Lavorare stanca

Voto medio di 545
| 67 contributi totali di cui 37 recensioni , 29 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
La raccolta che rivelò il Pavese scrittore concentra e mette a fuoco un intero universo esistenziale, quello che sarà successivamente declinato nei romanzi e nei racconti. La Torino dei viali, dei corsi, delle sponde del Po, metafora di una "solitudi ...Continua
Wisconsin
Ha scritto il 08/09/16
Ero curioso di capire meglio in cosa consistesse la metrica "istintiva" di Pavese , i versi costruiti a voce, "rimormorati, mugolati" (termini suoi, cfr. "Il mestiere di poeta" in appendice) certo su ispirazione degli esempi di lingua nordamericana,...Continua
vs
Ha scritto il 02/08/15

La poesia di Lavorare stanca è molto narrativa: vi sembrerà di leggere un libro di racconti. (Per il Pavese poeta, rimando alla raccolta Verrà la morte e avrà i tuoi occhi)

Quattrocchia
Ha scritto il 13/01/14
Queste dure colline che han fatto il mio corpo e lo scuotono a tanti ricordi, mi han schiuso il prodigio di costei, che non sa che la vivo e non riesco a comprenderla. L'ho incontrata, una sera: una macchia più chiara sotto le stelle ambigue, nella f...Continua
Akiropitas
Ha scritto il 07/11/13

era come avessi messo le radici nel suo sangue

SiMoNa
Ha scritto il 02/03/13
Un ricordo Non c'è uomo che giunga a lasciare una traccia su costei. Quant'è stato dilegua in un sogno come via in un mattino, e non resta che lei. Se non fosse la fronte sfiorata da un attimo, sembrerebbe stupita. Sorridon le guance ogni volta....Continua

Raperîn
Ha scritto il Aug 03, 2013, 22:19
Paesaggio VI (in Paternità) Quest'è il giorno che salgono le nebbie dal fiume nella bella città, in mezzo a prati e colline, e la sfumano come un ricordo. I vapori confondono ogni verde, ma ancora le donne dai vivi colori vi camminano. Vanno nella b...Continua
Raperîn
Ha scritto il Aug 02, 2013, 21:13
Notturno (in Dopo) La collina è notturna, nel cielo chiaro. Vi s'inquadra il tuo capo, che muove appena e accompagna quel cielo. Sei come una nube intravista tra i rami. Ti ride negli occhi la stranezza di un cielo che non è il tuo. La collina di t...Continua
Raperîn
Ha scritto il Aug 02, 2013, 20:58
Mattino (in Dopo) La finestra socchiusa contiene un volto sopra il campo del mare. I capelli vaghi accompagnano il tenero ritmo del mare. Non ci sono ricordi su questo viso. Solo un'ombra fuggevole, come di nube. L'ombra è umida e dolce come la sab...Continua
Raperîn
Ha scritto il Aug 02, 2013, 20:42
Mania di Solitudine (in Dopo) Mangio un poco di cena alla chiara finestra. Nella stanza è già buio e si vede nel cielo. A uscir fuori, le vie tranquille conducono dopo un poco, in aperta campagna. Mangio e guardo nel cielo - chi sa quante donne stan...Continua
Raperîn
Ha scritto il Aug 02, 2013, 20:22
Atavismo (in Città in Campagna) Il ragazzo respira più fresco, nascosto dalle imposte, fissando la strada. Si vedono i ciottoli per la chiara fessura, nel sole. Nessuno cammina per la strada. Il ragazzo vorrebbe uscir fuori così nudo - la strada è d...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Apr 27, 2016, 07:15
851.9 PAV 6967 Letteratura Italiana

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi