Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Le Côté de Guermantes

By

Editeur: Gallimard (Folio)

4.4
(17)

Language:Français | Number of pages: 765 | Format: Paperback

Isbn-10: 2070392457 | Isbn-13: 9782070392452 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Fiction & Literature

Aimez-vous Le Côté de Guermantes ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 5

    Il sublime e la noia

    Tanta fatica per arrivare in fondo a queste lunghissime 660 pagine, ma ne vale assolutamente la pena.
    Ammetto che la Recherche a volte mi risulta un pochino pesante. In questo volume, tanto per fare un esempio, il racconto di una cena dalla duchessa di Guermantes si protrae per un buon 130 ...continuer

    Tanta fatica per arrivare in fondo a queste lunghissime 660 pagine, ma ne vale assolutamente la pena.
    Ammetto che la Recherche a volte mi risulta un pochino pesante. In questo volume, tanto per fare un esempio, il racconto di una cena dalla duchessa di Guermantes si protrae per un buon 130 pagine. Inevitabile un pizzico di comprensione per quel critico che stroncò Proust dicendo che non capiva che interesse ci fosse nella lunga descrizione di come un tizio si gira e si rigira nel letto prima di addormentarsi!
    Eppure leggere Proust è straordinario. Davvero, non c’è paragone con nessun altro romanzo che io conosca. Il che non vuol dire che Proust sia per forza “superiore” ad altri autori, piuttosto direi che è radicalmente diverso. Credo che la Recherche abbia la particolarità di modificare profondamente la nostra percezione della realtà. Bè, forse detto così è un po’ esagerato. Intendo che Proust ci fa conoscere e rivalutare degli aspetti della nostra vita su cui altrimenti non ci saremmo mai soffermati. Che poi è la concezione dell’arte e della letteratura che lui stesso espone nella Recherche. In questo senso sono d’accordo con Alain de Botton che sostiene che Proust può cambiarci la vita.
    In conclusione mi limito a constatare che il sublime e la noia, a quanto pare, non si escludono a vicenda.

    dit le