Le Confessioni

Di

Editore: Einaudi (I millenni)

4.0
(1253)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 369 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Portoghese

Isbn-10: A000149352 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Carlo Carena ; Prefazione: Michele Pellegrino

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Cofanetto , Copertina morbida e spillati , Altri , eBook

Genere: Biografia , Filosofia , Religione & Spiritualità

Ti piace Le Confessioni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    a.k.a. Il Manuale dei Giovani Bigotti

    Il negroni sbagliato della storia della letteratura cattolica. Una parte analcolica di spiritualità ogni diciannove di dogmatismo antimanicheo oltre i 40°C.
    Barista, per me un vodka lemon ma con ghiac ...continua

    Il negroni sbagliato della storia della letteratura cattolica. Una parte analcolica di spiritualità ogni diciannove di dogmatismo antimanicheo oltre i 40°C.
    Barista, per me un vodka lemon ma con ghiaccio abbondante, per piacere, che stasera non ho voglia di fare serata.

    ha scritto il 

  • 1

    noioso all'inverosimile

    seghe mentali di un bigotto affetto dal complesso d'Edipo, per secoli spacciate come idee geniali e ragionamenti innovativi. Anche contestualizzandola, risulta un'opera inutile e scontata, nonostante ...continua

    seghe mentali di un bigotto affetto dal complesso d'Edipo, per secoli spacciate come idee geniali e ragionamenti innovativi. Anche contestualizzandola, risulta un'opera inutile e scontata, nonostante la si ammanti di significati alti.

    ha scritto il 

  • 5

    Ci sono tre livelli in quest'opera: una autobiografica, una filosofica e una di lode a Dio. Tutte e tre presenti ma che sfumano da una prima parte più autobiografica all'ultima più di lode a Dio. Dipe ...continua

    Ci sono tre livelli in quest'opera: una autobiografica, una filosofica e una di lode a Dio. Tutte e tre presenti ma che sfumano da una prima parte più autobiografica all'ultima più di lode a Dio. Dipende da quando si legge e con che spirito, può essere un libro noioso o bellissimo. Io l'ho trovato bellissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Ci vuole il giusto stato d'animo.

    Per leggere questo libro bisogna avere uno stato d'animo particolare, un forte desiderio di comprendere il significato di questa vita e soprattutto bisogna avere la capacità di aprire e liberare la me ...continua

    Per leggere questo libro bisogna avere uno stato d'animo particolare, un forte desiderio di comprendere il significato di questa vita e soprattutto bisogna avere la capacità di aprire e liberare la mente, quasi fosse una pagina bianca su cui cominciare a scrivere un nuovo capitolo della propria vita.

    ha scritto il 

  • 5

    Non si può recensire un classico; si può solo recensire noi stessi, in quanto leggenti (accorgendosi, al confronto, di venir più che altro "letti". Quelli di morte, purtroppo: ché un classico è eterno ...continua

    Non si può recensire un classico; si può solo recensire noi stessi, in quanto leggenti (accorgendosi, al confronto, di venir più che altro "letti". Quelli di morte, purtroppo: ché un classico è eterno, e mai è, mentre noi duriamo il battito d'ala di una farfalla, e mai siamo).

    ha scritto il 

  • 4

    Sono arrivata a S. Agostino dopo un percorso spirituale molto particolare, guidata e seguita paternamente dal mio amico Don, e ad un certo punto ho sentito di dovermi confrontare con lui. Ho sentito c ...continua

    Sono arrivata a S. Agostino dopo un percorso spirituale molto particolare, guidata e seguita paternamente dal mio amico Don, e ad un certo punto ho sentito di dovermi confrontare con lui. Ho sentito che dovevo sentire ciò che Agostino aveva da dire. Questa sua eredità è un'eredità eterna, la storia della sua vita, soffermandosi più sui momenti di fatica, di difficoltà, di sconforto, questa sua fede conquistata passettino dopo passettino, questa illuminazione arrivata alla fine di un percorso lungo, faticoso e doloroso è quello di ognuno di noi.
    Chi di noi non ha avuto dubbi, chi di noi ha fatto fatica a fidarsi, chi di noi ha sostenuto l'esatto contrario di ciò che dice il Vangelo?
    Ebbene, S. Agostino è uno di noi, uno che ha dubitato, uno che non ha avuto fede, uno che non si è fatto prendere dal primo entusiasmo ma che ha voluto andare a fondo, ha voluto capire e ha capito solo al momento in cui si è arreso, in cui ha smesso di capire con la testa e ha iniziato a capire col cuore.
    Il mio amico Don dice che questo è un libro da leggere quando si è a metà percorso, quando hai commesso abbastanza errori, quindi da non leggere in giovane età. Con la mia esperienza posso dire che è proprio così.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per