Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Las pruebas

El corredor del laberinto, 2

By

Publisher: Nocturna (Literatura mágica, 7)

4.0
(454)

Language:Español | Number of Pages: 496 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , German , Italian , Portuguese

Isbn-10: 8493920002 | Isbn-13: 9788493920005 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Noemí Risco Mateo

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Las pruebas ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
El laberinto era sólo el principio

Resolver el laberinto se suponía que era el final. No más pruebas, no más huidas. Thomas creía que salir significaba que todos recobrarían sus vidas, pero ninguno sabía a qué clase de vida estaban volviendo.

Árida y carbonizada, gran parte de la tierra es un territorio inservible. El sol abrasa, los gobiernos han caído y una misteriosa enfermedad se ha ido apoderando poco a poco de la gente. Sus causas son desconocidas; su resultado, la locura.

En un lugar infestado de miseria y ruina, y por donde la gente ha enloquecido y deambula en busca de víctimas, Thomas conoce a una chica, Brenda, que asegura haber contraído la enfermedad y estar a punto de sucumbir a sus efectos. Entretanto, Teresa ha desaparecido, la organización CRUEL les ha dejado un mensaje, un misterioso chico ha llegado y alguien ha tatuado unas palabras en los cuellos de los clarianos. La de Minho dice «el líder»; la de Thomas, «el que debe ser asesinado».

Sorting by
  • 3

    Me gustó mucho más el primero. En este se van mucho por las ramas y no se explica nada de lo verdaderamente interesante, y era lo que se prometía al terminar el primer libro, que por fin tenían respuestas. Muchas páginas para tan poco como se cuenta y muy poca imaginación en las pruebas. Lo único ...continue

    Me gustó mucho más el primero. En este se van mucho por las ramas y no se explica nada de lo verdaderamente interesante, y era lo que se prometía al terminar el primer libro, que por fin tenían respuestas. Muchas páginas para tan poco como se cuenta y muy poca imaginación en las pruebas. Lo único que se salva son las bolas de metal que se encuentran al cruzar el pasadizo oscuro.
    El personaje de Thomas a veces llega a exasperar y durante todo el libro el lector se siente como si el autor estuviese jugando con él, al igual que CRUEL juega con los protagonistas de la historia.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Recuperare i ricordi

    Divorato nuovamente, e con sempre maggiore ansia di scoprire cosa, alla fine, abbia portato la CATTIVO ad elaborare questo piano diabolico pur di ottenere la cura all'Eruzione. Devo dire che l'interesse un po'scema: il Labirinto era comunque un enigma da risolvere, una curiosa realtà alternativa ...continue

    Divorato nuovamente, e con sempre maggiore ansia di scoprire cosa, alla fine, abbia portato la CATTIVO ad elaborare questo piano diabolico pur di ottenere la cura all'Eruzione. Devo dire che l'interesse un po'scema: il Labirinto era comunque un enigma da risolvere, una curiosa realtà alternativa che faceva nascere contrasti e reazioni fra i personaggi. La Zona Bruciata è solo una lunga corsa, con esseri come gli Spaccati che potranno essere tanti, e potranno essere insolitamente brutali, ma non dovrebbero comunque essere più gestibili di un gruppo di Dolenti??
    La storia del tradimento di Teresa ha un po' dell'assurdo ma è in qualche modo interessante all'interno della storia. Resta ora tutto da capire se nel terzo volume ci saranno le risposte che aspettiamo.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Cambiamenti

    Diciamo che rispetto al primo libro la narrazione comincia un po' a risentire dei cliché tipici del genere. Non che quell'atmosfera misteriosa che permea il libro vada scemando, ma la novità e il magnetismo con cui nel primo libro i protagonisti si destreggiavano nel labirinto qui la si sente man ...continue

    Diciamo che rispetto al primo libro la narrazione comincia un po' a risentire dei cliché tipici del genere. Non che quell'atmosfera misteriosa che permea il libro vada scemando, ma la novità e il magnetismo con cui nel primo libro i protagonisti si destreggiavano nel labirinto qui la si sente mancare. Si lascia troppo spazio ai sentimentalismi e poco all'introspezione psicologica degli altri personaggi nonché al senso della storia in sé. Nonostante tutto lettura piacevole quindi 4 stelle!

    said on 

  • 4

    E' impossibile non divorarselo!

    L'ho letto in un battibaleno! Scritto un po' con i piedi, alcuni discorsi e situazioni banalotte, tuttavia la suspense c'è sempre, ogni capitolo ti invoglia a leggere il successivo e la storia in sé è un gigantesco enigma che non vedi l'ora di risolvere leggendo l'ultimo libro!

    said on 

  • 3

    Si ya estás enganchado a la trilogía tienes que leerlo. También es verdad que si no fuera porque ya es necesario para mi salud mental descubrir qué pasa con CRUEL, no sé yo si seguiría con ello. Más en:
    http://labibliotecaderachel.blogspot.com.es/2014/11/las… ...continue

    Si ya estás enganchado a la trilogía tienes que leerlo. También es verdad que si no fuera porque ya es necesario para mi salud mental descubrir qué pasa con CRUEL, no sé yo si seguiría con ello. Más en:
    http://labibliotecaderachel.blogspot.com.es/2014/11/las-pruebas-de-james-dashner.html

    said on 

  • 4

    Altro libro altro esperimento

    Le peripezie di Tom e co. ricominciano esattamente da dove ci eravamo interrotti, e va subito tutto storto, come già ci aveva suggerito il precedente epilogo e sarà una corsa sfrenata in mezzo a pericoli, prove e misteri.
    Il libro mi è piaciuto, ma meno del primo.
    Partiamo dai punti f ...continue

    Le peripezie di Tom e co. ricominciano esattamente da dove ci eravamo interrotti, e va subito tutto storto, come già ci aveva suggerito il precedente epilogo e sarà una corsa sfrenata in mezzo a pericoli, prove e misteri.
    Il libro mi è piaciuto, ma meno del primo.
    Partiamo dai punti forti
    1) Cardipalmo: se il primo libro aveva diversi momenti davvero al cardiopalmo, qui letteralmente lievitano. Quasi tutto il libro si fa in apnea e questo è fantastico
    2) Sogni: il nostro protagonista continuerà a ricordare cose del suo passato in forma di sogno. Essi sono un ottimo escamotage e ci permettono di intuire/capire certe dinamiche altrimenti completamente lasciate ignote. Pochi ma buoni. Ho poco apprezzato l'uso del presente, ma poco male
    3) Labirintico: è inutile, fino alla fine non capisci dove si andrà a parare, non capisci chi sta tradendo chi e chi sta facendo cosa e perché. E soprattutto chi ne uscirà vivo
    4) La CATTIVO: perché in un mondo postapocalittico alla canna del gas, spendere miliardi di dollari per trasportare un branco di ragazzini è stile! (?)

    Tutti questi pregi designano il libro come buono, anzi, lo si divora, però ci sono dei ma, parecchi ma:
    1) la città: qual è, ha un nome? Possibile che nessuno lo sappia? E soprattutto possibile che, data la sua popolazione, abbia tutto quel cibo a disposizione?! Io lo reputo poco credibile
    2) il test: prima ho detto che era labirintico e che quindi non capivi niente... ma la verità è che non ci capisci niente anche perché OGGETTIVAMENTE metà delle cose non è che ce l'abbiano poi così tanto! (spoiler) ma perchè le ragazze prima devono uccidere Tom e poi si aspettano di poter arrivare al porto sicuro senza fare una brutta fine? Chi l'ha decretato? E soprattutto, perché la loro missione, nel tutto, è così stupida, inutile e fallimentare? Si potrebbe dire che la CATTIVO ama dare prove inutili, ma qui forse siamo un po' oltre
    3) le ragazze: (spoiler piccolo) mi spiegate perché le ragazze sono sopravvissute praticamente in numero doppio rispetto ai ragazzi?! Tom se la cava con un "sono toste", ma a me, lettore, non basta: come fanno delle ragazze a battere dei mostri meglio dei ragazzi? La forza bruta CERTO non è dalla loro, quindi?
    4) <B>Dicci di più</B>: quali sono le fasi dell'eruzione? Quanto tempo hai di vita? Di cosa, esattamente, muori? Dov'è la sede della CATTIVO? Dove sono sorti i labirinti? Cos'ha fatto il gruppo B? Com'è il test per l'eruzione... Cavolo, dicci qualcosa di più
    5) Che roba è?: (spoiler) ad inizio libro assistiamo ad una dimostrazione della potenza tecnologica della CATTIVO. Dicono di poterli muovere a loro piacimento (e sappiamo che è vero) e dicono persino di poter provocare illusioni etc ai ragazzi. Ecco, bella buttata, ma qualche dettaglietto in più, per errore?! E magari, già che siamo in vena di domande, ma se puoi creare tutte le illusioni che vuoi, perché al posto di costruire il labirinto non li sbattevi tutto in un viaggio fatto di tecno-acidi?!
    6) Tom: Tom non è speciale, ma è speciale. La CATTIVO non favorisce nessuno, ma Tom ha un trattamento IPERspeciale. Non discuto sia indubbiamente diverso dagli altri, anche solo per il fatto che man mano capiamo come lui sia molto coinvolto nella missione, ma... la coerenza?!O.o prima tenti di ucciderlo e poi lo salvi?! Ma andiamo!
    7) Teresa: pure lei... io a fine libro, sinceramente, non ho capito quando mente, se mente e perché mente. Mistero
    8) Genio ad intermittenza: intelligentissimi, sveglissimi, bravissimi. Ma poi ti sparano teorie del bip, non capiscono le cose più ovvie o fanno la scelta più stupida. Bocciati
    9) Minho: lo trovo semplicemente irritante
    10) Non ti perdonerò mai: mi riferisco a fine libro. Chi ha letto capirà. Con tutto quello che hanno combinato, sinceramente, mi sembra davvero un atteggiamento eccessivo
    11) Gruppo B: l'ho già detto diverse volte che si è poco sfruttato il secondo gruppo di cavie, ma ora mi volevo soffermare su un dettaglio. PERCHE'-A-FINE-LIBRO-USANO-LO-SLANG-DEI-RADUNAI?! Non dovrebbero OVVIAMENTE averne uno loro? Perché capiscono e parlano quello dei Radunai, al punto di parlare serenamente di Dolenti?! Male, male e male!

    Nel complesso è un buon libro: ha gli stessi difetti del primo, solo che questa volta ha una trama molto più campata in aria, che però si auto-compensa perché è molto più adrenalinica.
    4, perché si poteva fare di più.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Guilty pleasure (ossia: è stupido ma lo leggo comunque...)

    Mi tocca ripetere quanto detto per il primo libro: gran begli spunti, ma sembra di leggere una storia per bambini coi protagonisti adolescenti che si comportano da bambini (altro che diciottenni!), il tutto scritto un po' come viene - va bene che non è un romanzo di formazione, ma certi escamotag ...continue

    Mi tocca ripetere quanto detto per il primo libro: gran begli spunti, ma sembra di leggere una storia per bambini coi protagonisti adolescenti che si comportano da bambini (altro che diciottenni!), il tutto scritto un po' come viene - va bene che non è un romanzo di formazione, ma certi escamotages hanno la profondità di una pozzanghera.
    C'è gente che muore male ma tanto son sempre figure di sfondo di cui non sappiamo nulla, quindi più che partecipazione emotiva c'è solo tanta noia. Manco fosse splatter vero...

    Menzione d'onore per il cambio di personalità dei tre protagonisti: Thomas è una lagna, Minho vorresti prenderlo a schiaffi da quanto è supponente, e Newt acquista lo spessore di un foglio di carta. Evabbé. :(

    Ormai ci sono dentro e voglio finire la saga, vediamo a quali vette di lirismo riusciamo ad arrivare.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    The Maze runner 2

    Quattro stelle e mezzo

    Angoscia. E rabbia. E inquietudine. E impotenza.
    Queste sono le emozioni che ho principalmente sentito durante la lettura di questo libro.
    I Radurai, gruppo A e gruppo B, sono costretti ad affrontare nuove prove per la sopravvivenza, per un bene su ...continue

    Quattro stelle e mezzo

    Angoscia. E rabbia. E inquietudine. E impotenza.
    Queste sono le emozioni che ho principalmente sentito durante la lettura di questo libro.
    I Radurai, gruppo A e gruppo B, sono costretti ad affrontare nuove prove per la sopravvivenza, per un bene superiore. Ma queste serviranno? Tutta questa crudeltà avrà un senso alla fine? È una cosa veramente terribile avergli dato una Speranza per poi sottrargliela immediatamente; lo è altrettanto costringere alcune persone al tradimento e altre a subirlo.
    È la verità qual è?
    La C.A.T.T.I.V.O. è buona?
    Di chi fidarsi? (in questo, obbiettivamente, la figura dei ragazzi ne esce un po’ troppo ingenua; non dovrebbero fidarsi di nessuno e invece si fidano di tutti).
    Teresa quand’è che mente?
    Quanto loro stessi sono responsabili dei test che subiscono?
    Dov’è la manipolazione? È nell’ostinarsi a fare quello che è stato loro impartito, quale che siano le conseguenze o il ribellarsi agli ordini, è quello che in realtà vogliono?

    Sicuramente è “più movimentato” del primo; lo stile di Dashner è sempre pulito, scorrevole, incalzante, appassionate e ti tiene legato alla storia pagina dopo pagina, fino al nuovo ribaltamento finale.
    È una lettura cupa ed emozionale.
    E adesso l’epilogo.

    said on 

Sorting by