Acompañados de los caballos a los que han aprendido a montar y del lobo que cuidaron desde que era un cachorro, ambos atravesarán valles, ríos, planicies y glaciares en una última etapa en busca de un lugar donde asentarse definitivamente. Esta vez, sus pasos les llevarán hasta otras tribus, de las que aprenderán y a las que, también, enseñarán. Marcados por el hecho de vivir con animales, deberán aprender a luchar contra la desconfianza que siembran a su paso, en un viaje duro e inolvidable que durará más de un año.
Sorting by
  • 1

    1/10

    [Recensione cumulativa per i libri 2-3-4 della serie]
    Rimangono tutti i problemi che ho incontrato nel primo volume, aggravati dalla ripetizione a oltranza: Ayla è bella oltre ogni immaginazione e il ...continue

    [Recensione cumulativa per i libri 2-3-4 della serie]
    Rimangono tutti i problemi che ho incontrato nel primo volume, aggravati dalla ripetizione a oltranza: Ayla è bella oltre ogni immaginazione e il personaggio di Jondalar (come pure il triangolo amoroso che segue) serve solo per ripeterlo ogni cinque righe; Ayla è un genio e nel corso di quattro romanzi inventa letteralmente *decine* di oggetti o metodi rivoluzionando da sola la storia dell'umanità; tutti amano Ayla, anche tribù straniere che presto la accolgono come fosse figlia dei loro lombi e specialmente le bestie selvagge omicide, che lei comanda a bacchetta; Ayla è una paladina dei diritti dei più deboli, un pozzo di saggezza, e da sola fa cambiare tradizioni secolari; Ayla insomma è una creatura meravigliosa e superiore alle altre donne (e uomini) sotto tutti i punti di vista. Anche quei piccoli problemi che Ayla aveva avuto nel primo romanzo, quando i suoi pregi venivano considerati dei difetti dai Neanderthal (una cosa penosa, me ne rendo conto, ma Ayla Sue non può avere dei veri difetti), scompaiono: ora Ayla non può neanche nascondersi dietro il dito de "la mia superiorità è un problema per me", è proprio priva di pecche sotto qualsiasi punto di vista che non sia quello dei Kattivi in completa malafede.
    Inoltre, l'autrice ci sommerge con altre centinaia e centinaia di pagine di inforigurgiti su ogni singolo aspetto della vita delle comunità primitive, e quanto più è roba irrilevante ai fini della storia tanto più la Auel è entusiasta. Ma la cosa più disturbante di questi seguiti sono sicuramente gli interminabili, nauseanti resonconti minuto per minuto degli incontri amorosi di Ayla con il suo amato Jondalar: i due lo fanno ogni giorno, più volte al giorno, ovunque e con ogni scusa, perfino guardando dei mammuth che si accoppiano (!), e ogni volta l'episodio è descritto nei più minuti e stucchevoli dettagli - che peraltro si ripetono identici di volta in volta, perché ogni scena erotica è la riscrittura esatta della precedente con minime variazioni di lessico. Sono arrivata a sentirmi male ogni volta che appariva evidente che si sarebbe andati a parare in un rapporto sessuale, tanto nauseante è il modo in cui la Auel tratta la materia.

    said on 

  • 4

    I Figli della Terra, 4

    Il viaggio di ritorno di Ayla e Giondalar attraverso una natura sconfinata.
    Insieme a loro ho sentito la pesantezza dell viaggio, ho quasi perso la speranza di riuscire a concluderlo, ho sofferto la s ...continue

    Il viaggio di ritorno di Ayla e Giondalar attraverso una natura sconfinata.
    Insieme a loro ho sentito la pesantezza dell viaggio, ho quasi perso la speranza di riuscire a concluderlo, ho sofferto la solitudine e desiderato la comparsa di un essere umano. E' stato un viaggio lungo questa volta, ben più di quanto mi aspettassi, una lettura impegnativa ma che ne è valsa la pena.
    Unico punto a sfavore che posso trovare le descrizioni fin troppo dettagliate dei luoghi attraversati: è evidente l'attenta ricerca che l'autrice ha fatto per dare verosimiglianza al mondo da lei creato, ma riempire pagine sulla composizione della flora locale e sulla formazione di fiumi e montagne a lungo andare è controproducente.
    Fino ad ora il mio preferito resta il secondo capitolo della serie, La valle dei cavalli.

    said on 

  • 3

    Este se me ha hecho muy pesado. Hay partes que fuusss... creo que le sobran un montón de páginas. Ya, al final empieza a ponerse interesante otra vez.

    said on 

  • 3

    Este libro se me ha hecho eterno. Si bien es cierto que algunas partes han sido muy interesantes como el encuentro con diferentes pueblos del continente europeo, otras me han parecido aburridas, como ...continue

    Este libro se me ha hecho eterno. Si bien es cierto que algunas partes han sido muy interesantes como el encuentro con diferentes pueblos del continente europeo, otras me han parecido aburridas, como la descripción de los paisajes, así como las continuas repeticiones de partes de libros anteriores. Por no mencionar ya la trama erótica, en la que las continuas descripciones de los actos sexuales aburre.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Il viaggio con la V maiuscola

    Bellissimo. Il migliore della saga forse, con tutto il viaggio di Ayla nelle terre preistoriche. E poi la scena del lupo e Attaroa e fantastica! XD

    said on 

  • 4

    Ayla figlia della terra e i figli di Mut restano al momento i miei preferiti!Questo bellino,perché racconta la storia di un viaggio su un territorio pericoloso,però un po' monotono e spesso..700 e pas ...continue

    Ayla figlia della terra e i figli di Mut restano al momento i miei preferiti!Questo bellino,perché racconta la storia di un viaggio su un territorio pericoloso,però un po' monotono e spesso..700 e passa pagine sono pesanti da leggere,alcune parti descrittrive le saltavo direttamente..

    said on 

  • 3

    Questo romanzo, trafugato dalla libreria di mia figlia, è uno dei volumi della saga "I Figli della Terra": E' la storia di un viaggio di una coppia, accompagnata da due cavalli e un lupo, attraverso u ...continue

    Questo romanzo, trafugato dalla libreria di mia figlia, è uno dei volumi della saga "I Figli della Terra": E' la storia di un viaggio di una coppia, accompagnata da due cavalli e un lupo, attraverso un intero continente, dal Mar Nero fino alla Francia, nell'Era Graciale del Paleolitico Superiore, quando notevoli parti della Terra erano coperte dai ghiacci.. Davanti al lettore scorrono immagini di popoli, animali, ambienti preistorici, scene di caccia, costruzioni di utensili di selce, accensione di fuochi con pietre focaie, la scoperta della fabbricazione della ceramica, e i primi tentativi di addomesticazione di animali. Un pò noiosetto in alcuni passaggi per le troppe descrizioni da trattato di botamica o di zoologia, ripetitive e scontate le scene d'amore tra i due protagonisti, forse tutti quelli che si incontrano sono un pò troppo buoni e bendisposti, c'è una improbabile traversata di un ghiacciaio da parte dei cinque viaggiatori, ma è comunque è la storia, ben scritta e ben costruita, di un viaggio affascinante.

    said on 

  • 2

    Con este libro me ha ocurrido como los demás, mucho contenido pero poca sustancia. Algunas partes del libro hacen que merezca la pena leerlo, pero cuando se pone a describir una y otra vez los parajes ...continue

    Con este libro me ha ocurrido como los demás, mucho contenido pero poca sustancia. Algunas partes del libro hacen que merezca la pena leerlo, pero cuando se pone a describir una y otra vez los parajes que adornan la historia te das cuenta de que la autora no tiene mucho contenido en su haber y tiene que cuadrar las cuentas con bastantes descripciones y repeticiones. Las partes eróticas son ya cansadas de lo continuadas que son.

    said on 

Sorting by